in

“Due dei migliori attaccanti del mondo giocano in Bundesliga, possiamo esserne felici”

Zapping World Elf ESCLUSI: Ronaldo, Ben Arfa, Lassana Diarra… L’elfo dei sogni di Hannibal Mejbri!

Quali sono le sfide principali di questa nuova edizione del “Classic”?

Per il Bayern Monaco, una vittoria sul Borussia Dortmund è l’occasione per vincere il decimo scudetto tedesco consecutivo. È anche l’opportunità per Thomas Müller di diventare il giocatore di maggior successo in Germania con undici incoronazioni. Per il Borussia Dortmund significa qualificazione diretta alla Champions League. Non mancano i duelli tra gli attaccanti Robert Lewandowski – Erling Haaland e tra coloro che portavano il settore offensivo del calcio tedesco Thomas Müller – Marco Reus. Ci si può anche chiedere se il Bayern Monaco avrà la forza e la volontà di affermare con stile il proprio primato, dimostrando che in Germania c’è un solo numero uno. Questo passerebbe attraverso una vittoria schiacciante contro BVB.

La prospettiva del decimo scudetto consecutivo del Bayern Monaco potrebbe attenuare la delusione in Champions League?

La stagione del Bayern Monaco resta un fallimento, anche se è la prima volta che una Top 5 europea vince dieci titoli di fila per la Juventus Torino (nove titoli) o l’Olympique Lyonnais (sette titoli). È chiaro che in Coppa di Germania (5-0) il Bayern ha preso una batosta contro il Borussia Monchengladbach e che in Champions la situazione di novembre-dicembre non è quella di aprile. Rispetto alla doppia resa dei conti contro il Villarreal, per la quale il Bayern era acerrimo favorito, è una svolta importante dell’anno essere eliminato senza vincere l’andata o l’andata. Nonostante lo sfruttamento del decimo titolo consecutivo, non si può parlare di stagione di successo.

“Haaland-Lewandowski? Sono due generazioni che si fronteggiano.

Patrizio Guillo

Robert Lewandowski e Erling HaalandCredito fotografico – Icona Sport

Il Borussia Dortmund ha la possibilità di vincere all’Allianz Arena? L’ultima vittoria di BVB in una competizione in Baviera risale ad aprile 2014…

È sempre complicato questo tipo di riunioni. Gli ultimi scontri del Borussia con il Bayern si sono spesso conclusi con una bella sconfitta. Ci sono state vittorie in Coppa di Germania, ma in Bundesliga è molto complicato vincere a Monaco. Date le circostanze, sarebbe un bel risultato, soprattutto perché il BVB ha molti infortuni con Mahmoud Dahoud e Giovanni Reyna in costruzione, Mats Hummels e Thomas Meunier in difesa, Donyell Malen e Steffen Tigges nel settore offensivo…. Durante le recenti apparizioni all’Allianz Arena, il Borussia ha perso 4-2, 3-2, 4-0, 5-0, 6-0, 4-1, 5-1…. Da quel famoso 0-3 nell’aprile 2014, le vittorie della Baviera sono state chiare e indiscutibili. Va anche notato che questo sarà l’ultimo “Klassiker” di Michael Zorc come direttore sportivo del Borussia, poiché sarà sostituito da Sebastian Kehl a giugno. Poche settimane fa è stata l’ultima partita di Rudi Völler con il Bayer Leverkusen. Per chi ama la Bundesliga, un’intera parte della storia del calcio tedesco è chiusa. Rudi Völler e Michael Zorc, hanno scosso la nostra infanzia e adolescenza, e come direttori sportivi hanno tenuto il loro club con la mano di un maestro.

E il duello tra Robert Lewandowski ed Erling Haaland?

Sono due generazioni opposte. Da un lato, Robert Lewandowski, 33 anni, ha meno carriera davanti a sé che alle spalle e in qualche modo dovrà affrontare la sua prossima generazione se Erling Haaland riuscirà a salvare un infortunio. Lewandowski ha ancora un record di gol (41) che ha “rubato” a Gerd Müller la scorsa stagione, e quest’anno sono 32. Haaland, ha segnato 18 gol in meno partite, quindi è davvero un duello di marcatori, ognuno con diversi punti di forza. Haaland è all’inizio della sua carriera e Lewandowski, pur non avendo il Pallone d’Oro, ha ricevuto il trofeo FIFA The Best per Lionel Messi o Mohamed Salah. Continua a lasciare il segno nel calcio tedesco, questa è la quinta volta consecutiva che ha segnato più di 30 gol in una stagione di Bundesliga, è ancora enorme. Indubbiamente, Erling Haaland ha un rapporto migliore tra gol segnati e tempo di gioco.In questa stagione il norvegese ha avuto problemi con il sedere, le articolazioni, i tendini e se guardi le sue statistiche sono fenomenali. Sono ancora 58 gol in 63 partite di Bundesliga per l’Haaland, con una doppietta contro il Wolfsburg (6-1) lo scorso fine settimana. Due dei migliori attaccanti del mondo stanno giocando in Bundesliga, che è qualcosa di cui essere felici. Lewandowski è anche l’uomo dei big, mentre Haaland dal canto suo ha perso nelle quattro sfide di Bundesliga con il Bayern Monaco. Haaland non vede l’ora di vincere finalmente contro il Bayern. Infine, questa partita è speciale per Lewandowski perché è il suo 24esimo “Klassiker” (8 con il Dortmund, 15 con il Bayern), che gli permette di strizzare l’occhio a Michael Zorc, che detiene il record con 28 partite.

