in

Il Texas giustizierà il più anziano condannato a morte

Il Texas si sta preparando per l’esecuzione giovedì 21 aprile del più anziano condannato a morte, Carl Buntion, 78 anni, condannato per aver ucciso un agente di polizia più di 30 anni fa ma che, sostengono gli oppositori della pena di morte, non sono più in pericolo. costituisce la società.

I suoi avvocati si sono appellati alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Se la loro richiesta viene respinta, il bambino di sette anni viene messo a morte per iniezione letale dopo le 18:00 ora locale. I suoi difensori non cercano di provare la sua innocenza. Ma in questo grande stato conservatore del sud, il più giustiziato negli Stati Uniti, una persona può essere condannata a morte solo se una giuria scopre che rappresenta un pericolo futuro per gli altri. Carl Buntion, che in particolare soffre di artrosi, vertigini, epatite e cirrosi,”non può più essere pericolosoi suoi avvocati hanno sostenuto in appello, da allora respinto, con la Texas Pardon and Parole Commission.

Mercoledì scorso, i funzionari della prigione hanno portato Carl Buntion in ospedale dove si è lamentato di dolori al petto. Gli è stata diagnosticata la polmonite. Sulla via del ritorno nel braccio della morte, il furgone si è fermato improvvisamente e Carl ha subito un trauma cranico.Ha twittato anche Helen Prejean, una suora cattolica nota per la sua lotta contro la pena di morte.

Un primo verdetto annullato nel 2009

Nel giugno 1990, quest’uomo, cresciuto da un padre alcolizzato e violento, era stato condannato e rilasciato sulla parola 13 volte per aver aggredito sessualmente un bambino. Mentre interveniva per una violazione del codice stradale comune a Houston, Carl Buntion sparò e uccise l’agente di polizia James Irby. Era stato condannato alla pena di morte e aveva visto questo verdetto annullato nel 2009 dalla Corte Suprema del Texas, che ha ritenuto che la difesa non fosse stata adeguatamente ascoltata dai giurati. Ma nel 2012 è stato nuovamente condannato a morte.

Carl Buntion è stato nella sua cella 23 ore al giorno per 20 anni. L’anno scorso, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di ribaltare la sua condanna, ma il giudice progressista Stephen Breyer ha detto la durata della sua incarcerazione “mette in dubbio la costituzionalità della pena di morte

VEDI ANCHE – Questo tempio mormone americano apre le sue porte al pubblico per la prima volta dal 1974

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

il nuovo luogo di incontro per gli editori

150 contratti a tempo indeterminato da completare a Safran, nel Béarn, entro la fine del 2022