in

116 morti in 24 ore, 161.950 nuovi casi

AGGIORNAMENTO SULLA SITUAZIONE – Nuove misure, nuovi rapporti e punti salienti: Le Figaro fornisce un aggiornamento sugli ultimi sviluppi della pandemia di Covid-19.

Il governo spagnolo annuncia la fine della maschera interna, la Cina supera il limite di 20.000 casi giornalieri, la Nigeria revoca la maggior parte delle restrizioni anti-covid… Le Figaro mercoledì 6 aprile fornirà un aggiornamento sulle ultime informazioni riguardanti la pandemia di Covid-19.

116 morti in 24 ore, oltre 23.000 ricoverati

L’epidemia continua in Francia, dove mercoledì 116 persone sono morte a causa di Covid, secondo il rapporto quotidiano di Public Health France. 23.013 pazienti sono stati ricoverati in ospedale (dai 23.010 di martedì), di cui 1.948 arrivati ​​entro 24 ore. 1.561 persone sono in cura nei reparti di terapia intensiva.

Il numero dei contagi non è più aumentato: con 161.950 casi positivi registrati in 24 ore da Public Health France, la media degli ultimi sette giorni si attesta a 134.991 dopo aver superato i 140.000 venerdì.

Le autorità sanitarie dell’Unione Europea consentono una seconda dose di richiamo per le persone di età superiore agli 80 anni

Mercoledì le autorità sanitarie dell’Unione Europea hanno dato il via libera a una seconda dose di richiamo dei vaccini Covid di Moderna e Pfizer per le persone di età pari o superiore a 80 anni, ma hanno ritenuto prematuro fare una raccomandazione per la popolazione anziana.

Una seconda dose di richiamo può essere somministrata agli adulti di età pari o superiore a 80 anni a causa del “rischio più elevato di sviluppare una forma grave di Covid-19 per questa fascia di età” e da “la protezione offerta da una quarta doseLo affermano in un comunicato il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e l’Agenzia europea per i medicinali (EMA).

“VEDI ANCHE – Presidenziale 2022: Gabriel Attal conferma elettori positivi al Covid-19 a votare ma”consigliato » indossare la mascherina

La Germania rinuncia all’obbligo di isolamento in caso di infezione

Il governo tedesco mercoledì, alla luce delle critiche, ha revocato l’obbligo di isolamento in caso di infezione da Covid-19 dal 1 maggio. †È stato un errore di cui sono personalmente responsabile. Ha dato il segnale sbagliato” ha detto alla stampa il ministro della Salute Karl Lauterbach, temendo che questa misura alla fine possa arrivare “minimizzare la pandemia

Il ministro nel governo di Olaf Scholz ha annunciato lunedì che il requisito di isolamento, attualmente sette giorni per un test negativo, sarà revocato dal 1 maggio. Questa decisione, presa con i rappresentanti dei 16 Länder tedeschi, ha subito suscitato critiche da parte di associazioni e opposizione. La fine dell’isolamento obbligatoriomette in pericolo vite umaneaveva avvertito l’associazione sociale VdK, che si batte per l’accesso alle cure.

Spagna: il governo annuncia la fine della maschera indoor il 20 aprile

Il governo spagnolo ha annunciato mercoledì la fine della mascherina al chiuso, tranne che nei trasporti o negli ospedali, a partire dal 20 aprile. †Presenteremo un decreto durante il Consiglio dei Ministri del 19 aprile per cui la mascherina non sarà più obbligatoria all’interno“e che entra in vigore dopo il suo”pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale il 20 aprileLo ha dichiarato il ministro della Salute Carolina Darias al termine di una riunione dei funzionari sanitari regionali a Toledo (centro). Tuttavia, la maschera rimane obbligatoria nei centri sanitari, negli ospedali, nelle case di riposo e sui mezzi pubblici, ha affermato.

Sebbene la maschera non sia più obbligatoria al chiuso in molti paesi, il governo spagnolo ha preferito aspettare fino alla Settimana Santa (10-17 aprile), quando gli spagnoli si riuniscono con le loro famiglie, prima di porre fine all’obbligo di indossarla. Indossare una maschera al chiuso è stata una delle ultime restrizioni rimaste in Spagna.

VEDI ANCHE – Covid-19: l’Unione Europea vuole armonizzare le raccomandazioni sulla 4a dose di vaccino

La Cina supera la soglia dei 20.000 casi giornalieri

La Cina mercoledì ha annunciato un record di 20.000 infezioni da Covid-19 nelle ultime 24 ore, la maggior parte a Shanghai, che sta per aprire un enorme ospedale da campo da 40.000 posti. Il Paese in cui il coronavirus è stato diagnosticato per la prima volta alla fine del 2019 era riuscito in buona parte a contenere l’epidemia fino a marzo 2021 grazie a misure molto rigide unite sotto il nome di Covid zero.

