in

Guerra in Ucraina: embargo carbone, blocco camion… le nuove sanzioni Ue contro la Russia

L’Unione Europea ha approvato venerdì la sua quinta serie di sanzioni contro la Russia, compreso un embargo sulle importazioni di carbone, legname, prodotti chimici e altri prodotti che rappresentano almeno il 10% delle esportazioni.

Queste nuove sanzioni, pubblicate venerdì sera sulla Gazzetta ufficiale, impediranno anche a molte navi e camion russi di entrare nell’UE e vieteranno tutte le transazioni con quattro banche russe, inclusa VTB.

L’embargo sulle importazioni di carbone entrerà in vigore a partire dalla seconda settimana di agosto e da venerdì non potranno essere firmati nuovi contratti, quando le sanzioni saranno pubblicate sulla rivista ufficiale dell’Ue.

Contratti in corso deve essere terminato per la seconda settimana di agosto, il che significa che la Russia può continuare a ricevere pagamenti dall’UE per le sue esportazioni di carbone fino a questa data

“Queste ultime sanzioni sono state adottate in risposta alle atrocità commesse dalle forze armate russe a Boutcha e in altri luoghi sotto l’occupazione russa”, ha affermato in un comunicato stampa l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell.

Secondo il Cremlino, le accuse occidentali secondo cui le truppe russe avrebbero commesso crimini di guerra giustiziando civili a Bucha sono un “mostruoso falso” volto a denigrare l’esercito russo. La Commissione stima che il divieto del carbone russo significhi una perdita di reddito di 8 miliardi di euro all’anno per la sola Russia.

Sanzioni sul 10% del valore delle esportazioni russe

Oltre al carbone, le nuove sanzioni dell’UE vietano l’importazione di molti altri beni e prodotti dalla Russia, tra cui legno, cemento, fertilizzanti, frutti di mare e alcol, per un valore totale stimato di 5,5 miliardi di euro all’anno.

L’UE ha inoltre limitato le esportazioni verso la Russia di una serie di prodotti, tra cui cherosene, computer quantistici, semiconduttori avanzati, elettronica di fascia alta, software, macchinari e attrezzature sensibili, trasporti, per un valore totale di 10 miliardi di euro all’anno.

Secondo un funzionario europeo, le nuove sanzioni coprono almeno il 10% del valore dei prodotti russi che l’UE importa ogni anno. Si aggiungono a quelli già presi su acciaio e ferro russi. In totale, quindi, un quinto delle importazioni russe dovrebbe essere soppresso a seguito di sanzioni dirette.

Boutcha ha mostrato la “faccia crudele” dell’esercito russo

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato oggi che il massacro di decine di residenti della città ucraina di Boutcha ha mostrato il “volto crudele” dell’esercito russo e si è impegnato ad aiutare Kiev a difendere il “confine d’Europa”.

Ursula von der Leyen, che si è recata in Ucraina per mostrare il suo sostegno al presidente ucraino Volodimir Zelensky, ha visitato Boutcha quando gli esperti forensi hanno iniziato a riesumare i corpi sepolti in una fossa comune nel tentativo di determinare l’origine della loro morte.

La Russia, il cui esercito ha occupato questa città alla periferia di Kiev per più di cinque settimane prima di ritirarsi a fine marzo, nega ogni responsabilità per la morte di civili e accusa le autorità ucraine di inscenare. Parlando alla stampa a Boutcha, il presidente della Commissione europea, chiaramente sconvolta da quanto visto, ha assicurato che Bruxelles aiuterà l’Ucraina a prendere le “misure necessarie” affinché possa aderire all’Unione europea (UE) – una richiesta ripetuta di Volodimir Zelensky.

Isolare di nuovo la Russia

Qui è successo l’impensabile”, disse Ursula von der Leyen. “Abbiamo visto il volto brutale dell’esercito di Putin (Vladimir). Abbiamo visto la sua irresponsabilità e il suo cinismo durante l’occupazione della città”. Gli ucraini “difendono il confine dell’Europa, difendono l’umanità, difendono la democrazia ed è per questo che li supportiamo in questa lotta”, ha aggiunto.

Le immagini delle vittime civili a Boutcha hanno spinto i paesi occidentali a imporre nuove sanzioni a Mosca, ma proprio quando Ursula von der Leyen e il capo della diplomazia europea Josep Borrell sono arrivati ​​a Kiev, è stato lanciato un razzo contro una stazione controllata dai residenti del Donbass. abituato a fuggire dai combattimenti nell’Ucraina orientale, una cinquantina di persone sono rimaste uccise e dozzine sono rimaste ferite.

Josep Borrell, che ha affermato di sperare che l’UE prometta ulteriori aiuti di 500 milioni di euro all’Ucraina nei prossimi giorni, ha affermato che questo viaggio è stata anche un’opportunità per l’UE di evidenziare le misure volte a “isolare la Russia.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Epic Games Store: Rogue Legacy e The Vanishing of the Ethan Carter gratis questa settimana, poi uno sparatutto tattico e un alpinista

Spagna e Marocco suggellano una riconciliazione “storica”.