in

Da martedì la seconda stagione di “Chefs de bois” su Vrai

Non devi aver paura di uscire dalla tua zona di comfort e soprattutto devi avere una grande capacità di adattamento per conquistare il tuo posto nella competizione culinaria. Teste di legno.

Il mentore del giudice Martin Picard e l’ospite Mathieu Baron tornano in servizio per la seconda stagione, che arriverà sulla piattaforma Vrai martedì.


Da martedì la seconda stagione di “Chefs de bois” su Vrai

I due uomini sono circondati da una nuova coorte di chef pronti a confrontarsi con gli elementi della natura per 15 giorni, al ritmo di molteplici sfide che affrontano in un luogo appartato al Kenauk Nature Outfitter, a Outaouais. Freddo, umidità, pioggia, fame, e così via, le condizioni faranno perdere ai candidati sia il loro letto accogliente che la loro cucina professionale completamente attrezzata.

“Cucinare sul fuoco come fanno loro è un po’ come imparare a cucinare di nuovo, è come un nuovo lavoro”, ha detto Martin Picard all’agenzia QMI. Per lui, la trappola peggiore è “chiudersi”.

“Devi aprire le valvole. Rimani vulnerabile lì, è lo stesso modo in cui trovi benchmark per andare avanti. Devi accettare i commenti delle persone intorno a te, altrimenti sbatterai contro un muro”, ha proseguito il giudice.

Ogni chef ha la propria postazione esterna dove affrontare le sfide culinarie e l’obiettivo, come in ogni spettacolo del genere, resta quello di eliminare a turno i concorrenti.

Gli chef hanno pochi ingredienti a portata di mano – devono costantemente prendere ciò che la natura offre loro – quindi Martin Picard ha notato che le difficoltà li ispirano a superare se stessi. “È sorprendente come nella miseria si possa diventare creativi”, ha insinuato, lui che ha iniziato una degustazione alla cieca durante il primo episodio.


Da martedì la seconda stagione di “Chefs de bois” su Vrai

Per questa seconda stagione, stiamo concedendo privilegi ai candidati dopo gli eventi e avremmo voluto che ci fossero più colpi di scena, ha spiegato Mathieu Baron. Ci sono alleanze e strategie da implementare per andare avanti. Inizia male per due capi, che sono gli ultimi a raggiungere il campo in canoa. Vengono eliminati prima ancora che accendano il fuoco.

Le emozioni sono rapidamente al limite. “Ti lavi in ​​acqua fredda, dormi in tenda, mangi farina d’avena, i tuoi vestiti sono sempre umidi, lo stress, le difficoltà, la fatica, l’impazienza… a un certo punto si accumula”, ha detto Mathieu Baron, che vedremo nella cronaca quotidiana indifendibile, IVA, da settembre.

senza deviazione

E Martin Picard onestamente dice quello che pensa. “Non dovrebbe mai far male, anzi. Voglio accompagnarti e ti dirò cosa penso del tuo piatto. È casuale, potrei sbagliarmi, ma in base a ciò che so e alle mie esperienze, ti dirò cosa penso e farò quello che vuoi con esso.

Quest’anno i candidati hanno tra i 24 ei 49 anni. Quebecers e First Nations si conoscono meglio, il concorso accoglie due donne che condivideranno la loro cultura, Wapokunie Riel-Lachapelle, 38 anni, Métis e chef e proprietaria del Nikosi Bistro Pub, a Wakefield, a Outaouais, poi Krystle Rosalie Regis , 35 anni, un Innu di Maliotenam, sulla costa nord, chef del Pourvoirie Nipissis.

“Porta con sé diversità, il che è bello perché hanno modi diversi di fare le cose e quando lo pubblichi, tutti ne diventano consapevoli”, afferma Martin Picard.

Prodotto da Avanti-Toast, in associazione con Quebecor Content, la seconda stagione di Teste di legno è offerto su Vrai, con due nuovi episodi ogni settimana fino al gran finale il 3 maggio. Il primo premio è di $ 25.000. Si noti che la prima stagione di Teste di legno termina questo martedì alle 21:00, su TVA. Il giorno successivo, alla stessa ora, i curiosi ottengono l’accesso dietro le quinte alla produzione.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Benzema-Lewandowski, il duello a distanza è (ri)parte

In Germania, il governo stesso è diviso sulla questione delle forniture di armi all’Ucraina