in

chi è Azatbek Omurbekov, soprannominato il “macellaio di Boutcha”?

Secondo attivisti ucraini, Azatbek Omurbekov è il tenente colonnello incaricato delle operazioni dell’esercito russo a Boutcha.

Alcuni lo chiamano il “macellaio di Boutcha”. Il tenente colonnello russo Azatbek Omurbekov è identificato da InformNapalm, un sito attivista ucraino, come l’uomo che ha guidato le operazioni militari russe a Boutcha, dove sono stati trovati centinaia di corpi di civili giustiziati.

Azatbek Omurbekov, 40 anni, è un tenente colonnello della 64a brigata di fanteria motorizzata. Secondo le informazioni di VoltaL’uomo è stato premiato dal viceministro della Difesa russo per l’eccezionale servizio nel 2014 e benedetto dalla Chiesa ortodossa alla fine del 2021, prima dell’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina.

Secondo quanto riferito, all’epoca disse: “La storia mostra che combattiamo la maggior parte delle nostre battaglie con le nostre anime. Le armi non sono la cosa più importante in una guerra”.

Ordine o iniziativa?

E secondo il sito ucraino InformNapalm, che sta distribuendo le coordinate di Azatbek Omurbekov, è proprio l’unità di questo soldato che si trovava a Boutcha al momento delle esecuzioni.

“È il capo di un’unità abbastanza piccola da rendere la sua testa almeno consapevole di ciò che sta accadendo ovunque, ha necessariamente una parte della responsabilità, più o meno grande, ma necessariamente una parte”, afferma Michel Goya, consigliere della difesa per BFMTV.

Ma resta da vedere se i suoi soldati hanno agito sotto il suo comando o se si è trattato di “un’iniziativa locale”, sottolinea l’ex pilota di caccia dell’aviazione navale francese Pierre-Henri Chuet.

“Bisogna guardare quali istruzioni gli sono state date, quali istruzioni ha dato, quali ordini sono stati dati agli uomini, perché non siamo immuni dal fatto che sia un’iniziativa locale di una dozzina o quindici persone. Oppure è successo in un modo molto strutturato, perché nasceva dalla volontà dello stato maggiore con uno ‘stato finale desiderato’, come si dice nell’esercito, e poi le responsabilità non sono più le stesse”, spiega al microfono di BFMTV.

Cento pagine di nomi di soldati

Sono in corso indagini sulle circostanze di questi abusi e sulla persona o le persone che hanno ordinato i massacri, gli stupri e i saccheggi di cui è accusato l’esercito russo.

Il procuratore di Boutcha Ruslan Kravtchenko ha detto a BFMTV di avere già “100 pagine di nomi e cognomi di soldati russi e foto di soldati russi coinvolti durante l’occupazione” di questa città ucraina.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Art Paris” si unisce all’onda verde

Le loro bollette stanno esplodendo: i clienti Mint Energie piangono male