in

il nuovo luogo di incontro per gli editori

Il Festival del libro di Parigi apre le sue porte questo giovedì al Grand Palais Éphémère. L’opportunità di trovare i grandi editori che evitano questo incontro e di scoprirne di nuovi come Dalva Editori. Incontro con il suo creatore.

Per quasi 40 anni case editrici e appassionati di letteratura si sono incontrati al Salon du livre di Porte de Versailles. Questo incontro cambia nome, il Festival del Libro di Parigi, la sede, il Grand Palais Ephémère e la direzione ora guidata dal Syndicat national de l’édition.

Per la piccola casa editrice Dalva, che sta per fare la sua prima mostra, è un revival che farà bene a tutti. †È la prima partecipazione alle edizioni Dalva ed è necessariamente una grande gioia. Soprattutto perché si trova in un nuovo posto bellissimo, l’effimero palazzo vicino alla Torre Eiffel “, esulta Juliette Ponce, fondatrice della casa editrice Dalva.

L’ex caporedattore della letteratura straniera a Buchet/Chastel ha partecipato da tempo alle precedenti edizioni nel quartiere fieristico. Per lei, annunciare la sua casa editrice dalla linea spiccatamente femminile e che pubblica solo dieci libri all’anno, è un’occasione per incontrare il pubblico e, perché no, futuri autori.

C’era una forte richiesta da parte degli editori per rendere questo spettacolo gratuito.

Juliette Ponce, fondatrice della casa editrice Dalva

Un altro elemento che affascina Juliette Ponce è il fatto che questo appuntamento è gratuito. Lei è una di quelle che l’ha suggerito più volte. †Era una richiesta molto urgente da parte degli editori di rendere gratuita questa fiera perché non pensavano fosse molto giusto addebitare l’accesso alle persone che vengono a comprare o scambiare libri con gli autori.“, spiega il Direttore Artistico Marie-Madeleine Rigopoulos.

L’accesso è molto semplice, basta registrarsi sul sito del festival del libro, specificarli, e anche se probabilmente ci sono persone e un’attesa, anche i non registrati possono tentare la fortuna e venirelei aggiunge.

Il Covid non solo ha fatto desiderare a Juliette Ponce di iniziare la sua avventura, ma ha anche permesso a questo incontro di approfittare di questo stop per ripensarsi in modo diverso. Una crisi di mezza età che fa rivivere questo evento e riscopre la sensazione di festa, con un ricco programma e un tour del festival attraverso Parigi. Luoghi diversi ospitano eventi diversi, “fuori le mura”, e se vuoi essere guidato e viaggiare per Parigi, le passeggiate letterarie sono sempre in programma e sono uno dei fili rossi di questi tre giorni.

L’organizzazione, acquisita dal Syndicat national de l’édition, ha approfittato della cessazione di questo evento per due anni, a causa della crisi del Covid, per riportare questo incontro nel centro di Parigi, per dargli nuova visibilità e un ritorno alla base.

Il primo Salon è stato organizzato nel 1981 al Grand Palais”.Il nostro obiettivo principale era riportare il libro nel cuore di Parigi e la pandemia lo ha reso possibile”. spiega Marie-Madeleine Rigopoulos, direttrice artistica del festival† “Il nostro desiderio è di poter inaugurare il Grand Palais non appena i lavori saranno terminati e rimarrà permanentemente in questo bellissimo luogo.‘ interrompe lei.

Per questa edizione, che punta i riflettori sull’India, i visitatori si aggirano in uno spazio così com’è. La scenografia è particolarmente curata, perché si è deciso di rimanere nell’aspetto grezzo del Palais Éphémère. †Volevamo che il visitatore camminasse in uno spazio molto naturale, da qui la presenza del legno. L’emozione di una passeggiata dovrebbe accompagnare i visitatori e l’eleganza della scenografia lo assicura”. spiega Marie-Madeleine Rigopoulos. “Siamo molto felici di accogliere l’India e la sua delegazione molto numerosa, questi autori di ogni tipo. Era una promessa che ci siamo fatti tre anni fa.“, confida Marie-Madeleine, che non esita a ricordare che anche altre terre straniere sono presenti e vanno scoperte.

La passeggiata è la parola d’ordine di questo spettacolo che porterà a Juliette Ponce, perché Dalva è una doppia scoperta. Non è solo una casa editrice giovanissima e nuova, ma anche una casa editrice impegnata, perché pubblica solo autrici donne.

