in

Calcio Inghilterra – Chelsea e la terribile caduta, Roman Abramovich perde metà della sua fortuna

Lo conoscevamo nel ruolo di presidente di successo del Chelsea, Roman Abramovich è ora attivamente coinvolto nei negoziati per la pace in Ucraina. A Istanbul, dopo la fine del conflitto, l’oligarca gioca la sua immagine e la sua fortuna.

In un mese e mezzo la quotidianità di Roman Abramovich è radicalmente cambiata. È passato dagli spalti di Stamford Bridge e dall’organizzazione della finestra di trasferimento al clima solenne degli incontri diplomatici di Istanbul. L’oligarca russo è stato colpito dalla guerra in Ucraina. Ha dovuto lasciare la dirigenza del Chelsea FC, ha dovuto affrontare sanzioni economiche e ora sta lavorando con discrezione per porre fine alla guerra che il suo paese, la Russia, sta conducendo, rivela la stampa inglese. Abramovich fa parte del piccolo gruppo che cerca di trovare una soluzione diplomatica al conflitto tra i leader ucraino, russo e turco.

Abramovich vuole porre fine al conflitto per la sua immagine e la sua fortuna

Un impegno che sembra encomiabile, soprattutto perché è vicino a Vladimir Putin, ma alcuni lo vedono come un’operazione di comunicazione. Roman Abramovich ha tutto da guadagnare entro la fine del conflitto. La sua immagine è stata gravemente offuscata, data la sua vicinanza e lealtà a Vladimir Putin. Controverso in Inghilterra, paese dove ha guadagnato popolarità grazie al calcio, ha ” una buona occasione per ritrovarti dalla parte giusta della storia “, secondo Alexander Baunov, ricercatore al Carnegie Center di Mosca.

Soprattutto, gioca alla grande economicamente. Secondo la rivista specializzata nelle grandi fortune ForbesAbramovich ha perso 6,5 miliardi di dollari dall’inizio della guerra in Ucraina. La sua fortuna ora è di soli $ 7 miliardi. Le sanzioni e il congelamento dei suoi beni nel Regno Unito hanno influito sulle sue risorse. La Turchia è diventata il suo nuovo paese d’origine da dove dà anche le sue istruzioni nel processo di acquisizione del Chelsea. Aveva comunque indicato di voler donare i soldi di questa vendita per tutte le vittime della guerra in Ucraina e sostegno alla ricostruzione a lungo termine Un bel gesto senza ripensamenti né l’ultima pietra di una strategia di comunicazione, il dibattito resta indeciso sul discretissimo Roman Abramovich.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Tiger & Bunny, Ao Ashi, Bubble… 8 anime da non perdere ad aprile 2022

“Cinq Neuf”, la nuova collezione di jeans made in nord