in

Una statua di Freddie Mercury in Corea del Sud, fan del paese della regina

L’uomo d’affari Baek Soon-yeob ha combattuto per quasi un decennio per erigere questa statua, in una società coreana in cui l’omosessualità rimane un tabù.

Dopo otto anni di incessante campagna, un uomo d’affari sudcoreano fan dei Queen ha finalmente realizzato il suo sogno: una statua a grandezza naturale del cantante del gruppo Freddie Mercury sull’isola turistica di Jeju.

La formazione britannica gode di un’enorme popolarità nella terra della calma mattutina. Quando era un adolescente, Baek Soon-yeob, un uomo d’affari di 57 anni di Jeju e fan della rock band, ascoltava copie piratate di Freddie Mercury.

La musica dei Queen è stata bandita nella Corea del Sud degli anni ’70, dove il regime del dittatore militare Park Chung-hee vietava anche agli uomini di farsi crescere i capelli. Le canzoni di Freddie Mercury “mi hanno aiutato ad andare avanti nonostante tutti gli ostacoli sulla mia strada”, ha detto Baek Soon-yeob ad AFP.

Un progetto lanciato nel 2014

La statua in bronzo alta 1,77 metri del cantante che alza il pugno è stata svelata giovedì sulla costa dell’isola di Jeju. È costato a Baek Soon-yeob 50 milioni di won (37.000 euro) e otto anni di procedimento.

“Nel 2014 ho inviato le prime email chiedendo i diritti”, spiega. Ha ripetuto questa richiesta mensilmente ai Queen, ma non ha ricevuto risposta per sette anni. Infine, nel 2020, i membri del gruppo e la società di produzione hanno deciso di incontrarlo a Seoul, in occasione del primo concerto dei Queen in Corea del Sud – il gruppo è ora guidato dal cantante americano Adam Lambert, Freddie Mercury è morto per complicazioni legate all’AIDS a 1991.

La seconda statua di Mercurio eretta nel mondo

Questo concerto è stato organizzato dopo il fenomenale successo nel 2018 di Bohemian Raphsody, il film biografico su Freddie Mercury, visto da dieci milioni di spettatori in Corea del Sud, ovvero un quinto della popolazione.

La statua di Mercurio commissionata da Baek è solo la seconda al mondo ad essere ufficialmente approvata dall’etichetta Queen. L’altro è a Montreux, in Svizzera, dove il cantante ha vissuto e registrato i suoi album.

L’omosessualità, un tabù persistente

Nonostante la popolarità dei Queen in Corea del Sud, Baek Soon-yeob ha dovuto affrontare l’opposizione di alcuni residenti locali. Alcuni si sono lamentati del fatto che nella loro casa fosse stata eretta “la statua di un omosessuale”.

Sebbene legale, l’omosessualità rimane in gran parte un tabù in Corea del Sud. Il canale televisivo locale SBS è stato criticato l’anno scorso per aver ritagliato una scena da Raphsody boema in cui l’attore Rami Malek bacia un uomo (il film non è stato censurato quando è uscito). Baek Soon-yeob ha detto che spera che la statua aiuti “le persone che sono critiche nei confronti delle minoranze sessuali” a ripensare le loro opinioni.

Alcuni fan dei Queen si sono recati a Jeju per partecipare all’inaugurazione. Il chitarrista della band, Brian May, ha assicurato loro in un videomessaggio che era con loro “nello spirito” e che Freddie Mercury avrebbe apprezzato il tributo. “Sono sicuro che Freddie ci darà la sua benedizione da lassù in paradiso”, ha detto il fan Kim Pan-jun, proprietario di un bar a tema Queen a Seoul.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Annunci anche nei giochi PlayStation?

Covid-19: re-infezioni in soli 20 giorni… siamo ben protetti dal virus?