È nata a maggio 2021. Juliette Ponce, decide di iniziare dopo il primo parto. †Come tutti gli altri, l’incarcerazione mi ha fatto pensare “, ha detto con una risata.”Alla fine della carcerazione, mi sono chiesto che vita volevo davvero? Bene, volevo quello che ho ora. Ho una struttura piccolissima ma va benissimo perché seguo tutto dalla A alla Z e vedo con calma l’evoluzione dei miei bimbi‘ confida.

Con la sua amica Marie-Anne Lacoma e Jeanne come rinforzi, rappresentano le tre edizioni Dalva. Per loro, le linee devono muoversi. “Perché dovremmo pubblicare solo libri scritti da donne solo su temi legati alle donne? Perché assegnare loro i temi dell’infanzia, della maternità e non i temi della scienza, del clima, della geopolitica?”

Nasce così Dalva, il cui nome si riferisce all’eroina dell’omonimo romanzo di Jim Harrison, che si pone come una casa “dedicata”. Juliette Ponce vuole offrire agli autori uno spazio appositamente per loro, che vede come fonte di ispirazione. †Ho una sensibilità particolare per chi si avvicina alla natura e al clima lei aggiunge.

Un giorno mi sono reso conto che avevo letto più libri scritti da uomini che da donne.

Una sensibilità ereditata dai suoi anni da studentessa di etnologia e dai suoi viaggi con le donne del Chiapas, ai fini della sua tesi. Lì si rende conto che le donne non hanno il diritto di parlare in un ambiente pubblico e ufficiale, anche se sono talentuose e dotate di un know-how ricco e variegato. Ma ha anche trovato questo patriarcato quando ha iniziato a pubblicare. †Un giorno mi sono reso conto di aver letto più libri scritti da uomini che da donne. Penso che sia una visione della società che deve cambiare. Dalla scuola a dire il vero, sia al college che al liceo, i classici rimangono le stesse scelte. I miei figli studiano all’università quello che ho studiato io. Tranne forse un insegnante che presenterà Princesse de Clèves di Madame de La Fayette o un romanzo di Marguerite Duras, studiamo principalmente opere maschili.

Volevo pubblicare in modo diverso, creare una casa editrice a misura d’uomo dove poco si pubblica.

È con questo spirito che sono nate le Dalva Editions. Non con un obiettivo affatto femminista, ma con l’obiettivo di dare alle donne uno spazio in cui poter introdurre temi a cui non sempre sono associati. †Sì, una donna può parlare del clima come un uomo e le sue parole saranno altrettanto forti e quando gli uomini leggeranno i libri delle edizioni Dalva sarò la prima ad essere felice”. confida Juliette Ponce, pronta a collaborare con grandi case come Gallimard, numero tre in Francia con il suo gruppo Madrigall, che sta tornando anche in questo festival. Questo non scoraggia Juliette. †Volevo pubblicare in modo diverso, creare una casa editrice a misura d’uomo con poche pubblicazioni, ovvero dieci titoli all’anno.“, spiega. È felice di essere presente insieme ad altri grandi nomi come Media-Participations, Actes Sud e Albin Michel.

Un’edizione tanto attesa che dovrebbe già accogliere molti visitatori, sapendo che bisogna prenotare il biglietto su Internet, anche se l’ingresso è gratuito, perché il sito accoglie solo 5.500 visitatori alla volta e molti eventi sono già sold out: prenota acquisti, incontri con stelle della letteratura e tavole rotonde.

In occasione del 75° anniversario dell’indipendenza dell’India, una trentina di scrittori indiani si uniranno a loro. Occasione sul calendario, l’ultimo giorno del festival cade con il secondo turno delle elezioni presidenziali. †È un’opportunità per venirci a trovare dopo il tuo voto e chiudiamo i battenti alle 18:00 in modo che tutti possano essere a casa e scoprire chi sarà il nostro prossimo presidente entro le 20:00. “Conclude Marie-Madeleine Rigopoulos.

Il Festival del Libro si terrà fino a domenica 24 aprile al Grand Palais Ephémère di Parigi.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

come il Barça “femeni” ha cambiato dimensione

Il Texas giustizierà il più anziano condannato a morte