in

Giverny: una visita rurale ai giardini di Claude Monet

Se il mese di aprile simboleggia il ritorno del bel tempo e l’instaurarsi della primavera dopo il mese spesso capriccioso di marzo, è anche sinonimo di rinnovamento a Giverny, in Normandia. In effetti, un mondo molto piccolo è impegnato a dare vita ai colori dei sublimi spazi verdi della casa e dei giardini di Claude Monet: Giverny, un gioiello rurale vicino a Parigi, un ex punto di riferimento del pittore impressionista e un’oasi di pace preservata da Claude Monet Fondazione.

Un giardino vivo che sembra un dipinto impressionista a grandezza naturale

Tra le gocce di pioggia che bussano ai finestrini della navetta che sfreccia attraverso la campagna normanna verso Giverny, i paesaggi ricordano già le opere impressioniste che tutti conosciamo. Scene di vita contadina, campi a perdita d’occhio, valli fiorite… Ingrossate dalle pennellate dei grandi maestri del genere, come le gocce che sfumano lo sfondo della finestra. Perché sì, sta piovendo in questo giorno di apertura della Casa e dei Giardini di Claude Monet – Giverny. Nessun sole splendente, nessuna brezza tra narcisi, tulipani e glicini, solo un cielo basso e grigio.

Ma una volta varcata la porticina che immette nel giardino tanto amato da Claude Monet, il fascino del luogo rimane intatto. È quindi facile immaginare che il pittore, che visse su questi terreni dal 1883 fino alla sua morte nel 1926, ammirasse il giardino di sua creazione, cercando ispirazione per il suo prossimo capolavoro.

giardini claude monet giverny fiore primavera estate colore

In questa tenuta nella campagna della Normandia, ad appena un’ora da Parigi, Claude Monet visse, dipinse, ricevette i suoi contemporanei, ma soprattutto coltivò una delle sue grandi passioni: il giardinaggio. Abbandonato dalla morte del genio impressionista, questo immenso patrimonio culturale e naturale ha finalmente riacquistato il suo splendore alla fine degli anni ’70, grazie agli ingenti lavori di restauro della coppia Van der Kemp con il sostegno dei mecenati americani. Nel 1980 sono state aperte al pubblico la Claude Monet Foundation e la Claude Monet House and Gardens – Giverny.

Il giardino, le cui piante e fiori cambiano anno dopo anno e con le stagioni, è considerato un vero dipinto vivente del pittore, il più vicino possibile allo stato ai tempi di Claude Monet. Grazie agli scritti e alle testimonianze di visitatori e amici di Monet, la ricostruzione è il più fedele possibile.

casa e giardini claude monet giverny fiori vegetazione natura

Un viaggio rurale attraverso la storia dell’arte con Claude Monet a Giverny

È il caso anche della casa di Claude Monet, che si affaccia sul giardino con vialetti punteggiati di fiori colorati. Alle pareti sono riproduzioni dei dipinti del maestro, così come le sue stampe giapponesi e altre opere d’arte ottenute da Monet o donategli dai suoi numerosi amici artisti, anche collocate in modo identico durante la vita del pittore. Nel suo salone-studio, una fotografia in bianco e nero mostra Monet, con la sua caratteristica lunga barba bianca, al centro delle sue opere. Oggi il pittore non c’è più, ma la sua casa è esattamente come l’ha lasciata. Nelle stanze della casa, i regali di Cézanne, Pissarro e alcuni amici impressionisti completano una già sublime collezione di opere di Monet…

casa e giardino claude monet giverny pittura d'arte impressionismo

Ma è nel giardino che l’opera e la vita di Claude Monet acquistano il loro pieno significato. Tra i fiori, piantati e curati dagli appassionati giardinieri della Fondazione Claude Monet, solo il suono degli uccelli e il morbido fruscio delle foglie cullate dal vento arrivano alle nostre orecchie. All’ombra degli alberi, alcuni dei quali crescono da quando Monet visse nella sua residenza normanna, tutto invita a dimenticare se stessi e ad ammirare la natura circostante. Avventurandosi nello stagno delle ninfee, si apre un altro universo. Più selvaggio, questo piccolo stagno, circondato da fiori, arbusti colorati e piante piangenti, era uno dei luoghi in cui Claude Monet iniziò a dipingere. Qui troviamo il soggetto del suo famoso ” Il ponte giapponese“, un ponte di legno sormontato da glicine, dipinto emblematico di un maestro.

casa e giardini claude monet giverny natura laghetto delle ninfee

Una vacanza irripetibile

La casa ei giardini di Claude Monet – Giverny sono aperti tutti i giorni dal 1 aprile al 1 novembre tutti i giorni dalle 9:30 alle 18:00. Durante l’alta stagione, è consigliata la prenotazione online poiché questo piccolo angolo di paradiso rurale è così popolare tra i visitatori. Sono soprattutto i turisti americani, in omaggio al patrimonio dei mecenati americani che hanno permesso di restaurare questo gioiello del patrimonio francese, che sono la maggioranza. Ma nonostante la folla e qualunque sia il tempo che accompagna una visita a Giverny, questi giardini sono unici nel panorama culturale francese. Tanto pellegrinaggio per tutti gli amanti dell’arte che vogliono entrare nella mente del pittore come un rinfrescante rifugio naturale per gli abitanti delle città con spazi limitati, la casa e i giardini di Claude Monet – Giverny sono forse l’idea migliore per una passeggiata entro un’ora di Parigi.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Elden Ring: dì addio ai limiti di framerate e ciao al widescreen con questa mod!

“Dopo Putin avremo un governo democratico” (Leonid Gozman)