in

Un giovane yazida racconta il calvario di un americano per mano del leader dell’IS

Foto inviata dal Daily Courier dell'americana Kayla Mueller a Prescott, Arizona nel 2013 (THE DAILY COURIER/MATT HINSHAW)

Foto inviata dal Daily Courier dell’americana Kayla Mueller a Prescott, Arizona nel 2013 (THE DAILY COURIER/MATT HINSHAW)

Una giovane yazida ha detto lunedì a un tribunale statunitense di aver visto il leader dello Stato islamico (IS) prendere in ostaggio il giovane americano Kayla Mueller in ostaggio “per la notte”.

In quanto membro di questa minoranza etnica e religiosa perseguitata dall’IS, Lia Mulla ha reso una testimonianza agghiacciante al processo di El Shafee el-Sheikh, un jihadista accusato di far parte di un trio specializzato nella cattura e nell’esecuzione di ostaggi occidentali.

Kayla Mueller, rapita in Siria nell’agosto 2013 poco prima del suo 25° compleanno, è stata per un certo periodo sotto la sorveglianza di questi tre uomini dall’accento britannico, soprannominati “The Beatles” dai loro detenuti, hanno detto diversi ex ostaggi europei al bar. l’ha incontrata in detenzione.

Lia Mulla l’ha incontrata un anno dopo, dopo che anche lei è stata catturata dai jihadisti dell’IS vicino alle montagne di Sinjar, nel nord-ovest dell’Iraq.

Posta nella stessa cella dell’americana, ha detto di comunicare “principalmente con le mani e poche parole arabe”, ma solo in assenza delle loro guardie che avevano proibito loro di scambiarsi.

Sono stati imprigionati in “una casa rossa” per circa una settimana, sotto il controllo di una coppia sposata, “Abou Sayef e Oum Sayef”. “Ci ha trattati come schiavi”, “ci ha spaventato mostrandoci video di decapitazioni e minacciandoci con le armi”.

– “La casa sporca” –

La situazione è peggiorata quando sono stati trasferiti nella “casa sporca” insieme a un’altra giovane donna yazida, ha detto.

Il tribunale federale di Alessandria dove si svolge il processo a El Shafee el-Sheikh, il 5 aprile 2022 in Virginia (AFP/SAUL LOEB)

Il tribunale federale di Alessandria dove si svolge il processo a El Shafee el-Sheikh, il 5 aprile 2022 in Virginia (AFP/SAUL LOEB)

“Perché l’hai chiamato così?” ha chiesto il pubblico ministero Alicia Cook. “Perché portavano lì le giovani donne per violentarle”.

Una notte, il leader dell’IS Abu Bakr al-Baghdadi, che ha incontrato in una delle sue prime prigioni e che chiama “Abu Khalid”, è entrata nella cella dove dormono le tre donne.

“Ha portato Kayla per la notte”, ha detto. “Quando l’ha riportata indietro la mattina dopo, era molto triste, nervosa e piangeva”.

“Ci ha detto che l’ha violentata e che l’avrebbe uccisa se avesse cercato di scappare”.

“È successo un’altra volta”, ha aggiunto Lia Mulla, aggiungendo modestamente che le “donne yazide” hanno subito la stessa sorte.

– “Dillo al Mondo” –

Il giovane Yazidie decide quindi di scappare. Racconta ai suoi due compagni di cella del suo piano, ma Kayla Mueller “ha troppa paura di essere decapitata” per seguirla.

Tuttavia, quando esce, l’americano le chiede di “raccontare al mondo” cosa le sta succedendo.

Lia Mulla riesce a scappare attraverso una finestra. È entrata in contatto con gli americani tramite un amico di suo fratello. “Ho detto loro che c’era una giovane ragazza americana trattenuta dall’ISIS… e da tutti gli altri”.

Nonostante questa testimonianza, Kayla Mueller non sopravviverà a questa esperienza.

Foto fornita dalle forze democratiche siriane o dal combattente dell'ISIS El Shafee el-Sheikh il 10 febbraio 2018 (Forze democratiche siriane/Dispensa)

Foto fornita dalle forze democratiche siriane o dal combattente dell’ISIS El Shafee el-Sheikh il 10 febbraio 2018 (Forze democratiche siriane/Dispensa)

Nel febbraio 2015, l’ISIS ha assicurato alla sua famiglia che Kayla era stata uccisa in un attacco aereo guidato dalla Giordania. Una dichiarazione che le autorità americane non sono mai riuscite a convincere.

La sua morte e l’esecuzione di tre ostaggi americani presenti nei video di propaganda hanno lasciato il 33enne El Shafee el-Sheikh ad affrontare un processo negli Stati Uniti.

Privato della cittadinanza britannica, ammette di essere stato un jihadista nei ranghi dell’IS ma nega di far parte dei “Beatles” nonostante le aspre interviste rilasciate dopo il suo arresto da parte delle forze curde siriane nel 2018.

Dopo dieci giorni dedicati all’accusa, i suoi legali potranno avanzare le loro argomentazioni a partire da martedì pomeriggio.

Se decidono di non farlo e l’imputato rimane in silenzio, l’accusa e il motivo potrebbero aver luogo mercoledì mattina. Poi i giudici si ritirano per deliberare.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Clara Luciani, Matthieu Chedid, Mika e Ben Harper in concerto nel 2022 a Colmar

La Borsa di Parigi prende qualche punto il giorno dopo il primo turno delle elezioni presidenziali, Marktnieuws