in

Vicino a Baltimora, una nave portacontainer arenata delizia i curiosi e preoccupa gli ambientalisti

pubblicato venerdì 15 aprile 2022 alle 20:22

Sono venuti con la famiglia o gli amici, con binocoli e sedie pieghevoli, tutti puntati sullo stesso oggetto: la nave portacontainer Ever Forward, arenata per un mese a Chesapeake Bay, sulla costa orientale americana.

In questa mattina di primavera di aprile, i curiosi si riuniscono in un parco della città di Pasadena, nel Maryland, per godere di un punto di osservazione privilegiato della nave, che è bloccata in quasi sei metri di fango a poche centinaia di metri dalla riva.

“Anche con le tempeste che abbiamo qui nella baia, non abbiamo navi che si incagliano in quel modo”, ha detto Frederick Schroeder, un pensionato venuto da East Baltimora con la sua macchina fotografica e teleobiettivo per catturare la scena. una possibilità per la vita”, ha detto.

Nella notte tra il 13 e il 14 marzo, il gigante dei mari della compagnia taiwanese Evergreen, lungo 334 m e capace di trasportare quasi 12.000 container, è stato immobilizzato nel mezzo della baia di Chesapeake dopo aver saltato una virata verso acque più profonde.

Estendendosi dallo stato della Virginia a sud fino al Maryland a nord, la baia di Chesapeake è un enorme estuario con molto traffico marittimo.

La baia bagna così Port of Virginia e Baltimora, rispettivamente il secondo e il terzo porto più importante della costa orientale degli Stati Uniti.

– Dragaggio e rimorchiatori –

L’incidente della Ever Forward (“sempre avanti”), ironicamente chiamato, ricorda quello della Ever Given, un’altra nave portacontainer Evergreen rimasta bloccata attraverso il Canale di Suez nel marzo 2021, bloccando il traffico per quasi una settimana.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha lavorato per più di tre settimane per mettere a galla l’Ever Forward, assistita da rimorchiatori e draghe. Finora senza successo.

Le gru intorno alla nave sono state impegnate negli ultimi giorni per sollevare e prelevare il maggior numero possibile di container.

Alla domanda dell’AFP, la Guardia Costiera ha affermato che erano già stati scaricati più di 130 container, ma ne dovrebbero essere altri prima di un altro tentativo di rimessa a galla, la cui data deve ancora essere determinata.

“Il capitano che si è incagliato deve vergognarsi molto”, ipotizza John Zeglin, un pensionato quasi ottuagenario, venuto a visionare l’Ever Forward “per curiosità” con il suo compagno di Bethesda, alla periferia di Washington, per un po’ più di un’ora per guidare.

Ma quando i curiosi si radunano sulla riva per osservare la nave, il suo incagliarsi è particolarmente preoccupante per i difensori ambientali.

– “Epicentro” dei falchi pescatori –

Doug Myers, uno scienziato dell’ambientalista della Chesapeake Bay Foundation, è allarmato dall’AFP per il rischio che lo scafo si rompa, rilasciando centinaia di galloni di olio combustibile.

“Ogni volta che una nave si incaglia, c’è questo rischio”, spiega l’esperto, che afferma di avere molta esperienza con le fuoriuscite di petrolio, soprattutto in Texas negli anni ’90.

Con il lavoro di dragaggio, Doug Myers è anche preoccupato che la nave possa causare il blocco dei container e la loro perdita nella baia.

“Ci sono già danni causati dalla nave che si è arenata in acque poco profonde, questi banchi di sabbia (…) contengono cozze e vermi e altri habitat molto importanti per i pesci”, si lamenta.

Fuori dall’acqua, gli uccelli sono maggiormente a rischio di fuoriuscita di petrolio, in un momento in cui gli uccelli migratori si fermano nella baia o addirittura vi nidificano per l’estate.

“La baia è una specie di epicentro dell’abbondanza di falchi pescatori”, ha detto Doug Myers, preoccupato per questi uccelli rapaci.

Lo scienziato si rammarica che le autorità finora non abbiano considerato i rischi ambientali e ora vuole un cordone protettivo attorno all’Ever Forward per prevenire eventuali fuoriuscite di petrolio.

Perché se il pericolo non è “imminente”, dice, una tale perdita potrebbe raggiungere le coste su entrambi i lati della baia in una o diverse ore.

“Questa bacca significa tutto per i Maryland”, afferma Doug Myers.

“Così tante persone ottengono il loro reddito direttamente o indirettamente dalla baia, sia attraverso il turismo, la pesca o il possesso di una proprietà direttamente sull’acqua”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

chi sarà eliminato al Torneo dei Maestri sabato 16 aprile 2022?

Visions du Réel: il Gran Premio assegnato a un regista di Losanna