in

Al Cairo, ricci, libertà fino alle punte

“Per me è stato bellissimo”: per anni Rola si è raddrizzata i capelli. Oggi, nel suo salone di capelli crespi e ricci, lei e la sua collega Sara guidano la “rivoluzione” dei codici di bellezza che l’Egitto ha vinto.

“Intere generazioni sono cresciute con ideali di bellezza inadatti” perché si riferiscono a codici occidentali, lamenta Sara Safwat. E per decenni, milioni di donne egiziane si sono raddrizzate religiosamente i capelli.

Rola Amer ammette che “tagliare i capelli ricci richiede più tempo dei capelli lisci”, ma dopo tre ore di taglio, la sua cliente sembra felice.

Fondato nel 2018, The Curly Studio è, afferma Sara, il primo salone in Egitto ad abbracciare il movimento dei “capelli naturali”.

In questa struttura in un elegante sobborgo del Cairo, i ferri arricciacapelli hanno sostituito le piastre e i capelli sono stati tagliati a secco per mantenere la forma dei ricci.

Perché il raddrizzamento può essere pericoloso, ricorda Sara, 38 anni.

“Una madre ha portato sua figlia di tre anni una volta: dopo un trattamento chimico per ottenere i capelli lisci, sono caduti tutti”, ha detto all’AFP.

– Azienda di successo –

La stessa Rola ammette che la stiratura era “la norma” all’epoca e che pensava che i suoi capelli naturali fossero “curati”. disse, aggiustandosi la frangia ora riccia.

‘Vieni da questa parte? era la domanda inevitabile nei colloqui di lavoro, aggiunge Sara. Ma anche se i suoi capelli erano considerati “poco professionali”, ha continuato a sfoggiare i suoi ricci al lavoro.

All’inizio degli anni 2000, la cantante libanese Myriam Fares era una delle poche icone dai capelli ricci nel mondo arabo.

Allo stesso tempo, il movimento dei pannolini negli Stati Uniti ha invitato le donne di colore a mantenere i capelli crespi.

In Egitto, nel 2012, l’attrice Dina el Sherbiny è stata una delle poche a rompere un tabù: ha sfoggiato i suoi ricci nella serie di successo “Hekayat banat” (storie di ragazze, in arabo).

Dieci anni dopo, i ricci sono onnipresenti per le strade del Cairo, nei programmi TV e sui cartelloni pubblicitari.

L’egiziano-palestinese May Calamawy la sfoggia persino a Hollywood nella serie Moon Knight.

“C’era un vero movimento sociale”, ha detto ad AFP Doaa Gawish, che ha lanciato The Hair Addict, un gruppo Facebook dedicato ai capelli naturali nel 2016.

In un’estate sono passati da 5.000 a 80.000 iscritti, mentre il mercato locale dei cosmetici è salito del 18%.

Per seguire la tendenza organica e riccia, la signora Gawish ha lanciato la sua omonima azienda di cura dei capelli due anni dopo.

“Molti grandi marchi hanno rilasciato prodotti per capelli ricci perché sentivano che facevano parte della base di clienti”, afferma.

I capelli di 103 milioni di egiziani danno lavoro a 500mila saloni e più di tre milioni di persone, stimati nel 2020 da radio Mahmoud el-Degwy, rappresentante del parrucchiere presso la Camera di Commercio del Cairo.

– Anche gli uomini –

Anche Mariam Ashraf, un’insegnante di 26 anni, ha visto la vena. Per hobby, i suoi video su Instagram sono diventati “una fonte di reddito”, dice questa “specialista di curl” a più di 90.000 abbonati.

“I marchi mi contattano sempre di più per parlare di prodotti per capelli ricci (…) e le agenzie di modelle mi assumono per la pubblicità”, aggiunge.

Ma prendersi cura dei propri ricci non è da tutti: se il reddito medio mensile di una famiglia è limitato a 6.000 sterline (300 euro), un taglio di capelli da Curly Studio può arrivare fino a 600 sterline.

Alcuni uomini sono anche tentati dai ricci.

Omar Rehim ha scoperto i suoi di sorpresa: durante il confinamento legato alla pandemia di Covid-19, senza parrucchiere, li ha visti comparire questo esperto di cybersecurity.

Oggi è al Curly Studio, frequentato soprattutto da donne, nonostante le critiche della società patriarcale e conservatrice.

“La gente pensa che un uomo non dovrebbe prendersi cura dei propri capelli o comprare cosmetici”, spiega, esponendo la “mascolinità fragile”, la paura di alcuni uomini di essere associati agli stereotipi femminili.

“Vorrei davvero fargli capire che è normale (…) ma non mi sento ancora pronto per condurre questa lotta”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Elden Ring: nuovo record mondiale per aver finito il gioco, ma questa volta senza “barare”

Il rischio di un attacco nucleare russo in Ucraina è preso sul serio