in

Una mostruosa parata civile ma nessun missile per il 110° compleanno del “fondatore” Kim Il Sung.

Niente carri armati o missili per il 110° compleanno di Kim Il Sung, solo una folla. Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha guidato un’enorme parata di cittadini venerdì per celebrare suo nonno e il fondatore del Paese, secondo le immagini diffuse dai media statali. Funzionari sudcoreani e statunitensi avevano stimato che un test nucleare potrebbe aver luogo come parte di queste celebrazioni. Si aspettavano anche una parata militare. Ma la commemorazione di venerdì è stata caratterizzata da una sfilata di cittadini e fuochi d’artificio.

Il 15 aprile, chiamato il “Giorno del Sole”, è una delle date più importanti del calendario di Pyongyang perché in questa data è nato Kim Il Sung, il nonno di Kim Jong Un. Le foto dell’agenzia di stampa ufficiale KCNA mostrano Kim Jong Un che saluta migliaia di persone vestite in modo colorato da un balcone in piazza Kim Il Sung a Pyongyang. “Colonne di lavoratori, ballerini contadini e altre persone hanno marciato attraverso la piazza”, ha detto KCNA, sventolando striscioni con slogan socialisti. Il leader ha anche visitato il Palazzo del Sole di Kumsusan a Pyongyang, che ospita i resti imbalsamati di suo padre, così come quello di Kim Il Sung.

Una falsa immagine di prosperità

Nei giorni precedenti l’anniversario, i media statali hanno coperto l’inaugurazione di nuovi complessi edilizi e mostrato immagini di ghirlande fotografate da persone con smartphone. Per Leif-Eric Easley, professore associato di studi internazionali alla Ewha Womans University di Seoul, l’obiettivo era quello di “rappresentare un’economia non solo resiliente, ma anche in crescita”.

Tuttavia, il Paese è alle prese con una grave crisi economica, esacerbata dalle sanzioni internazionali e dalla rigida chiusura dei suoi confini per proteggersi dal Covid-19. “Il regime di Kim ha bisogno di fonti di orgoglio nazionale e di legittimità diverse dalle parate militari”, ha affermato.

Tre settimane dopo la cottura

Queste commemorazioni sono arrivate tre settimane dopo il più grande test di missili balistici intercontinentali nella storia del paese. Segna la prima volta che le armi più potenti di Kim Jong Un sono state sparate a tutta distanza dal 2017, rompendo una moratoria precedentemente osservata.

Tuttavia, l’assenza di attività militari in questo anniversario “non significa che la Corea del Nord abbia smesso di rafforzare la sua posizione militare”, ha aggiunto Leif-Eric Easley. Le immagini satellitari hanno mostrato segni di attività in un tunnel nel sito del test nucleare di Punggye-ri che la Corea del Nord ha affermato di aver smantellato nel 2018 in vista di un vertice tra Kim Jong Un e l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

The Voice – Di fronte a Pauline, Vianney sceglie di eliminare Henry e scandalizza gli utenti di Internet

Ryanair: annunciati tre giorni di sciopero per la prossima settimana