in

30 anni fa, Bronca sull’invasione culturale americana

GLI ARCHIVI FIGARO – Durante l’apertura del parco divertimenti in Francia il 12 aprile 1992, gli intellettuali denunciano una “Chernobyl culturale”.

UN “Chernobyl culturaleL’accusa era forte, è rimasta nei ricordi.Quando è stato stabilito che la Francia avrebbe ospitato sul suo territorio un parco divertimenti della ditta americana Walt Disney, intellettuali, artisti e politici hanno gridato ad alta voce.Quando Ariane Mnouchkine ha paragonato il progetto al più grande nucleare disastro mondiale, altri hanno gareggiato in spirito per qualificare l’arrivo di Topolino nella terra di Molière. In cambio, il boss di Euro Disney ha denunciato il “La contrazione morale della Francia“. Torna alla controversia.

Il 12 aprile 1992 il parco Euro Disney, ribattezzato Disneyland Paris, sta per aprire i battenti. I visitatori sono impazienti, gli azionisti ancora felici per la lunga debacle borsistica e gli attori del colossale cantiere di Marne-la-Vallée sollevati dopo cinque anni di lavoro. †All’inizio del 2000 vedremo avverarsi il nostro vecchio sogno per l’Ile-de-France: una megalopoli terziaria“, aveva promesso Michel Giraud, presidente della regione, durante la firma dell’accordo tra lo Stato francese e Walt Disney nel 1987.

Haro sull’infantilizzazione della cultura

Tuttavia, alcuni sembrano cupi. Qualche giorno fa, Figaro letterariodedica non meno di due pagine alla vicenda che agita l’intellighenzia: Euro Disneyland, minaccia di invasione culturale?

Chiamo con tutti i miei desideri per un maggio 92 che darebbe fuoco a Disneyland.

Jacques Julliard

Lo scrittore Jean Cau legge l’atto d’accusa e lo denuncia”cancro, su milioni di giovani porcellini d’India, di una non memoria, di un consumo immaginario, che porta con sé un infantilismo cinicamente inventato.“Un’infantilizzazione altrettanto diffamata dal filosofo André Comte Sponville mentre Jacques Julliard augura e si rammarica del fallimento di tutti questi parchi di divertimento”tempo libero, l’immaginazione è oggi parcheggiatoprezzato, programmatoChiamo con tutti i miei desideri per un maggio 92 che darebbe fuoco a Disneyland“, aggiunge il saggista, editorialista oggi a Figaro

Estratto da Le Figaro littéraire del 6 aprile 1992 Le Figaro

Altri sono più sfumati. Philippe Labro sceglie di fidarsi dei bambini e Michel Tournier non vede Euro Disney come un “invasione“Americano, ma piuttosto”un ritorno alle radici europee dell’anima americana

La polemica si è concentrata anche sul diritto del lavoro quando i sindacati e l’Ispettorato del lavoro hanno denunciato i divieti della società alle nuove assunzioni: baffi e barba per gli uomini. E per le donne, rossetto scuro o perlato, pantaloni di pelle, gonne corte, collant o calze fantasia, ciglia finte, ombretti o anche eyeliner.

Sia nel PC che nel Front National si sta sviluppando un linguaggio di odio che non può che confondere gli amici della Francia e la sua cultura.

Robert Fitzpatrick, CEO di Euro Disney.

E come reagisce il sospettato a questi attacchi? Il presidente di Euro Disney, Robert Fitzpatrick, non sarà smantellato. †Sono pervertito: amo la Francia!“, si fida del Figaro 9 aprile L’americano spazza via le accuse di discriminazione e si diverte con l’elitarismo francese: “Secondo te, se ci piace questo, non dovrebbe piacerci. È ridicolo ! I miei figli vanno all’Opéra Bastille o agli spettacoli di Ariane Mnouchkine, alla Cartoucherie. Ma vanno anche ai concerti rock e amano i parchi Disney per divertirsi. Non vedo la contraddizione.» Più seriamente, indica il «La contrazione morale della FranciaSia nel PC che nel Front National si sta sviluppando un linguaggio di odio che non può che confondere gli amici della Francia e la sua cultura.“Quanto agli intellettuali che vanno contro Topolino, sono amici che non si derubano”per chiedergli di nascosto dei postiride il futuro presidente del Museum of Contemporary Art di Chicago.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Non ci manca nulla per vincere la Champions”

Guerra in Ucraina: sei spie russe smascherate dalla DGSI vengono espulse dalla Francia