in

“Se non lo facciamo, chi lo farà?”

Sergei chiude il sacco per cadaveri, solleva il corpo e poi apre lo sportello del cassonetto. Mette il corpo accanto agli altri due. È il ventesimo residuo che questa persona a capo di una delle due squadre di becchini di Boutcha trasporta dall’inizio della giornata, giovedì 7 aprile. Una settimana dopo la scoperta di diverse centinaia di vittime civili e la partenza delle truppe russe, i residenti di questa cittadina a nord-ovest di Kiev, in Ucraina, stanno ancora lottando per comprendere l’entità del massacro.

>> 44° giorno di guerra in Ucraina: seguici in diretta

“Tre corpi furono bruciati e non si sa se fossero donne, dice Sergei. Tutti gli altri sono uomini. E in questo momento non ci sono bambini. Rimane solo il teschio ed è difficile identificarlo. Ce ne sono molti in quello stato. I russi no non ha lasciato che li prendessero e i corpi sono stati lasciati lì per strada. Queste persone sono state uccise”.

Sergei, con la squadra che perquisisce e raccoglie i corpi dei civili a Boutcha (Ucraina).  (BENJAMIN THUAU / RADIO FRANCIA)

Sergei sta inseguendo indicando il corpo di una vittima “Per questa persona è come ovunque qui, stava camminando per strada ed è stata uccisa solo per divertimento. I soldati russi hanno rubato alcolici dai negozi. Erano ubriachi, quindi hanno iniziato a sparare”. Accuse di abuso che la Russia ha respinto “categoricamente”, nelle parole del portavoce del Cremlino.

Ogni giorno, dalla partenza delle truppe russe, Sergei attraversa la città alla ricerca e al recupero di cadaveri: “Noi resistiamo, se non lo facciamo, chi va?” E come tutti i residenti di Boutcha, Sergei cerca di capire le ragioni che hanno portato i russi a commettere un massacro che finora è unico per violenza e grandezza: “Boutcha è una città europea e moderna. E venivano da villaggi sperduti, non hanno niente, niente elettricità, niente asfalto, niente. Non sanno come vive la gente. Sono venuti da mio zio e sono rimasti sorpresi di vedere la sua casa “Loro ci ha detto che non avevano case del genere nei loro villaggi. Mio zio è un uomo semplice che ha lavorato e costruito la sua casa. Per fortuna non è morto. I russi hanno distrutto tutto per gelosia”.

Nel container del furgone, la squadra di Sergei raccoglierà venti corpi quel giorno.  (BENJAMIN THUAU / RADIO FRANCIA)

I corpi vengono raccolti vicino al cimitero di Boutcha alla fine della giornata. Vengono poi individuati quando è ancora possibile, prima di essere trasferiti in vari obitori della regione.

A una settimana dalla scoperta del massacro, Boutcha continua a cercare i morti – il rapporto di Thibault Lefèvre e Benjamin Thuau

ascoltare


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il fenomeno delle vere casalinghe arriva in Nigeria

È confermato, Sosh si sta (finalmente) preparando a lanciare i suoi pacchetti 5G