in

come il Barça “femeni” ha cambiato dimensione

Pubblicato su :

Barcellona (AFP) – La squadra femminile dell’FC Barcelona è diventata professionista nel 2015 e si è trasformata in meno di un decennio con nuovi sponsor, formazione e nuove infrastrutture per unirsi all’élite della Champions League, dove giocherà contro il Wolfsburg venerdì (18:45). in semifinale al Camp Nou.

† Professionalizzazione tardiva

Nata Seleccion Ciudad de Barcelona per un’amichevole, la squadra ha adottato il nome Peña Femenina Barcelonista un anno dopo ed è stata convertita al Club Femeni Barcelona negli anni ’80. Solo nel 2002 è diventata ufficialmente la divisione femminile dell’FC Barcelona.

In un servizio trasmesso da El Pais l’anno scorso, Natalia Astrain, allenatrice dal 2002 al 2006, e Sheila Sanchon, ex giocatrice, ricordano: “Ci siamo allenati su un campo che fungeva da parcheggio nel fine settimana”, “abbiamo ricevuto circa 700 euro al mese”, e “abbiamo viaggiato con le nostre auto individuali”.

† Stadio Cruyff

La squadra è diventata professionista nel 2015 e nel 2017 il Barça ha avviato la costruzione dello stadio Johan-Cruyff (6.000 posti), destinato alla squadra di riserva maschile e alla squadra femminile. Un investimento di 12 milioni di euro che sarà redditizio al completamento, nell’estate del 2019, e che aiuterà le “Femeni” ad attrarre giocatori di calibro internazionale, come l’olandese Lieke Martens, miglior giocatore del mondo 2017 secondo UEFA e FIFA, che furono reclutati quell’anno.

† Lo sponsor Stanley

L'internazionale olandese Lieke Martens (a sinistra) spara la palla durante una partita del Tournoi de France tra Brasile e Paesi Bassi allo stadio Michel-d'Ornano di Caen il 16 febbraio 2022
L’internazionale olandese Lieke Martens (a sinistra) spara la palla durante una partita del Tournoi de France tra Brasile e Paesi Bassi allo stadio Michel-d’Ornano di Caen il 16 febbraio 2022 Sameer Al-DOUMY AFP/Archivio

Nel frattempo, la società di bricolage Stanley sta pompando 3,5 milioni di euro a stagione fino al 2022 nel 2018 per diventare lo sponsor principale della squadra femminile, che ha un partner diverso dalla squadra maschile. L’anno precedente, la dirigenza aveva deciso di non includere la squadra femminile nell’accordo con Rakuten proprio per cercare di invogliare uno sponsor separato per le donne, a un costo inferiore.

Nel 2018-2019, la squadra femminile è l’unica sezione dell’FC Barcelona economicamente redditizia. Quest’estate Stanley lascia il posto a Spotify, che ha firmato un colossale accordo di sponsorizzazione con il club blaugrana.

† La finale di C1 persa nel 2019

Il 18 maggio 2019 è la data che darà al Barça femminile una nuova mentalità. Diversi giocatori internazionali sono entrati negli spogliatoi e il livello di gioco è aumentato notevolmente e, guidato da Lluis Cortes, il Barça ha raggiunto la finale di Champions League. Ma i catalani vengono schiacciati 4-1 dai Lyonnaises, poi imbattibili. Al ritorno, all’aeroporto di Budapest (città ospitante della finale), una conversazione tra l’allenatore ei capitani cambierà tutto.

“Siamo stati così dominati che abbiamo detto a Lluis che volevamo davvero migliorare su tutti i fronti, tornare e vincere questa finale. E lo abbiamo fatto. Ci siamo allenati molto più duramente e ci siamo preparati mentalmente per raggiungere questo obiettivo”. , ha detto il giocatore a Vicky Losada.

L'allenatore del Barcellona Lluis Cortes circondato da membri e giocatori della squadra di calcio femminile del Barcellona dopo la vittoria della UEFA Women's Champions League a Göteborg, in Svezia, il 16 maggio 2021
L’allenatore del Barcellona Lluis Cortes circondato da membri e giocatori della squadra di calcio femminile del Barcellona dopo la vittoria della UEFA Women’s Champions League a Göteborg, in Svezia, il 16 maggio 2021 Jonathan NACKSTRAND AFP/Archivio

† L’apertura della Masia

Per cambiare dimensione, il Barça aveva sicuramente bisogno di attirare giocatori internazionali come Lieke Martens, le norvegesi Caroline Graham Hansen e Ingrid Engen, che sono ancora con il club, o anche le francesi Kheira Hamraoui ed Elise Bussaglia (ora scomparse). Ma ha anche fatto molto affidamento sulla sua formazione, con star come Gemma Font, Aitana Bonmati o la superstar Alexia Putellas.

E continua: l’estate scorsa nove pioniere si sono recate a tempo pieno a La Masia, il prestigioso centro di formazione del Barça, fino ad allora chiuso alle ragazze.

Il giocatore del Barcellona e l'attaccante spagnolo Pineda visita La Masia presso il centro di allenamento Oriol Tort a Sant Joan Despi in Spagna il 20 settembre 2021
Il giocatore del Barcellona e l’attaccante spagnolo Pineda visita La Masia presso il centro di allenamento Oriol Tort a Sant Joan Despi in Spagna il 20 settembre 2021 Pau BARRENA AFP/Archivio

† I frutti dello sforzo

Tutti questi sforzi sono stati ripagati. Nel 2020-2021, il Barça ha ottenuto un’incredibile tripletta di Coppa di Spagna – Campionato di Spagna – Champions League, alzando la prima C1 della sua storia.

I catalani sorvolarono la Spagna e dominarono l’Europa. Alexia Putellas ha vinto il Pallone d’Oro 2021 e il titolo di miglior giocatore UEFA dell’anno, una cerimonia che ha spinto le sue compagne di squadra Jennifer Hermoso e Lieke Martens sugli altri due gradini del podio.

E contro il Wolfsburg in semifinale, il “Femini” ha l’occasione di raggiungere la seconda finale consecutiva di C1, a conferma del suo primato continentale.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

La Renault vuole dimezzarsi per prendere aria

il nuovo luogo di incontro per gli editori