in

“I giovani ballerini del nostro film hanno la determinazione, lo gnaque!”

il necessario
Con “Allons Enfants”, girato nel dipartimento hip-hop di un liceo parigino, il duo Thierry Demaizière e Alban Teurlai continuano il loro lavoro sul tema della coreografia artistica

Dopo “Relève”, un documentario dedicato a una creazione di Benjamin Millepied all’Opera di Parigi, poi “Move”, una serie di cinque episodi dedicati alla danza, il duo Thierry Demaizière e Alban Teurlai portano ora “Allons

per bambini il loro nuovo lungometraggio che si concentra con nitidezza, emozione e umanità sulla sezione hip-hop del Lycée Turgot di Parigi. Un successo.

Ti aspettavi di catturare così tante emozioni facendo questo scatto?

Thierry Demaziere: È venuta dopo. Abbiamo incontrato questi ragazzi e abbiamo passato un anno con loro senza sapere cosa aspettarci. Abbiamo capito molto rapidamente che l’hip-hop sarebbe stato quasi un pretesto per raccontare e ritrarre una generazione, sia attraverso l’energia dell’hip-hop che il progetto che avevano. Ciò che si muove nel film sono loro! Il loro gnaque, la loro voglia di vedere un po’ di luce, la loro voglia di ballare, di portare avanti la loro passione significa che abbiamo una generazione che è molto commovente.

Albano Teurlai: E poi lo abbiamo sospettato, ma abbiamo scoperto che ci muoviamo quando abbiamo 15 anni. Non sono più così tanto bambini e non ancora adulti, e c’è qualcosa di magico a questa età, nel modo di vedere il mondo, nel modo in cui le cose sono formulate, specialmente in Seconds. Hanno un lato non filtrato, un modo molto disinvolto di dire le cose.

Come hai selezionato la galleria dei personaggi?

TD: La selezione avviene come nel film con una conversazione con gli insegnanti all’inizio dell’anno. Abbiamo iniziato a identificare volti, linee e storie che abbiamo intuito e poi abbiamo voluto attenerci al progetto educativo. Abbiamo incontrato bambini che hanno rotto o bocciato a scuola, con storie pesanti, o che hanno lasciato la scuola, con brutti voti o un po’ noiosi. Il progetto hip-hop è una risorsa educativa che ci ha spinto in storie un po’ difficili di bambini che si salvano ballando.

Giovani che si confrontano con un mondo completamente diverso dal loro…

TD: Questo è l’altro progetto! È prima di tutto un progetto educativo, ma è anche un progetto politico del direttore per scommettere su una scuola della Repubblica, con un vero e proprio mix all’interno del cortile per portare certi bambini fuori da un ghetto così che tutti si mettano in gioco un po’ bobo quartiere, nel 3° arrondissement di parigi, dove scoprono codici che non sapevano che conosciamo ora, ci vogliono diverse generazioni prima che i bambini nelle classi le persone popolari raggiungano un alto livello di istruzione, quindi l’ascensore sociale è un po’ rotto.

Qual è la loro opinione sul film e sulla loro immagine, che ha già 2 anni…

APE: Amano il film, sono felici e orgogliosi di averci lavorato, danno molto da altre parti del film, ci danno il loro disco rigido come si suol dire. Quindi per noi c’era il timore che improvvisamente non sarebbero stati necessariamente in fase con quello che stavano dando. E al contrario, tutti sono usciti e hanno detto: “Non ci stiamo riprendendo una parola di quello che abbiamo detto 2 anni fa”. Le ragazze ci hanno detto “Mi hai filmato quando non avevo la frangia, ora ho la frangia”, alcune avevano l’apparecchio, i brufoli che non ne avevano, quindi erano un po’ piccoli dettagli del genere…

C’è anche questa determinazione che si può sentire durante tutto il film. Sono tassati perché sono una generazione che non vuole fare altro che…

TD: È il contrario, hanno il “deterrente”! Abbiamo girato un film sulla deterrenza, sullo gnaque. Uno dei personaggi, Maxime, lo dice molto bene “Ci rivolgiamo a persone senza volontà, siamo nati con clip in cui possiamo vedere belle macchine, soldi, quindi vogliamo morderci!” Quindi vogliono luce e soldi, è normale a quell’età, tu vuoi tutto.

Va anche oltre, due dicono addirittura che ballare ha salvato loro la vita…

TD: Sì, l’abbiamo trovato molto toccante. In realtà hanno ballato la loro storia come Erwan barcollante quando balla, Charlotte che viene da un orfanotrofio che si sente trasparente, il suo sguardo pieno di noia, che ha quasi finito la scuola e non ha trovato modo di sbocciare, di esprimersi a scuola. inizia a ballare e all’improvviso diventa una dea…

“Allons Enfants”, attualmente nelle sale.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Manifestazione prevista a Montreal contro la visita del pianista russo Daniil Trifonov all’OSM

I segreti di Silente vince la giornata – SeriesDeFilms