in

In Germania, il governo stesso è diviso sulla questione delle forniture di armi all’Ucraina

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz parla con i giornalisti su un volo Londra-Berlino, 8 aprile 2022.

La Germania sta aiutando l’Ucraina tanto quanto afferma? Potrebbe sostenerla di più e, se sì, perché no?

Queste domande hanno assunto un posto sempre più importante nel dibattito pubblico tedesco negli ultimi giorni. Anche all’interno del governo, la cui difficoltà a mostrare una linea chiara e coerente ha suscitato critiche da parte di coloro che lo accusano di non collaborare attivamente con l’Ucraina.

Un nuovo episodio di questa soap si è svolto lunedì 11 aprile. Dal Lussemburgo, dove avrebbe incontrato i suoi omologhi europei, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock (Verdi) si è detta favorevole alla fornitura di armi pesanti all’Ucraina. [Ce pays] ha bisogno di più equipaggiamento militare, soprattutto armi pesanti”disse, spiegandolo “la terribile realtà che vediamo ogni giorno” giustifica “assolutamente chiaro” fornitura di tali armi. Prima di, “dobbiamo essere creativi e pragmatici” per’“Aiuta l’Ucraina il prima possibile”lei ha aggiunto. Pochi minuti dopo, le sue dichiarazioni hanno fatto la prima pagina di diversi importanti media tedeschi.

Dissonanza all’interno della coalizione di governo

In un articolo pubblicato giovedì 7 aprile, il sito di notizie Politica aveva infatti rivelato che il cancelliere socialdemocratico (SPD) Olaf Scholz si era rifiutato di dare il via libera alla consegna di cento carri armati Marder all’Ucraina. Una consegna che era stata preparata dal suo ministro dell’Economia Robert Habeck (Verdi) e attivamente sostenuta da Annalena Baerbock. Per giustificare la sua scelta di non consegnare immediatamente questo tipo di arma, Olaf Scholz ha dichiarato davanti al Bundestag il 6 aprile di “È importante coordinare a monte tra la NATO ei partner dell’Unione Europea [UE]e “Nessuno lo fa da solo, nemmeno la Germania”

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti L’equilibrio del cancelliere Olaf Scholz per il Bundestag

Cinque giorni dopo, vota per armi pesanti da consegnare in Ucraina ” appena possibile “, Annalena Baerbock ha chiaramente alluso alla sua differenza con Olaf Scholz. Doveva essere evidente che la linea di governo si era evoluta rispetto alla settimana precedente, e che i pregiudizi espressi all’epoca dal Cancelliere non erano più rilevanti? Niente affatto, ha detto una portavoce di Olaf Scholz, spiegando che non aveva cambiato idea e che le ragioni per rifiutarsi di rifornire di carri armati all’Ucraina ora erano ancora valide.

Hai ancora il 59,07% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Da martedì la seconda stagione di “Chefs de bois” su Vrai

Wall Street si ritira con l’aumento dei tassi di interesse – 2022-04-11 22:56