in

Spagna e Marocco suggellano una riconciliazione “storica”.

Pubblicato su :

Giovedì il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez si è recato in Marocco per incontrare il re Mohammed VI. I due uomini «hanno ripetuto la volontà di aprire una nuova fase nei rapporti tra i due Paesi», scarabocchiati per un anno. Questa normalizzazione è stata resa possibile dalla decisione di Madrid di esprimere ora il proprio sostegno al piano di autonomia del Marocco per il Sahara occidentale.

Spagna e Marocco si sono impegnati ad “aprire una nuova fase” nelle loro relazioni sospese da un anno, dopo l’inversione di tendenza di Madrid sulla questione del Sahara occidentale, durante una visita a Rabat del primo ministro Pedro Sanchez giovedì 7 aprile.

“Abbiamo concordato di definire una tabella di marcia sostenibile e ambiziosa”, ha detto ai giornalisti Pedro Sanchez, definendo i suoi colloqui un “momento storico”.

Pedro Sanchez, accompagnato dal ministro degli Esteri José Manuel Albares, è stato ricevuto in udienza dal re Mohammed VI la sera prima che un “iftar”, che rompesse il digiuno del Ramadan, fosse offerto in suo onore. Un segno dell’importanza del suo viaggio agli occhi dei marocchini.

In una dichiarazione congiunta, il sovrano cherifiano e il capo del governo spagnolo hanno concordato di “utilizzare una fase senza precedenti nelle relazioni tra i due paesi”.

“Realistico e credibile”

Questa normalizzazione è stata resa possibile dalla decisione della Spagna di mostrare ora il proprio sostegno al piano di autonomia del Marocco per il Sahara occidentale.

Pedro Sanchez “ha confermato la posizione della Spagna sulla questione del Sahara e ha considerato l’iniziativa di autonomia marocchina la base più seria, realistica e credibile per risolvere la controversia”, ha sottolineato il gabinetto reale.

>>Leggi anche: Sahara occidentale: l’origine della crisi tra Spagna e Marocco

Poche ore prima del suo sbarco a Rabat, il premier socialista ha subito una battuta d’arresto alla Camera dei Deputati spagnola, che ha denunciato la rinuncia di Madrid alla neutralità “storica” ​​nei confronti dell’ex colonia spagnola.

Il conflitto nel Sahara occidentale – vasta regione desertica ricca di fosfati e acque pescose – vede il Marocco contrapposto da decenni contro i separatisti sahrawi del Fronte Polisario, sostenuti dall’Algeria. Mentre Rabat sostiene uno status autonomo sotto la sovranità marocchina, il Polisario chiede un referendum sull’autodeterminazione sotto gli auspici dell’ONU.

Algeri arrabbiato

Quando Pedro Sanchez ha confutato qualsiasi idea di “inversione di tendenza” in questo dossier, ha alienato i suoi alleati di sinistra e l’opposizione di destra – come si evince dal voto dei deputati spagnoli di giovedì – ma anche il Polisario e Algeri, spagnoli fornitore di gas.

Giovedì il quotidiano algerino L’Expression ha accusato la Spagna di “tradire (…) il legittimo diritto del popolo saharawi all’autodeterminazione” e ha denunciato “il gioco pericoloso di Sanchez che ha particolarmente accresciuto le tensioni nella regione”.

La visita del leader spagnolo, su invito del re Mohammed VI, si inserisce in “una nuova fase di partenariato” tra i due regni vicini e segna la fine di una grave crisi diplomatica. Come previsto, le due parti hanno convenuto di “attuare una tabella di marcia che copra tutte le aree della partnership”.

“Domande di interesse comune”

Tra le “questioni di interesse comune” figurano l’immigrazione clandestina, la riapertura delle frontiere e dei collegamenti marittimi e il contrabbando intorno alle enclavi spagnole di Ceuta e Melilla, situate sulla costa settentrionale del regno.

Ma anche commercio e investimenti – la Spagna è il principale partner commerciale del Marocco -, cooperazione energetica, come la fornitura di gas naturale dopo la chiusura da parte di Algeri del gasdotto Maghreb-Europe (GME), o anche la delimitazione delle acque territoriali.

Per Madrid, l’obiettivo principale del ripristino dei rapporti con Rabat è quello di garantire la sua “cooperazione” nel controllo dell’immigrazione clandestina, mentre il Marocco, da cui la maggior parte dei migranti parte per la Spagna, è stato regolarmente accusato da molti osservatori di usarlo come mezzo di pressione.

Il governo spagnolo spera anche che Rabat sminuisca le sue pretese su Ceuta e Melilla. Ma molti analisti avvertono della mancanza di garanzie reali che la Spagna ha ricevuto dal Marocco.

Con AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Guerra in Ucraina: embargo carbone, blocco camion… le nuove sanzioni Ue contro la Russia

Falso agente federale arrestato per accuse statunitensi legate all’agenzia di intelligence pakistana