Müller lo “scherzo” vs Reus “il genero ideale”

Patrizio Guillo

Marco Reus e Thomas MüllerCredito fotografico – Icona Sport

L’altro grande duello di questo “Klassiker” sarà tra Thomas Müller e Marco Reus?

Sì, naturalmente. Thomas Muller ha pareggiato dieci scudetti con David Alaba e ha la possibilità di superarlo di undici, che sarebbe anche il suo trentesimo titolo in tutte le competizioni con il Bayern Monaco. È un duello da seguire assolutamente, perché Müller ha appena prolungato il suo contratto. In questa stagione, Muller ha collezionato 42 presenze e 41 da titolare in 43 partite ufficiali del Bayern, segnando 12 gol e fornendo 23 assist. Ha la capacità di giocare bene con Robert Lewandowski, di sapersi muovere per creare spazio, di essere creativo… È molto difficile fermare Thomas Müller quando è in possesso dei suoi mezzi fisici perché è sempre in grado di avere un lampo di genio. Le 412 presenze di Müller in Bundesliga, 136 gol e 186 assist. Marco Reus è più introverso e convenzionale, mentre Müller può scherzare in conferenza stampa. Reus è il genero ideale, ma rimane un giocatore che può segnare in qualsiasi momento. In 336 partite di Bundesliga ha segnato 144 gol e 111 assist, e in questa stagione, con 25 presenze, ha segnato 9 gol e 14 assist, quindi statisticamente è paragonabile a Thomas Müller. Se vengono risparmiati dagli infortuni, possono assistere alle grandi assemblee e aprire il punteggio per dare fiducia ai propri compagni di squadra.

Julian Nagelsmann o Marco Rose dovrebbero temere per il loro posto in una performance scadente?

Julian Nagelsmann è già stato confermato al suo posto per la prossima stagione, in vista dell’andata contro il Villarreal. Certo, una vittoria per 6-0 per il Dortmund potrebbe potenzialmente cambiare le regole del gioco, ma visti i 25 milioni di euro di investimento, la durata del suo contratto e l’impatto della pandemia di Covid-19 sul flusso di cassa del Bayern, secondo me sarebbe. Inoltre, Nagelsmann è doppiato da Karl-Heinz Rummenigge, Oliver Kahn, Herbert Hainer, Hasan Salihamidzic o anche Uli Hoeness. Anche se sentiamo alcune voci dissenzienti sul contenuto dell’allenamento e della tattica, soddisfa grosso modo tutti i leader bavaresi per aver preso posizione e aver difeso il Bayern. Alle conferenze stampa non si nasconde dietro formule stilistiche. Dovremo pensare al suo rapporto con il suo direttore sportivo, Hasan Salihamidzic e vedere se questo tandem potrà ripartire per una stagione in più. Per quanto riguarda Marco Rose, ci sono state grandi discussioni sulla sua capacità di influenzare i suoi giocatori a livello del personaggio e della linguaggio del corpo † C’è stato anche un vertice con i tenori Hans-Joachim Watzke, Matthias Sammer, Michael Zorc, Sebastian Kehl… Per ora sono tre su quattro a dargli fiducia. Più in dubbio Mattias Sammer, che è stato direttore sportivo del Bayern, si aspetta un Marco Rose di maggior impatto. Con una forza lavoro che invecchia, quello che Rose vuole costruire al Borussia è molto difficile da fare in una stagione. Se rimane al suo posto, dovremo cercare nuovi giocatori nella finestra di mercato.

Quale francese potrebbe distinguersi?

Ovviamente aspetteremo Kingsley Coman se non avrà problemi muscolari. È un giocatore che può fare la differenza in ogni momento e contro il Villarreal ha avuto il maggior impatto. E’ l’attaccante in forma, dalla parte bavarese. Vedremo anche chi, tra Dayot Upamecano, Lucas Hernandez o Tanguy Nianzou, starà accanto a Erling Haaland. Dipende anche da Nagelsmann se sceglie di allestire una difesa francese al 100% o meno. Dalla parte del Dortmund, anche Dan-Axel Zagadou potrebbe stabilirsi in difesa. Ci sono quindi molti punti interrogativi prima che si dica che questo “classico” permetterà a un francese di distinguersi. A parte Coman, vedremo solo giocatori francesi difensivi.

Qual è la tua prognosi?

Se il Bayern riesce a superarsi, vedo una vittoria bavarese di due gol.

riassumere

Patrick Guillou, consulente di beIN SPORT, emittente ufficiale della Bundesliga, ha parlato con Onze Mondial, al “Klassiker” tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund, che si svolgerà sabato (18:30 su beIN SPORTS 1). Questo specialista del calcio tedesco solleva la possibilità del decimo titolo consecutivo di campione tedesco per la Baviera, ovvero i duelli Lewandowski-Haaland e Müller-Reus.

Etienne Leray


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

La speranza di una soluzione dopo quindici anni di false indicazioni e vicoli ciechi

13-14 maggio 2022 ad Auch, prima edizione del Festival Gascongastronomie