in

“Very nice day”, thriller esistenziale girato con un telefono

Da bambino, Jérémie è stato traumatizzato dal film The Truman ShowThe Truman Show), in cui Jim Carrey si rende conto che la sua vita è solo un simulacro, un reality show. Cospiratore più rassegnato che attivista, è convinto che dal 2012 l’umanità non esiste più ed è stata “consegnata” a un server. Ovviamente il film la matricela matrice) ha infastidito anche il giovane corriere. Girato con smartphone, Giornata molto belladi Patrice Laliberté, si avvicina il più possibile alla psiche fratturata del protagonista, incarnata da Guillaume Laurin, un vecchio amico e co-sceneggiatore.

Come il precedente film di Patrice Laliberté, è eccellente Fino alla gocciail successo di Netflix ambientato nell’universo di un gruppo di sopravvissuti convinti dell’imminente collasso della civiltà, Giornata molto bella si attacca a un personaggio che ha costruito la propria realtà con molte falsità.

“I due film sono stati scritti in parallelo tra il 2017 e il 2019, nello stesso spazio-tempo”, spiega Patrice Laliberté. Abbiamo finito di scrivere Fino alla gocciae Giornata molto bella spuntato. Ho trovato interessante lavorare sul tema della derealizzazione, cioè quando qualcuno è convinto che il mondo che lo circonda non esiste. È un po’ il concetto del film la matrice† Si sente un prescelto, come Neo; il mondo gira intorno a lui…”

Il film offre un ritratto complesso e insidiosamente terrificante: una creatura muta e solitaria che si esprime solo attraverso il suo straordinario podcast, Jérémie (Guillaume Laurin) si afferma gradualmente come “il sociopatico della porta accanto”. Perché quando una famosa influencer (Sarah-Jeanne Labrosse) si trasferisce nell’appartamento accanto, la curiosità si trasforma rapidamente in un’ossessione, con “ inseguire » reale e virtuale sul gioco. Uscire.

Tanto che Jeremy dimentica un pacco, che scatena l’ira del suo capo Dom (Marc Beaupré), che gli manda i suoi seguaci.

“Interpretare Jérémie mi ha permesso di avventurarmi in un territorio straniero, confida Guillaume Laurin. È molto riservato. Come il mio personaggio Fino alla goccia, tiene dentro molte cose, reprime e cerca di non distinguersi, ed è più nel virtuale che esiste. Ad esempio, ho vissuto in un quartiere molto gentrificato e un giorno due Instagrammer si sono trasferiti nella porta accanto. Non ho avuto alcuna interazione con loro nella vita reale, ma ho capito che potevo farlo su Internet. Non è affatto la mia realtà, questa esistenza virtuale, questa mancanza di comunità tangibile, ma l’ho trovata affascinante, questa dualità, e ha giocato sul personaggio, questo è certo. †

A proposito di realtà, quella reale, quest’ultima ha raggiunto la finzione attuale: in un passaggio dopo il taglio, Jérémie ha espresso nel suo podcast l’augurio che un virus spazzi via metà della popolazione. Poco dopo è apparso il COVID e ha causato la pandemia che conosciamo.

Pieno di Geremia

Collaborando alla sceneggiatura, Guillaume Laurin ha potuto contribuire maggiormente alla creazione di un personaggio che, a rischio di una semplificazione eccessiva, è in una perenne psicosi.

“C’era un lavoro, per entrambi Fino alla goccia e per Giornata molto bella, ricerca rispetto a YouTube, e più precisamente TikTok nel caso di questo film. Ci ha nutrito. Tutti questi gruppi di persone che cercano di trasmetterti la loro “conoscenza” con i loro video. In Giornata molto bella, abbiamo cercato di entrare nella testa di quest’uomo che si sente isolato e al di sopra della folla. All’inizio non avevamo un referente preciso, ma più video condividevamo, più ci dicevamo: “in love, that’s Jérémie!” †

“Quando abbiamo iniziato a scrivere, stavano emergendo band come QAnon. La pandemia e la carcerazione hanno esacerbato la solitudine di molte persone, e la solitudine, la vulnerabilità, è al centro del film”, aggiunge Patrice Laliberté, che nello stesso respiro descrive una scrittura collaborativa “su tela”.

“Normalmente al cinema abbiamo un primo gesto di scrittura, una sceneggiatura, che poi filmiamo. Con questo film abbiamo voluto sperimentare di più un processo circolare. Scrivevamo per una o due settimane, giravamo quello che avevamo scritto, poi scrivevamo qualcos’altro e così via. Stavamo montando per tre o quattro giorni… Il film si è evoluto in modo molto naturale, aprendosi in relazione a bellissime coincidenze. †

Alla fine, la produzione è durata ben quattro anni, con la registrazione di Fino alla goccia proprio nel mezzo, non che si notino problemi di continuità nel risultato finale.

Più che un espediente

L’abbiamo chiamato all’inizio, Giornata molto bella è stato girato con uno smartphone. Negli ultimi anni, altri registi hanno fatto lo stesso. Pensiamo ad esempio a Steven Soderbergh e al suo thriller senza sensodisturbato) o il suo dramma sportivo Uccello che vola alto† Il dramma sociale Mandarino, di Sean Baker, l’ha usata per un risultato brillante. Qui il risultato è un maggiore legame con Jérémie: entriamo letteralmente nella sua bolla.

“C’è un aspetto molto pragmatico, spiega Patrice Laliberté. Con il cellulare non abbiamo altra scelta che essere incollati al personaggio. Abbiamo subito scommesso per escludere il classico metodo del tiro al contrario: ci abbiamo provato e non era giusto. Abbiamo uno stabilizzatore, quindi avevamo l’equivalente di a steadicam sempre a nostra disposizione, anche se non avevamo un centesimo. A titolo indicativo, nonostante i milioni per Fino alla gocciane avevamo solo uno steadicam ma per dieci giorni. †

Da qui questa abbondanza di raffiche molto lisce. Comunque sia, le riprese con un telefono rimangono una pratica relativamente rara. Pertanto, un certo mistero lo circonda ancora. Quindi, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, puntare semplicemente il proprio dispositivo verso questo o quello premendo il pulsante di registrazione non è sufficiente. Al dispositivo possono essere applicati obiettivi diversi, a seconda del tipo di immagine e delle composizioni ricercate, e la presenza della messa in scena e della direzione di ripresa è altrettanto fondamentale come con una fotocamera tradizionale o digitale.

“Ci siamo alternati tra tre obiettivi a seconda del portata : un grandangolo per scatti ampi, un altro per ritratti ravvicinati, ecc., specifica Patrice Laliberté. Volevamo sfondare l’estetica mobile, perché tutti hanno un telefono in tasca e lo conoscono sentire di un’immagine cellulare. †

Per Guillaume Laurin, l’esperienza si è rivelata unica e indimenticabile. “Non ho mai sperimentato un set così intimo. Eravamo in sette. A volte eravamo solo io e Patrice. Non credo che avrei potuto consegnare ciò che sto offrendo con nessuno tranne lui”.

Premiere giovedì al cinema Rendez-vous Québec, Giornata molto bella sarà oggetto di una lezione di cinema il 23 aprile alla Cinémathèque prima di uscire nelle sale il 6 maggio.

Da vedere in video

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Mercato | Mercato Mercato – PSG: Tutto è scritto per il futuro di Lionel Messi!

Donbass, Macron, Le Pen… Cosa ricordare dall’intervista di Zelensky su BFMTV