in

questo infox che cerca di tramandare il massacro di Boutcha per una scena

Dalla scoperta del massacro di numerosi civili nella città di Boutcha, 30 chilometri a nord-ovest della capitale ucraina, il Cremlino e i suoi alleati hanno diffuso una miriade di contro-narrazioni, spesso complicate, fuorvianti o sospette, per espellere la Russia dalle sue responsabilità .

Leggi anche: Massacro di Boutcha: sui social l’operazione di disinformazione di Mosca

Le donne morirebbero a Boutcha. hanno simulato

Un messaggio attribuito all’ucraino che vive a Leopoli, Nastya Savchyshyn, è diventato virale pochi giorni dopo il massacro di Boutcha. La giovane scrive in ucraino accanto a una sua foto e a una foto di una donna morta: “Mi chiamo Nastya Savchyshyn, ho vissuto a Boutcha. Queste sono due mie foto. Nei momenti di riposo mi piaceva viaggiare. Sono stato ucciso e violentato da [censuré] perché sono ucraino. † Da allora questa pubblicazione è stata utilizzata per dimostrare che il massacro di Boutcha è stato un “fase”come scrive l’agenzia di stampa russa Ria FAN, anche a ” menzogna “secondo l’account Telegram di Donbass Insider, un sito in lingua francese con opinioni ferocemente filo-russe.

Dichiarazioni di supporto mal interpretate

Se Nastya Vachyshyn esiste, l’interpretazione del suo messaggio non è corretta. In un messaggio su Instagram del 7 aprile, denuncia anche a “impostore” e un tentativo di “propaganda”† Il suo primo fotomontaggio, del giorno prima, non aveva lo scopo di ammettere che il massacro di Boutcha fosse una bufala a cui avrebbe partecipato come comparsa, ma di mostrare che questa donna morta, “potrebbe essere stato chiunque di noi”

Questo stesso testo è ripetuto in diversi messaggi simili che circolano. Associare la sua foto a quella di una vittima è diventato un modo per le giovani donne ucraine di mostrare il loro dolore e la loro solidarietà con la morta di Boutcha sui social network. Secondo quanto riferito, l’idea è stata lanciata su Instagram il 4 aprile da un’artista ucraina di nome Mariia Vorobiova.

Secondo quanto riferito, la polizia ucraina ha confessato di aver “pulito” i “collaboratori”

«Si scopre che il sito della Polizia Nazionale [ukrainienne] ha annunciato la pulizia dei “dipendenti” da parte di #Boutcha il 2 aprileassicura su Twitter Alexandre Nevsky, un utente di Internet francese che trasmette gli elementi di propaganda del Cremlino. E il giorno dopo puoi vedere i cadaveri. Accusare i russi era dilettantismo, hanno provato il loro trucco, non esiteranno a rifarlo. † Secondo questo rapporto, il massacro di Boutcha è stato perpetrato dalle forze di sicurezza ucraine, non dai soldati russi.

Un comunicato stampa tradotto male

Questo falso si basa su due documenti scritti in russo, ma nessuno dei due corrisponde a un articolo esistente online.

La polizia ucraina ha comunicato bene durante una visita alla città torturata, ma il 3 aprile, secondo il sito ufficiale. A proposito, questo articolo parla di: “identificazione di sabotatori e saccheggiatori”e non eliminare.

Non si può escludere che l’abuso sia stato commesso dall’esercito ucraino, ma questo comunicato stampa, brandito dai filorussi, non contiene alcun elemento che possa dimostrarlo.

Secondo quanto riferito, i soldati ucraini hanno deposto i corpi stessi

Un breve video che mostra i soldati ucraini che trascinano a terra corpi inerti con dei cavi è stato trasmesso in particolare su Twitter e interpretato in atmosfere cospirative come prova di una macabra messa in scena orchestrata dalle stesse forze ucraine. “in piena preparazione per i media occidentali”.

Questa interpretazione supporta l’argomento russo secondo cui i corpi che giacevano nelle strade della città furono gettati via dopo la partenza delle truppe russe il 1ehm aprile, e che quindi non si può incolpare loro il massacro di Boutcha.

