in

“Art Paris” si unisce all’onda verde

Materiali riutilizzabili, consumo energetico ridotto, corteccia, polvere e pelle morta: la fiera d’arte contemporanea “Art Paris” inizia giovedì con l’ecologia come bussola e la natura come fulcro del processo artistico.

L’obiettivo è chiaro: “Ridurre il nostro impatto ambientale del 20% rispetto allo scorso anno”, ha affermato Guillaume Piens, commissario generale di Borsa AFP.

L’evento si terrà fino a domenica presso il Grand Palais di breve durata, una struttura temporanea installata vicino alla Torre Eiffel in attesa della fine dei lavori di restauro del Grand Palais, che dovrebbe riaprire nel 2024.

«Abbiamo digitalizzato i documenti per ridurre il consumo di carta, rinnovato la +homepage+ del sito che consumava molta energia. Per i vip quest’anno ci sarà una flotta di veicoli elettrici», ma anche un «ristorante senza carne» o persino lo champagne servito” in tazze di amido di mais”, spiega.

Il passaggio a un’illuminazione più efficiente dovrebbe anche ridurre le bollette elettriche del “62,5%”. Le tre tonnellate di cotone raschiato che ricoprono le pareti, così come le tre tonnellate di tappeti, che di solito vengono inceneriti dopo l’uso, saranno riciclate per essere utilizzate nel settore edile, assicura il direttore di “Art Paris”.

L’edizione 2022 punta a prendere questa svolta ecologica per ridurre la produzione di rifiuti, l’anno scorso 16 tonnellate, ospitando più di 70.000 visitatori.

Rami morti, tappeto riciclato:

L’organizzazione si è quindi concentrata sull'”eco-design”: sono stati tutti mappati gli elementi inquinanti e sono state trovate delle alternative.

Per quanto riguarda il trasporto di opere d’arte, se l’impronta di carbonio totale non è determinata con precisione, le gallerie hanno giocato al gioco del trasporto pubblico per ridurre il numero di camion necessari e hanno optato per imballaggi più ecologici.

– “Effetto generazione” –

Sul fronte artistico, diversi espositori hanno aderito “spontaneamente” al movimento scommettendo su creazioni che onorano la natura, osserva Alfred Pacquement, curatore indipendente.

Rami morti, tappeto riciclato:

I precursori del genere, che anticipavano le preoccupazioni del loro tempo, tornano così al centro. La giovane guardia, più politicizzata e al passo con i tempi, viene messa in luce da litografie di ghiaccio che si sciolgono, strutture sbalzate dal riciclo o paesaggi esposti ai cambiamenti climatici.

“Il tema poteva sembrare antiquato dieci o quindici anni fa. Oggi gli artisti sono meno timidi su questo argomento”, sottolinea il Sig. Pacquement, parlando di un “effetto generazionale” associato all’attualità.

Rami morti, tappeto riciclato:

“Se sei un artista”, l’interesse per “i problemi del tuo tempo è inevitabile”, afferma Alice Audouin, curatrice associata, parlando di una “generazione (artisti) nata con la crisi ecologica”.

Il “pesce affettato” di Elsa Guillaume, che evoca il cibo ricostituito, si riferisce all'”industrializzazione e alla pesca intensiva”. La piramide delle taniche di Romuald Hazoumé si riferisce al massiccio sfruttamento del petrolio in Africa, spiega la signora Audouin.

Altri usano materiali naturali come polvere, ruggine o “pelle morta recuperata dai podologi” per esprimere la loro devozione.

“Raccolgo i miei materiali e le mie idee nella foresta”, dice Vincent Laval, un altro artista che si definisce “eco-responsabile” e “militante”. “corteccia di alberi abbattuti”, “vera formica su una zucca” e persino un gong fatto di rami morti intrecciati: tanti oggetti “dimenticati” che vuole dare una seconda vita.

Rami morti, tappeto riciclato:

Molti artisti contribuiscono anche finanziariamente agli sforzi di conservazione ambientale donando una parte dei proventi delle loro vendite.

I futuri acquirenti di un pezzo della serie “Amazonia” di Lucy e Jorge Orta diventano così “proprietari morali” e “protettori simbolici” di un metro quadrato di foresta amazzonica, su un acro che la coppia ha acquisito, spiega la gallerista Marguerite. mil.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Elden Ring: Il gioco di FromSoftware seduce tutti e stabilisce un grande record

chi è Azatbek Omurbekov, soprannominato il “macellaio di Boutcha”?