in

un candidato in meno per l’acquisizione del club

Il pallone dei contendenti al Chelsea si fa sempre più chiaro. Il consorzio guidato dalla famiglia Ricketts, proprietaria dei Chicago Cubs (baseball), ha annunciato venerdì che avrebbe gettato la spugna. Era uno dei quattro candidati ancora in corsa.

Sono solo tre nel ballo. Andando ad acquistare il potente club inglese Chelsea, che è stato lasciato andare dal proprietario russo Roman Abramovich, la famiglia Ricketts ha ufficializzato il suo desiderio di ritirarsi dalla corsa per acquistare i campioni d’Europa in carica.

In una dichiarazione rilasciata venerdì, la famiglia di Tom e Laura Ricketts, proprietari della franchigia americana di baseball Chicago Cubs, che aveva collaborato con Ken Griffin, multimiliardario americano specializzato in fondi di investimento, e Dan Gilbert, proprietario del basket Cleveland Cavaliers franchising, ha annunciato che non avrebbe fatto un’offerta finale perché tutti i membri del consorzio non erano d’accordo sulla composizione di quest’ultimo.

“Alcuni problemi non possono essere affrontati data la dinamica insolita”

“Il gruppo Ricketts-Griffin-Gilbert ha deciso, dopo un’attenta considerazione, di non fare un’offerta finale per il Chelsea FC”, si legge nel comunicato della famiglia Ricketts. Quando la proposta è stata finalizzata, è diventato sempre più chiaro che alcuni problemi non potevano essere risolti. affrontate date le dinamiche inusuali che circondano il processo di vendita”, senza fornire ulteriori dettagli.

La candidatura del consorzio guidato dalla famiglia Ricketts è stata accolta calorosamente dai sostenitori dei Blues, centinaia dei quali avevano manifestato intorno a Stamford Bridge per denunciare le email dai toni islamofobici inviate tra il 2009 e il 2013 dal patriarca della famiglia, Joe (80 anni) . Tuttavia, questa sfiducia non ha avuto alcun ruolo nel ritiro dell’offerta dei Ricketts, assicura l’agenzia di stampa della PA.

Tre candidati attesi per 3 miliardi di euro

Diversi potenziali acquirenti si sono fatti avanti dopo l’annuncio della vendita del 2 marzo da parte di Roman Abramovich, costretto a rinunciare al suo posto a causa dei suoi presunti legami con Vladimir Putin e delle sanzioni imposte dal governo britannico. Le offerte finali dovevano essere presentate giovedì alla banca di investimento di New York Raine, per conto di Abramovich. Ricordiamo che la direzione spera in una rapida vendita di circa 2,5 miliardi di sterline (3 miliardi di sterline).

Con il ritiro dei Ricketts, ora ci sono tre finalisti in gara: Todd Boehlyco-proprietario della franchigia di baseball americana dei Los Angeles Dodgers e di basket dei Los Angeles Lakers – sostenuto dai contributi del miliardario svizzero Hansjorg Wyss e dell’imprenditore britannico Jonathan Goldstein –, Sir Martin Broughtonex presidente del Liverpool – sostenuto dal consorzio Harris Blizter Sports & Entertainment, proprietario della franchigia di basket statunitense dei Philadelphia Sixers e co-proprietario della squadra di football inglese del Crystal Palace – e Steve Pagliucache possiede azioni della franchigia di basket americana dei Boston Celtics e della squadra di calcio italiana Atalanta Bergamo.

Romain Daveau Giornalista sportivo di RMC

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Una delle più grandi reti di hacker è caduta

Speedons: da Star Wars a Zelda, stasera iniziano le speedrun di beneficenza!