in

Amnesty International e Human Rights Watch condannano i crimini contro l’umanità nel Tigray occidentale

Persone in fuga dalla guerra nel Tigray in un campo profughi a Debark, Etiopia, settembre 2021.

“Ti cancelleremo da questa terra, questa è la nostra terra, questa è l’ultima volta che un Tigray vivrà qui”, nel novembre 2020, un soldato delle forze speciali della regione di Amhara ha promesso a un residente del Tigrino in fuga dalla persecuzione. Questo messaggio inequivocabile è al centro del rapporto congiunto diffuso da Amnesty International e Human Rights Watch (HRW) mercoledì 6 aprile: “Il Tigray occidentale è teatro di crimini contro l’umanità”, riporta una metodica pulizia etnica dei Tigray. del Tigray occidentale.

In questo studio di 220 pagine, che ha comportato 427 interviste in 15 mesi, ci sono altri verdetti simili, alcuni disumanizzanti, altri che chiedono la deportazione diretta e l’omicidio di massa. Come ad Adebai, nel luglio 2021, in un centro di detenzione informale della città dove sono rinchiusi i tigrini. Una guardia, alleata con le forze Amhara che ora controllano il Tigray occidentale, grida ai prigionieri: “Voi tigriani non meritate di respirare, non dovreste vivere, non siete umani. †

Leggi anche: Etiopia: il primo convoglio di aiuti umanitari in tre mesi entra nel Tigray

Al centro di ciò che Amnesty e HRW descrivono: “crimini di guerra e crimini contro l’umanità” Tigray occidentale (o Wolkait), una striscia di terra di 12.000 km2† Questa zona fa, o meglio, faceva parte della regione del Tigray dal 1991.

Quando il Tigray People’s Liberation Front (TPLF) lo aggiunse al Tigray in quella data, vi stabilì migliaia di Tigray e condusse una marcia forzata di riforma agraria, a beneficio dei membri del partito che divennero proprietari terrieri. Migliaia di Amhara fuggono: per dissenso politico o dopo il saccheggio della loro terra.

Distruzione, espropriazione e incitamento all’odio

Quando nel novembre 2020 è scoppiata la guerra civile tra il TPLF e il governo federale del primo ministro Abiy Ahmed, i gruppi nazionalisti di Amhara hanno reagito. Riescono a sequestrare Wolkait nel giro di pochi giorni, prima che, come testimonia il lavoro delle due Ong, facevano di tutto per cancellare la presenza tigrina. Il mondoche ha visitato quest’area due volte – tra novembre 2020 e luglio 2021 – ha visto lì la distruzione, le espropriazioni e l’incitamento all’odio contro i Tigrini.

Un carro armato danneggiato giace abbandonato su una strada a Humera mentre le operazioni militari si svolgono nel Tigray, in Etiopia, nel novembre 2020.

L’intimidazione è iniziata non appena la cattura, nel novembre 2020, può essere letta nel rapporto. “D’ora in poi, qui niente si chiama Tigré.e poi ha minacciato un comandante delle forze speciali dell’Amhara, il maggiore Dejene Maru, contro una folla di tigrini nella città di Ali Goshu. non aspettarti [à un retour de] precedente amministrazione Questa è ora Amhara. †

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Un primo passo verso una complicata pace in Etiopia

Questa città a maggioranza tigriana non poteva immaginare che tre mesi dopo, il 17 gennaio 2021, le stesse forze speciali di Amhara avrebbero massacrato lì circa 60 persone, a sangue freddo, come rappresaglia per una sconfitta sul campo di battaglia. Questa esecuzione di massa ha avuto luogo lungo il fiume Tekeze.

Uno dei sopravvissuti descrive la brutalità dei carnefici, quando, per finire i prigionieri, uno dei comandanti Amhara ordina ai suoi uomini: “I tigrani non muoiono in fretta… spara di nuovo!” † Il Tekze diventerà famoso nell’agosto 2021, quando 136 corpi di prigionieri del Tigrino verranno recuperati sul lato sudanese del confine.

Una massiccia campagna di espulsione

“Il nostro obiettivo era determinare l’entità di ciò che è successo, spiega Jean-Baptiste Gallopin, ricercatore di Amnesty International. Abbiamo scoperto che la campagna di pulizia etnica era sistematica. Tutte le testimonianze ci permettono di affermare che i crimini contro i Tigrini furono generali e sistematici. †

il “Pulizia etnica” Il Tigray occidentale, termine utilizzato già nel marzo 2021 dal Segretario di Stato americano Antony Blinken, è stato pianificato ed eseguito. “Le nuove autorità di Amhara, miliziani e forze speciali hanno fatto tutto il possibile per espellere la popolazione del Tigrino”continua il signor Gallopin.

Leggi anche Etiopia: “Quello che sta accadendo nel Tigray è senza dubbio un disastro umanitario”

Le stragi, le torture, le detenzioni arbitrarie, gli stupri, gli espropri e i saccheggi sono elencati nel rapporto, che racconta anche il terrore quotidiano: il divieto di parlare in lingua tigrina o di ottenere documenti d’identità.

Un passo importante nella pulizia etnica, la campagna di deportazione, effettuata in parte in autobus, ha spostato almeno 723.000 tigrini nel resto della regione tra novembre 2020 e giugno 2021. Nella città di Humera, un amministratore Amhara fa un’offerta cinicamente per i residenti che “Se i Tigrei lo vogliono, possono decidere di andarsene, altrimenti possiamo deportare anche loro…”.

Le due Ong incolpano anche l’esercito federale di Abiy Ahmed. “Le forze federali sono complici, a volte prendono parte a incursioni, tengono posti di blocco per impedire la fuga dei tigrini o addirittura bombardano aree civili”osserva l’onorevole Gallopin.

Il governo di Addis Abeba risponderà a queste accuse mentre rivendica la scena internazionale dopo più di un anno di conflitto? Amnesty International e HRW riferiscono che gli arresti continuano oggi nel Tigray occidentale “circostanze mortali”

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Star Academy”: a rischio quattro accademici

Sanzioni contro la Russia, Wall Street e soprattutto le presidenziali… Il mercato azionario non ha potuto combattere questo martedì, Market News