in

sei spie russe espulse dalla Francia

Sei spie russe “sotto copertura diplomatica” sono state dichiarate persona non grata dalla Francia. Questa sanzione fa seguito a una “lunga indagine” da parte della DGSI.

Il logo della DGSI, a Parigi.
Il logo della DGSI, a Parigi. © AFP / STEPHANE DE SAKUTIN

Lo ha annunciato lunedì sera in un comunicato stampa del ministero degli Affari esteri. †Dopo una lunghissima indagine, domenica 10 aprile la Direzione generale della sicurezza interna (DGSI) ha svelato un’operazione clandestina dei servizi segreti russi sul nostro territorio. Di, “sei agenti russi operanti sotto copertura diplomatica (…) sono stati dichiarati persona non grata.

Queste spie vengono quindi espulse. Il ministero aggiunge che stavano operando sotto la copertura della loro ambasciata a Parigi e che il loro… “le attività sono risultate contrarie agli interessi nazionali”Lunedì sera è stato convocato al Quai d’Orsay il numero due dell’ambasciata “essere informato di questa decisione”.

“Notevole operazione di controspionaggio”

Il ministro dell’Interno su Twitter ha elogiato un “notevole operazione di controspionaggio.”Bravo agli agenti della DGSI che hanno ostacolato una rete di agenti clandestini russiGérald Darmanin ha anche avvertito che “nell’ombra, la DGSI veglia sui nostri interessi fondamentali

Per visualizzare questo contenuto di Twitter, devi accettare i cookie Social networks

Questi cookie consentono di condividere o commentare direttamente sui social network a cui sei connesso o di integrare contenuti originariamente pubblicati su questi social network. Consentono inoltre ai social network di utilizzare le tue visite ai nostri siti e applicazioni per la personalizzazione e il targeting pubblicitario.

Gestisci le mie scelte

Parigi aveva già annunciato l’espulsione di 35 diplomatici russi lunedì scorso e già ripetuto la formula che le loro attività erano “opposti“agli interessi francesi e affermando che la sanzione faceva parte di”un approccio europeo.

Diplomatici russi deportati anche in altri paesi europei

Molti altri paesi europei come Germania, Italia, Spagna, Slovenia, Austria, Polonia, Grecia o Croazia hanno espulso in massa i diplomatici russi dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Gli Stati Uniti, dal canto loro, hanno inviato all’inizio di marzo dodici membri della missione diplomatica russa all’ONU.

In alcuni casi, queste espulsioni sono state ufficialmente progettate in risposta allo scoppio della guerra in Ucraina da parte delle truppe russe e agli abusi di cui sono state accusate dagli occidentali. In molti altri casi erano: accompagnato da accuse di spionaggio.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Thomas Dutronc: Perché sta lontano da suo padre durante il loro primo concerto martedì prossimo?

LoL: L’MMO ambientato in Runeterra ha “nessuna garanzia per uscire”