in

come si è mosso il conflitto nell’est del paese

“I prossimi giorni potrebbero essere l’ultima possibilità di partire.” Il messaggio del governatore della regione ucraina di Luhansk, Sergei Gaidai, è indicativo delle preoccupazioni dei funzionari ucraini. Dopo aver raggiunto la regione di Kiev nell’Ucraina centrale, il fronte si è gradualmente spostato a est e le autorità ucraine temono un massiccio attacco alle regioni di Donetsk e Luhansk.

>> Guerra in Ucraina: segui in diretta l’evolversi della situazione

Questi timori si basano in particolare sulle dichiarazioni di Mosca, che il 25 marzo ha annunciato che avrebbe concentrato la sua offensiva sull’est del Paese. Dopo aver fallito nel catturare la capitale ucraina, la Russia ha comunque affermato che: “i principali obiettivi della prima fase dell’operazione avere ripieni”, nelle parole del vice capo di stato maggiore russo. E per aggiungere che l’esercito russo è andato ora “concentrando la maggior parte degli sforzi sull’obiettivo principale: la liberazione del Donbass”.

Quest’area comprende le regioni di Donetsk e Luhansk, dove dal 2014 infuria il conflitto tra le forze governative e i separatisti filo-russi. Regioni che la Russia non aveva conquistato prima di concentrarsi nuovamente sull’est del Paese. Secondo Julien Théron, ricercatore di Sciences Po Paris, intervistato da franceinfo il 26 marzo, “Il territorio di Luhansk è quasi completamente controllato dalla Russia, ma non è il caso di Donetsk”.

Questo stato di cose potrebbe cambiare poiché l’esercito russo viene ridistribuito in modo massiccio verso l’Ucraina orientale. Secondo un alto funzionario del Pentagono citato dall’AFP, due terzi delle truppe russe che avevano occupato la regione di Kiev dall’inizio dell’invasione si sono ritirate in Bielorussia, ha detto in previsione di un altro attacco altrove in Ucraina. “Vediamo che le apparecchiature provengono da direzioni diverse, che loro [les Russes] porta uomini, lascia che portino carburante”Lo ha detto il governatore di Luhansk Sergei Gaidai in un videomessaggio trasmesso il 4 aprile.

Da allora gli attacchi russi si sono intensificati. Tutte le città libere nella regione di Luhansk sono sotto il fuoco nemicoaggiunge Sergej Gaidai. Secondo lui, il bombardamento russo del 6 aprile nella città di Roubizhne ha provocato un morto, un ferito e sette dispersi. Altre cinque persone sono rimaste ferite nel bombardamento di un centro umanitario a Sievierdonetsk.

Anche l’esercito ucraino nel Donbass sta per essere preso dalle forze russe con un movimento a tenaglia da nord e da sud, come hanno spiegato sul posto gli inviati speciali di France Télévisions. Per frenare la loro avanzata, gli ostacoli anticarro ucraini si moltiplicano sulla strada strategica di Krasnopillya, nella regione di Donetsk, ma in pochi giorni sono già avanzati di sette chilometri. La vicina città ucraina di Sloviansk è sotto permanente sirene antiaeree.

Per prevenire nuove uccisioni di massa di civili, come a Boutcha nella regione di Kiev, le autorità ucraine chiedono da giorni ai residenti di queste regioni di trasferirsi nell’ovest del Paese. Giovedì, Sergei Gaïdaï ha annunciato la creazione di corridoi umanitari per i residenti di sette città orientali, tra cui Sievierdonetsk. La polizia vaga per gli edifici alla ricerca di residenti da scortare sotto il crepitio. L’ordine di evacuazione sembra essere stato ascoltato: il sindaco di Dnipro, cittadina più a ovest, ha annunciato giovedì che un “numero molto elevato di persone” era arrivato dal Donbass nei giorni scorsi. Ma anche molti residenti hanno scelto di restare.

Con l’intensificarsi delle offensive, queste evacuazioni stanno diventando sempre più pericolose. Sergei Gaïdaï ha affermato che le 1.200 persone evacuate mercoledì non hanno cessato il fuoco. Più a sud, il convoglio umanitario organizzato dalla Croce Rossa per Mariupol è già stato più volte rinviato, principalmente per la mancanza di garanzie di sicurezza. “Non possiamo più aiutare” popolazione in caso di attacco russo, ha avvertito mercoledì il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk.

Il manager, che coordina l’organizzazione dei corridoi umanitari, lo ha ricordato mercoledì 6 aprile“dobbiamo evacuare finché esiste questa opzione. Per il momento esiste ancora”† Con l’avanzata delle truppe russe nel Donbass, la situazione potrebbe deteriorarsi rapidamente.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

cosa ha sorpreso i protagonisti della serie durante le riprese della stagione 2 (VIDEO)

Volvo XC60 T6 Recharge (2022): capacità elevate