in

Mimi Reinhardt, la segretaria di Oskar Schindler, è morta a 107 anni

RIFERIMENTO – Ebrea austriaca, aveva aiutato a salvare oltre 1000 ebrei dai campi di sterminio durante la seconda guerra mondiale.

Aveva preso parte a una delle più famose operazioni di resistenza contro la barbarie nazista. Mimi Reinhardt, il segretario di Oskar Schindler, che ha fondato la famosa lista dell’industriale tedesco che ha salvato più di 1.000 ebrei durante la seconda guerra mondiale, è morto in Israele all’età di 107 anni, ha detto la sua famiglia venerdì. “La mia preziosa e unica nonna è appena morta all’età di 107 anni. Riposa in pace”ha scritto in ebraico ai parenti la nipote Nina, in un messaggio visto dall’AFP.

Mimi Reinhardt, di origine austriaca ed ebrea a sua volta, visse a Cracovia, in Polonia, prima della seconda guerra mondiale e fu assunta da Oskar Schindler per il quale lavorò fino al 1945. Durante la guerra, aveva compilato elenchi di lavoratori ebrei salvati dai nazisti. camere a gas di Oskar Schindler, la cui storia è stata resa popolare dall’ormai classico del regista Steven Spielberg, The la lista di Schindler ha vinto sette Oscar e decine di premi internazionali.

Un ritiro in Israele

Mimi Reinhardt, che si era insediata a New York dopo la guerra, aveva fatto la sua aliya, la sua immigrazione in Israele, nel 2007 all’età di 92 anni per unirsi al suo unico figlio, allora professore di sociologia all’Università di Tel-Aviv, e ai suoi nipoti . “Mi sento a casa”aveva poi timidamente spiegato ai giornalisti venuti ad aspettarla all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv.

Mimi Reinhardt aveva riferito di aver incontrato Steven Spielberg, ma ha ammesso che ci sono voluti anni prima che potesse vedere il suo film. “Sono stato invitato alla premiere del film a New York. Ma dovevo partire per la proiezione, era troppo difficile per me.lei disse.

Da alcuni anni Mimi Reinhardt vive in una casa di riposo a Herzliya, una cittadina costiera costeggiata da palme a nord della metropoli israeliana di Tel Aviv. Alcuni anni fa, il fotografo del quotidiano israeliano Gideon Markowicz Israele Hayoml’aveva incontrata nell’ambito di un progetto sui sopravvissuti all’Olocausto. “Lei (poi) ha partecipato alle attività della casa di riposo, è stata la campionessa di bridge, navigava in internet e seguiva la borsa”ha detto all’AFP venerdì.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Spy X Family Episode 1 Tempo di rilascio mondiale confermato da Crunchyroll

CAF e FIFA cercano di intromettersi negli affari della FIF