in

Ritirato da LeBron, il curry finalmente si diffonde

Stretto amico di LeBron James, tuttavia, Stephen Curry ha rifiutato l’opportunità di giocare con il re nel secondo. Perché ? La guardia di sicurezza del Golden State è tornata di recente sull’argomento, spiegando che non poteva immaginare che ciò accadesse.

Non è un segreto LeBron James e Stefano Curry sono molto vicini dentro e fuori dal campo. I due uomini giocano regolarmente insieme agli All-Star Games, provengono dalla stessa città dell’Ohio e si rispettano immensamente. Non sorprende quindi che l’esterno abbia recentemente dichiarato di sognare di giocare con la superstar dei Warriors, cosa che ha subito catturato l’attenzione di tutti.

Salvo che il capo non perse tempo a fermarsi in modo netto e netto a questa idea, rovinando le speranze di tanti fan del pallone arancione. Ma perché esattamente ha rifiutato? Durante un colloquio con il suo compagno di squadra Draymond Green, il doppio MVP ha restituito la sua decisione in modo più dettagliato. Oltre ad essere molto felice del suo attuale roster, la guardia crede che un duo del genere possa essere visto solo in un videogioco:

Curry: “Devi essere realistico, funziona solo in 2K”

Ok, quindi se realizzi un design fantasy e costruisci una squadra e hai ciò che Bron può fare e il modo in cui posso girare io, allora ovviamente c’è qualcosa di cui essere curiosi, come sarebbe? Ma c’è anche un certo realismo da mantenere, motivo per cui ho detto: “Sto bene dove sono ora”. Ma se fosse su 2K, sarebbe piuttosto pazzesco.

Capiamo, ovviamente, il leader del Dubs ricordando che se l’associazione fa ricorso sulla carta, nulla dice che funzionerebbe. Il n. 30 eccelle nel tirare fuori la palla, mentre il Purple and Gold è un eccellente distributore di palla. Tuttavia, entrambi hanno bisogno dello swell nelle loro mani per brillare al massimo, e questo può essere problematico quando si ha a che fare con i tempi di denaro.

Inoltre, Baby Face non ha mai nascosto di voler trascorrere tutta la sua carriera nella Baia, lui che si è sviluppato lì per più di dodici anni. Un approccio raro degli ultimi anni e che mostra tutto l’attaccamento che ha alla sua scuderia di sempre, che lo ha reso un giocatore di tutti i tempi. Vederlo andare ai Lakers, che sono anche rivali di divisione, sarebbe un crimine di lesa maestà agli occhi dei tifosi.

Per chi vuole vedere LeBron e Steph Curry con gli stessi colori, hai solo due opzioni: guardare l’All-Star Game, o accendere la console come suggerisce lo Chef… Dimentichiamoci del resto.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Quale valuta dovrei comprare per proteggermi dall’inflazione? » Editoriale di Carlo SANNAT

Kojima Productions acquisita da PlayStation? Hideo mette le cose in chiaro