in

CAF e FIFA cercano di intromettersi negli affari della FIF

In successivi incontri con Alassane Ouattara, i vertici della FIFA e poi della CAF hanno cercato di convincere il capo di stato ivoriano a sostenere Didier Drogba nelle elezioni per la presidenza della FIF.

Durante il viaggio in Costa d’Avorio per discutere i progressi nell’organizzazione della prossima Coppa d’Africa (CAN), prevista per il 2023, Patrice Motsepe, presidente della Confederation of African Football (CAF), sembrava avere un’idea diversa. incontrando il capo di stato ivoriano Alassane Ouattara. Infatti, il 4 aprile, i due uomini si sono trovati faccia a faccia con un altro argomento di interesse per il sudafricano: la Federcalcio ivoriana (FIF).

Dal novembre 2020 e dalla morte di Augustin Sidy Diallo, la presidenza della FIF è vacante. Le elezioni si sarebbero svolte più volte, ma non avrebbero mai potuto aver luogo. Doveva finalmente svolgersi il 23 marzo, ma è stato nuovamente posticipato. Incolpare i disaccordi sulle nuove regole di candidatura tra CAF, FIFA, il Comitato di standardizzazione della FIF (CN-FIF), presieduto da Mariam Dao Gabala, e i principali candidati presidenziali della FIF tra cui Idriss Diallo, Dider Drogba e Sorry Diabate.

Teoricamente, la votazione dovrebbe svolgersi il 23 aprile. Tuttavia, CAF e FIFA sembrano volere che Didier Drogba sia il vincitore delle elezioni. Ma l’ex elefante non è il preferito. Tuttavia, CAF, che ha supervisionato le elezioni per la presidenza della Federcalcio camerunese, è ben consapevole che le previsioni possono essere vanificate.

Ouattara non vuole interferenze

Problema: CAF e FIFA Gianni Infantino sarebbero un po’ troppo offensivi e inclini a intromettersi negli affari ivoriani. Secondo quanto riferito, Alassane Ouattara non ha apprezzato il tentativo del presidente della FIFA italo-svizzero di spingere per Drogba. Il presidente ivoriano preferisce stare lontano da questo paniere di granchi. Tanto più che molti casi determinano l’elezione: Didier Drogba e Idriss Diallo, ad esempio, sono accusati di non pagare i debiti a chi gli ha venduto quote della miniera d’oro di Ity.

Motsepe, inviato sicuramente da Infantino, ha quindi riprovato ad affrontare il tema delle elezioni della FIF. Il sudafricano sogna di rivedere in Costa d’Avorio lo scenario del consenso che lo ha portato alla presidenza del CAF per riprodursi. Motsepe avrebbe quindi chiesto ad Alassane Ouattara di riunire Idriss Diallo e Sory Diabaté, convincendoli a ritirarsi in favore dell’ex capitano della rosa ivoriana. Cosa che, ancora una volta, Ouattara avrebbe categoricamente rifiutato.

Per il capo di Stato ivoriano si tratta di far lottare lealmente, ma soprattutto di rispettare le scadenze, i tre candidati alla FIF. Perché tra meno di un anno e mezzo la Costa d’Avorio ospiterà la CAN e c’è ancora del lavoro da fare per garantire che la competizione si svolga in condizioni ottimali. Dopo il fallimento camerunese, Ouattara vuole fare bella figura.

Di fronte al rifiuto di Alassane Ouattara di intervenire, Patrice Motsepe ha cambiato idea e ha detto agli elettori – i presidenti di club – che non aveva un candidato preferito. Abbastanza per mantenere una minima possibilità di allearsi con Sory Diabaté, il favorito, se quest’ultimo viene scelto.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Mimi Reinhardt, la segretaria di Oskar Schindler, è morta a 107 anni

Nicolas Pernikoff arrabbiato: l’editorialista scoppia in lacrime sul set Touche non sul mio post