in

Il rischio di un attacco nucleare russo in Ucraina è preso sul serio

Inserito il 15 aprile 2022, 17:04

Il rischio che il Cremlino lanci una bomba atomica in Ucraina non deve essere preso alla leggera. Questo è l’agghiacciante avvertimento lanciato giovedì sera dal capo della CIA Williams Burns.

“È possibile che il presidente Putin e la leadership russa stiano cadendo nella disperazione viste le battute d’arresto militari che hanno subito finora. Nessuno di noi può quindi prendere alla leggera la minaccia rappresentata dal possibile uso di armi nucleari. […] al di sotto della media”, ha detto durante un discorso ad Atlanta.

Il pericolo di un Putin messo alle strette

Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina, diversi analisti hanno espresso lo stesso timore all’idea che Vladimir Putin abbia le spalle al muro o non abbia più niente da perdere. James Acton, esperto di questioni nucleari al Carnegie Center, è preoccupato che un Vladimir Putin, militarmente sconfitto in Ucraina, umiliato anche davanti al popolo russo, stia usando bombe atomiche tattiche, leggermente meno potenti di quella sganciata a Hiroshima. è stato utilizzato e mille volte meno delle cosiddette armi strategiche in grado di glassare un’intera regione. Obiettivo: “spaventare tutti e vincere la causa”.

Tuttavia, James Acton sottolinea con cautela che “non ci siamo ancora”. “Non abbiamo visto alcun segno concreto di cambiamento” da quando Mosca ha annunciato l’allerta delle forze nucleari due giorni dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina, ha detto William Burns. Inoltre, nessuna dichiarazione pubblica di un funzionario russo ha suggerito un cambiamento nella dottrina del Cremlino, che considera l’uso delle armi nucleari solo come ultima risorsa quando gli interessi vitali della Russia sono a rischio.

Il problema è che nessuno può definire esattamente quali siano questi interessi vitali, per il semplice motivo che una certa ambiguità “è al centro della deterrenza nucleare”, sottolinea l’ammiraglio Jean-Louis Lozier, esperto dell’Istituto francese di relazioni internazionali. “Non dovresti mai tracciare una linea rossa, perché ciò autorizzerebbe l’avversario a fare qualcosa al di sotto di essa”. Perché un’arma che non dovrebbe mai essere utilizzata per rimanere un deterrente, è comunque necessario che il suo utilizzo in determinate circostanze, avvolta da abile vaghezza, rimanga credibile. Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, ha recentemente ritenuto che mantenere l’Ucraina all’interno della sua sfera di influenza sia uno degli interessi vitali della Russia. Ma l’essenziale è vitale?

Escalation/de-escalation

A complicare ulteriormente le cose, la Russia ha anche sviluppato una teoria nota come “escalation-de-escalation” che consiste nell’usare prima un’arma nucleare tattica sul campo di battaglia per terrorizzare l’avversario e riguadagnare il vantaggio in caso di conflitto convenzionale. Si ritiene che questa dottrina si applichi solo in caso di conflitto diretto con l’Alleanza. Ma potrebbe il Cremlino estenderlo alla guerra in Ucraina, coinvolgendo l’Occidente, senza essere bellicoso? La forza di Vladimir Putin, coerente con “il deterrente del pazzo nel forte”, una volta teorizzato dal presidente degli Stati Uniti Richard Nixon, è che ha dimostrato che invadendo l’Ucraina, ha osato fare ciò che pochi pensavano possibile.

L’umanità si è già avvicinata al peggio

La distinzione tra armi tattiche, di poche migliaia di tonnellate di dinamite (la forza della bomba di Hiroshima era di 15 kt) e armi strategiche, ritenute troppo potenti per essere mai utilizzate, può sembrare intellettualmente soddisfacente, ma operativa non è chiara. Una bomba atomica rimane principalmente una bomba atomica e qualsiasi esplosione di questa natura violerebbe il cosiddetto tabù di Nagasaki, che ne ha di fatto vietato l’uso dall’agosto 1945.

L’umanità si è avvicinata al disastro in tre incidenti documentati quando Mosca e Washington hanno concesso il potere di lanciare missili tattici a un livello sorprendentemente basso della loro gerarchia militare durante la Guerra Fredda. Il 27 ottobre 1962, un sottomarino sovietico quasi lanciò un missile nucleare contro la flotta statunitense che la minacciava al largo di Cuba. E il colonnello Stanislav Petrov aveva solo due minuti una notte del 1983 per determinare che le migliaia di missili americani che caricavano verso di lui erano un bug del computer.

Tuttavia, brandire questa minaccia in questo contesto, come alludeva il Cremlino subito dopo l’inizio dell’invasione, rivoluzionerebbe la “grammatica” internazionale della deterrenza: non si tratta più di scoraggiare un altro Paese invaderti, ma di impedire a un vicino e alla sua alleati di resistere alla tua stessa invasione. La deterrenza delle armi nucleari non è quindi più difensiva ma offensiva. In ogni caso, il deterrente nucleare russo ha già convinto la Nato a non inviare soldati a combattere in Ucraina.

Probabilmente ci sarebbero anche fasi e avvertimenti finali prima dell’uso dell’energia nucleare, ad esempio attraverso l’uso di armi chimiche o massicci missili termobarici (fino a 0,2 kt, ma senza radiazioni).

Perché è improbabile che Putin osi

Tuttavia, l’uso di una bomba atomica tattica in Ucraina sarebbe una catastrofe… anche per il Cremlino. In primo luogo, rovinerebbe la storia di un’operazione riuscita che è andata secondo i piani. Distruggerebbe anche il mito del Cremlino secondo cui russi e ucraini “costituiscono un unico popolo appartenente allo stesso spazio storico e spirituale”, poiché si tratterebbe quindi di bombardare una parte presumibilmente appartenente allo stesso popolo russo. Per non parlare del rischio di ricaduta nella stessa Russia.

Inoltre, la Russia può convincere l’esercito ucraino ad arrendersi, ma diventerebbe un assoluto paria internazionale. In particolare, questa azione profondamente destabilizzante per l’ordine internazionale farebbe probabilmente perdere il sostegno del suo principale, e ora quasi unico grande alleato, la Cina.

Infine, se Vladimir Putin decidesse di “premere il pulsante rosso”, secondo il cliché, gli altri due leader dovrebbero comunque condividere il codice nucleare con lui, il ministro della Difesa Sergei Shoigu, e il capo di “stato maggiore”, Valeri. Guerasimov, seguilo.

Il discorso del capo della CIA sembra quindi tracciare una linea ristretta per gli occidentali: aiutare l’Ucraina a respingere l’esercito russo senza spingere il Cremlino al limite con una sconfitta in buona forma…

Leggi anche:


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Al Cairo, ricci, libertà fino alle punte

Prezzi in aumento: la corsa francese a olio e farina, le vendite esplodono di oltre il 50% a inizio aprile 2022