Un’operazione di pulizia del corpo

Le immagini provengono in realtà da un video dell’Associated Press, come notato dal Verifica dei fatti dell’account Twitter Ricerca falsa6 aprile I giornalisti di AP li hanno filmati il ​​2 aprile a Boutcha e da allora sono stati archiviati e contestualizzati sul sito web dell’agenzia di stampa.

Il video di 2 minuti e 12 secondi mostra i residenti di Boutcha che assistono ad abusi, corpi inerti e soldati ucraini per le strade della città. Per due volte nelle immagini vediamo che quest’ultimo trascina i cadaveri a terra con dei cavi e cambia posizione. AP poi spiega: “I soldati tirano il cadavere con un cavo, per paura che si impigli”† Si tratta quindi di un’operazione di sminamento e non di una messa in scena.

Secondo quanto riferito, gli ucraini hanno usato manichini per fingere di essere morti

Diversi resoconti, la maggior parte filo-russi, trasmettono un video pubblicato il 6 aprile su Twitter e su Telegram, che mostra due uomini che brandiscono un manichino e lo coprono con del nastro adesivo. Gli utenti interpretano queste immagini come nuove “prova” che il massacro di Boutcha è solo un… “fase”

La preparazione di questo manichino, filmata come parte delle riprese di un film, è fuori contesto per affermare che il massacro di Boutcha è stato messo in scena.

Un video di girare un film

Queste immagini provengono dall’account TikTok di un blogger e comico russo di 29 anni di nome Philippe Fedorchuk. Il video originale, pubblicato il 29 marzo e visto più di un milione di volte, è accompagnato da una didascalia in russo. Tradotto letteralmente significa: “Preparare un manichino per una caduta in un film”

Su Instagram e TikTok, Philippe Fedorchuk pubblica regolarmente foto e video delle location delle riprese a San Pietroburgo, in Russia. Ad esempio, il 5 aprile ha pubblicato un selfie insieme all’attore russo Alekseï Kravtchenko sul set della serie “Forze speciali russe”. Queste immagini non hanno alcun collegamento con la guerra in Ucraina.

Il massacro è stato orchestrato dai servizi segreti ucraini e britannici, secondo un parlamentare ucraino

Circola un altro video in cui si spiega che la tragedia di Boutcha sarebbe stata “preparata” dai servizi segreti ucraini (SBU) guidati dai servizi segreti britannici (MI6). In particolare, questo rapporto del “deputato ucraino Ilya Kiva” è stato registrato da Le Media su 4-4-2, un sito di cospirazione pro-Cremlino. Su Twitter, l’ambasciata russa in Francia ha pubblicato: un video fare la stessa accusa.

La testimonianza di questo ex deputato ucraino, accusato di alto tradimento per la sua posizione pro-Cremlino, viene usata come prova di una cospirazione, nonostante le incongruenze nel suo discorso.

Un’affermazione senza prove, contraddetta dalle testimonianze

Questa accusa molto forte non si basa su alcuna prova fino ad oggi. Dal momento che la città di Boucha è stata nelle mani delle truppe russe dal 7 al 31 marzo, sembra difficile spiegare come i servizi segreti ucraini siano stati in grado di agire in modo tale che i corpi siano stati trovati il ​​1 marzo.ehm Aprile, giorno della liberazione della città. Inoltre, secondo le analisi delle immagini satellitari pubblicate dal New York TimesDiversi cadaveri erano in strada da tre settimane. Anche le esecuzioni di civili da parte di soldati russi sono state confermate e corroborate da diverse testimonianze dei residenti.

Anche il personaggio di Ilya Kiva è fonte di controversa obiettività. Membro del partito di opposizione filorusso Platform-For Life, questo ex vice e candidato alla presidenza è stato perseguito in Ucraina dal 6 marzo per alto tradimento. È accusato dal procuratore generale Iryna Venediktova di aver partecipato alla propaganda di guerra del Cremlino.

Leggi anche: Massacro di Boutcha: cosa sappiamo del ritrovamento dei corpi dei civili


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Morte di Miguel Angel Estrella, pianista e umanista

Prezzi del carburante: Totale, Casinò, Super U… quali sono i buoni piani per il fine settimana?