in

Di fronte agli shock dell’Ucraina e dell’inflazione, Londra sta rivalutando le sue priorità energetiche

Il segretario all'energia del Regno Unito Kwasi Kwarteng alla COP26 di Glasgow, 4 novembre 2021
Il segretario all’energia del Regno Unito Kwasi Kwarteng alla COP26 di Glasgow, 4 novembre 2021 (Daniel LEAL / AFP/Archives)

Alcuni mesi fa, il Regno Unito ha ospitato la conferenza internazionale sul clima COP26 e la strategia energetica di Londra si è concentrata sulla transizione verso la neutralità del carbonio. Da allora, la guerra in Ucraina e l’inflazione hanno cambiato la situazione.

Giovedì il governo conservatore ha svelato una nuova strategia di sicurezza energetica che mira ad accelerare il nucleare, l’eolico, il solare e i combustibili fossili nel Mare del Nord, che ha attirato critiche da parte delle ONG e dell’opposizione.

Tuttavia, non c’è “niente” sulla riduzione della priorità degli impegni climatici del Regno Unito, ha assicurato giovedì mattina il ministro dell’Energia Kwasi Kwarteng.

Ma “dato quello che sta succedendo nel mondo (…) stiamo anche lavorando per ripristinare la sua indipendenza energetica per il Regno Unito”, ha giustificato. Il primo ciclo di assegnazione delle licenze operative per gli idrocarburi nel Mare del Nord inizierà quest’estate.

Boris Johnson in visita al Moray Offshore Windfarm East al largo della costa dell'Aberdeenshire il 5 agosto 2021
Boris Johnson in visita al Moray Offshore Windfarm East al largo della costa dell’Aberdeenshire il 5 agosto 2021 (Jane Barlow/POOL/AFP/Archives)

Il paese “non sarà mai più ricattato da persone come (il presidente russo) Vladimir Putin”, ha aggiunto il primo ministro Boris Johnson, che punta a “quasi la metà della capacità energetica del paese proveniente dall’eolico offshore da” qui 2030″.

Johnson prevede anche di “rilanciare completamente l’industria nucleare, che temo fosse più o meno condannata in questo paese”, ha aggiunto durante una visita al cantiere della centrale nucleare di Hinkley Point, l’unica in costruzione nel paese . †

I critici giovedì hanno preso di mira la scelta di produrre più idrocarburi, ma anche una strategia che richiederà anni per dare i suoi frutti, senza azioni a breve termine per tagliare le bollette energetiche dei britannici.

follia

Il progetto su un'immagine elettronica dei due reattori nucleari di Hinkley Point nel sud-ovest dell'Inghilterra, a Londra il 28 luglio 2016
Il progetto su un’immagine elettronica dei due reattori nucleari di Hinkley Point nel sud-ovest dell’Inghilterra, a Londra il 28 luglio 2016 ( Hayes DAVIDSON / EDF ENGRY/AFP/Archives )

Nonostante “alcuni miglioramenti agli obiettivi delle energie rinnovabili”, il governo ha “dato la priorità alle soluzioni lente”, si rammarica di Greenpeace UK.

Il nuovo piano “sostiene nuovi permessi per petrolio e gas”, in contrasto con gli obiettivi climatici del Paese, affronta l’Ong, sottolineando che queste nuove perforazioni “impiegano in media 28 anni per iniziare”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres lunedì ha definito “follia economica e morale” i nuovi investimenti nei combustibili fossili alla luce dell’emergenza climatica.

Ma Kwasi Kwarteng non esita più a confermare, anzi, che sarebbe “assolutamente folle” per il Regno Unito “chiudere il rubinetto della (sua) fonte nazionale di gas in un mondo così incerto in un mondo così incerto”.

EPR nel mondo
EPR nel mondo (Vincent LEFAI/AFP)

Tuttavia, sotto la pressione dei britannici di scegliere tra riscaldamento o cibo, il ministro ammette che più trivellazioni locali non abbasseranno i prezzi del gas, che seguono i prezzi del mercato internazionale. “Quindi dobbiamo generare più elettricità in Gran Bretagna” con energie rinnovabili e nucleare, sottolinea.

Flotta nucleare obsoleta

Il Regno Unito prevede di accelerare lo sviluppo dell’atomo e prevede fino a otto nuovi reattori in alcuni degli otto siti nucleari designati entro il 2050, con l’obiettivo di soddisfare il 25% della domanda di elettricità.

Originariamente chiamato Windscale, il sito è stato ribattezzato Sellafield dopo un grave incidente che ha coinvolto uno dei suoi reattori nel 1957, a Sellafield nell'Inghilterra settentrionale, il 26 settembre 2002
Originariamente chiamato Windscale, il sito è stato ribattezzato Sellafield dopo un grave incidente in uno dei suoi reattori nel 1957, a Sellafield nell’Inghilterra settentrionale, il 26 settembre 2002 (ODD ANDERSEN/AFP/Archives)

Ma la sua strategia si basa principalmente su piccoli reattori modulari costruiti da Rolls Royce, che richiederanno anni di sviluppo: il primo non sarà operativo prima dei primi anni ’30.

La Gran Bretagna ha attualmente 15 reattori in otto siti, ma molti stanno raggiungendo la fine del ciclo di vita e Hinkley point, un progetto gestito da EDF e dalla cinese CGN, ha visto aumentare i suoi costi e non aprirà prima del 2026.

Londra punta a produrre il 95% di elettricità a basse emissioni di carbonio entro il 2030. Ma mentre il ruolo del gas nel Paese diminuirà gradualmente, per allora non sarà più scomparso e le sue emissioni dovranno essere compensate da strategie di cattura del carbonio.

“I nuovi impegni sono estremamente ambiziosi”, ma è “deludente non vedere più (annunci) sulla prestazione energetica e sul sostegno alle famiglie” tagliare immediatamente le bollette, afferma la Climate Change Commission, un’agenzia governativa responsabile della consulenza del governo.

A lungo termine, Londra guarda anche alla promettente tecnologia dell’idrogeno “verde” e dell’energia delle maree.

Al contrario, la fratturazione idraulica e l’eolico onshore non giocheranno un ruolo centrale a causa della “forte resistenza locale”, ha recentemente indicato il ministro dell’Energia.

Tuttavia, l’eolico terrestre è “la fonte di energia più economica e veloce” da utilizzare, ha criticato giovedì Ed Miliband, capo del cambiamento climatico per l’opposizione laburista.

Ma questa energia “è stata bloccata dal 2015” a causa di “alcuni parlamentari conservatori che tengono in ostaggio la politica energetica del governo”, ha affermato.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Convoglio russo di opere d’arte “di valore inestimabile” sequestrato al confine con la Finlandia

Analisi tecnica, Chelsea 1-3 Real