in

una nave con gasolio affondò al largo

Una nave che doveva essere caricata con 750 tonnellate di gasolio è affondata sabato al largo della costa sud-orientale della Tunisia. Le autorità tunisine affermano di lavorare per prevenire “un disastro ambientale marino nella regione”.

Una nave che trasportava diesel dall’Egitto a Malta è affondata sabato 16 aprile nel Golfo di Gabes, al largo della costa sud-orientale della Tunisia. In mattinata, le autorità tunisine hanno affermato che stavano lavorando per prevenire “un disastro ambientale marino nella regione”.

“La nave è affondata questa mattina nelle acque territoriali tunisine. Per ora non ci sono perdite”, ha detto all’Afp il portavoce del tribunale locale, aggiungendo che una “commissione per la prevenzione dei disastri si riunirà per decidere le misure da adottare”.

Poco dopo questo annuncio, il ministro dell’Ambiente Leila Chikhaoui “si stava recando a Gabes per valutare la situazione dopo l’affondamento della nave e prendere le decisioni preventive necessarie in consultazione con le autorità regionali”, ha affermato il ministero. in un comunicato stampa.

Le autorità hanno attivato “il piano nazionale di emergenza per prevenire l’inquinamento marino” con l’obiettivo di controllare la situazione e prevenire la diffusione di inquinanti.

750 tonnellate di diesel a bordo

La nave mercantile Xelo, caricata “con circa 750 tonnellate di diesel”, aveva chiesto di navigare nelle acque tunisine venerdì sera a causa delle cattive condizioni meteorologiche, ha affermato il ministero dell’Ambiente in una nota.

La nave, il cui equipaggio è stato soccorso e navigava sotto bandiera della Guinea Equatoriale (numero IMO 7618272), era in rotta dal porto egiziano di Damietta all’isola europea di Malta.

A circa 7 km dalla costa del Golfo di Gabes, la nave mercantile iniziò a prendere acqua, che filtrava nella sala macchine e raggiungeva un’altezza di quasi due metri.

Le autorità tunisine hanno evacuato l’equipaggio di sette persone a bordo della nave in pericolo “che rischia di affondare”, ha detto il ministero.

Prevenire “un disastro ambientale”

I ministeri della Difesa, dell’Interno, dei Trasporti e delle Dogane sono al lavoro per “prevenire e mitigare un disastro ambientale marino nella regione”, ha assicurato il ministero dell’Ambiente, precisando che la situazione è “attualmente sotto controllo”. Nessun portavoce è stato immediatamente disponibile per ulteriori dettagli.

Il ministero dell’Ambiente ha definito “allarmante” la situazione della nave e ha annunciato la preparazione di un “piano nazionale di intervento urgente” per prevenire l’affondamento della nave e l’inquinamento marino.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Aurélie Dotremont in chirurgia ovarica, la star degli Angels 11 ne dà notizia

L’FBI accusa la Corea del Nord di aver rubato 540 milioni di dollari da Ronin Cryptocurrency Network