Ma la variante Omicron ha battuto questa strategia, con i rapporti giornalieri che ora superano i conteggi ufficiali della prima ondata epidemica a Wuhan (al centro). Il paese più popoloso del mondo ha annunciato mercoledì 20.472 casi positivi nelle ultime 24 ore, una cifra piccola rispetto ai bilanci di molti paesi, ma alta per la Cina, dove i totali giornalieri erano appena sopra i 100 a febbraio. Solo domenica è stata superata la soglia dei 10.000 casi giornalieri.

Non sono stati registrati nuovi decessi, ha affermato il ministero della Salute. Le ultime due morti annunciate ufficialmente nel Paese risalgono a metà marzo. Più dell’80% dei nuovi casi positivi sono stati segnalati a Shanghai, la città più grande del Paese, che è stata quasi completamente rinchiusa dalla scorsa settimana.

Ministri ed eletti americani positivi al Covid dopo la cena di gala

Il Covid-19 ha fatto un’apparizione straordinaria in una delle cene più prestigiose nella capitale degli Stati Uniti questo fine settimana, con ministri, funzionari eletti e giornalisti presenti mercoledì che hanno condiviso tutti i loro test positivi. A distanza di ore, il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland e il segretario al Commercio Gina Raimondo hanno entrambi annunciato di essere positivi al Covid. I due ministri di gabinetto di Joe Biden hanno partecipato alla cena annuale del Gridiron Club di sabato, un’opportunità per l’élite politica e dei media di Washington di partecipare a un importante esercizio di autoironia. L’influente democratico eletto Adam Schiff, presente anche lui a questo grande raduno, ha annunciato martedì di essere risultato positivo al Covid.

Kintor cinese annuncia risultati positivi per un trattamento controverso

Il gruppo farmaceutico cinese Kintor mercoledì ha riportato risultati positivi per un trattamento anti-covid, la proxalutamide, dopo che alcuni mesi prima era stato oggetto di uno scandalo sanitario in Brasile. †La proxalutamide mostra una significativa riduzione dei ricoveri e dei decessinei pazienti, riassume Kintor in un comunicato stampa. Ciò si basa su studi clinici condotti su diverse centinaia di pazienti, principalmente negli Stati Uniti. Tuttavia, i loro risultati non sono ancora pubblicamente disponibili.

La proxalutamide era originariamente un progetto di trattamento inteso a ridurre la produzione di ormoni maschili. Kintor, ad esempio, si concentra sul suo utilizzo contro il cancro alla prostata. Ma secondo il gruppo, il cui titolo è raddoppiato di valore in borsa dopo questi annunci, ha interessi anche contro il Covid. In questi studi clinici, secondo il gruppo, sono stati ricoverati in ospedale meno pazienti che hanno ricevuto proxalutamide rispetto a quelli che hanno ricevuto un placebo. La differenza è particolarmente significativa nei pazienti trattati per più di una settimana, nei quali Kintor non riporta alcun ricovero.

Il gruppo ha annunciato l’intenzione di chiedere l’autorizzazione in Cina e negli Stati Uniti, nonché in “altri paesiAveva già parlato di sdoganamento in Paraguay qualche mese fa.

LEGGI ANCHE – Covid-19: dovremmo preoccuparci?

La Nigeria revoca la maggior parte delle restrizioni anti-covid

Il governo nigeriano ha revocato la maggior parte delle restrizioni anti-covid, compresi coprifuoco e restrizioni alla raccolta, imposte all’inizio dell’epidemia nel paese più popoloso dell’Africa.

La risposta al Covid-19 è stata rivista, tenendo conto della riduzione del numero di casi e del rischio di nuove varianti in arrivo sul territorio, nonché della disponibilità di vaccininel Paese, secondo un documento ufficiale della presidenza inviato martedì all’AFP. Dall’inizio della pandemia nel marzo 2020, il Paese ha registrato ufficialmente meno di 260.000 casi, di cui 3.142 decessi.

Il traffico aereo è ripreso a febbraio nonostante l’emergenza Covid

Il traffico aereo passeggeri, che si era completamente ripreso, è diminuito solo leggermente alla fine di febbraio con i primi giorni della guerra in Ucraina, ha affermato mercoledì l’associazione aeronautica internazionale Iata. †Il traffico ha recuperato fortemente a febbraio 2022 rispetto a gennaio 2022, con un moderato impatto sulla variante Omicron al di fuori dell’Asiaha detto Iata in un comunicato stampa.

Con l’abolizione di molte restrizioni legate alla pandemia di Covid-19, il traffico nel mondo è aumentato del 115,9% su base annua, ma rimane inferiore del 45,5% rispetto ai valori di febbraio 2019. Il traffico interno rimane soprattutto in Cina, ma nel complesso è aumentato del 60,7% in un anno.

Il traffico internazionale ha registrato una forte ripresa (+256,8% anno su anno), anche se rimane quasi il 50% in meno rispetto a febbraio 2019. Solo la regione Asia-Pacifico rimane su livelli molto bassi. I prossimi mesi sembrano promettenti, ha dichiarato il direttore generale di Iata Willie Walsh in una conferenza stampa.


VEDI ANCHE – Covid-19: In Cina le autorità cinesi dichiarano che la situazione è “grave”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Canneseries: scopri i vincitori della quinta stagione del festival

Il crollo del legame assume una nuova dimensione