in

I ministri occidentali protestano contro la presenza della Russia al G20 – 21 aprile 2022 alle 00:12

Una fotografia del governo canadese che mostra il ministro delle finanze canadese Chrystia Freeland (al centro) in posa con colleghi e banchieri centrali che hanno lasciato la plenaria del G20 per protestare contro la presenza della Russia al forum, 20 aprile 2022 a Washington (governo) dal Canada/dispensa)

Una fotografia del governo canadese che mostra il ministro delle finanze canadese Chrystia Freeland (al centro) in posa con colleghi e banchieri centrali che hanno lasciato la plenaria del G20 per protestare contro la presenza della Russia al forum, 20 aprile 2022 a Washington (governo) dal Canada/dispensa)

I ministri delle finanze del G20 e i banchieri centrali, che mercoledì si sono riuniti a margine delle riunioni del FMI e della Banca mondiale, hanno lasciato la plenaria o hanno spento gli schermi per protestare contro la presenza della Russia.

La presidenza indonesiana aveva subito pressioni per escludere Mosca dal G20 in risposta all’invasione dell’Ucraina. Tuttavia, ha rifiutato in nome dell’imparzialità.

“La guerra è incompatibile con la cooperazione”, ha affermato in apertura il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, esortando la Russia “ad astenersi dal partecipare alle riunioni del G20”.

Il suo omologo russo Anton Silouanov ha risposto: “Il G20 è e resta soprattutto un forum economico”.

Questo organismo riunisce le venti maggiori economie mondiali, tra cui Stati Uniti, Canada, Cina, India, Brasile, Giappone, Francia e Germania.

Non riuscendo a escludere Mosca, i ministri, compreso il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen, hanno deciso di boicottare le sessioni in cui avrebbero dovuto parlare i funzionari russi.

“Gli incontri di questa settimana a Washington sono progettati per sostenere l’economia globale e l’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia rappresenta una seria minaccia per l’economia globale”, ha twittato il vice primo ministro canadese Chrystia Freeland.

“La Russia non è autorizzata a partecipare o partecipare a questi incontri”, ha aggiunto, e ha anche pubblicato una foto che mostra i funzionari occidentali “che lasciano la plenaria del G20 quando la Russia ha cercato di intervenire”.

“Molti ministri delle finanze e banchieri centrali, tra cui (…) (Janet) Yellen, se ne sono andati quando la Russia ha iniziato a parlare”, ha confermato in precedenza una fonte vicina alla delegazione statunitense. “Altri ministri e governatori, che erano virtuali, hanno spento le loro telecamere”.

Si segnala inoltre a Londra che i rappresentanti britannici hanno lasciato la sala.

Questo incidente è avvenuto “senza interrompere le discussioni”, ha assicurato il ministro delle finanze indonesiano Sri Mulyani Indrawati in una conferenza stampa.

I ministri del G7 hanno anche ottenuto la partecipazione del ministro delle finanze ucraino Serguiy Marchenko a questo incontro, sebbene l’Ucraina non sia membro del G20.

– Stai per Mosca? †

Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner il 31 marzo 2022 a Berlino (POOL / Tobias SCHWARZ)

Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner il 31 marzo 2022 a Berlino (POOL / Tobias SCHWARZ)

Al contrario, il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha difeso il desiderio di Berlino di partecipare a tutte le sessioni, anche alla presenza di funzionari russi.

“Non forniremo alla Russia una piattaforma per diffondere la sua propaganda e le sue bugie”, ha detto ai giornalisti a Washington, dove si sta svolgendo l’incontro del G20 con alcuni dei suoi colleghi, mentre altri hanno optato per la modalità virtuale.

Secondo una fonte vicina alla delegazione tedesca, Lindner ha anche “sfidato con forza” le posizioni dei funzionari russi.

Questa è la prima volta che i principali sostenitori del G20 si incontrano dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.

Si sono lasciati a Giacarta, in Indonesia, il 18 febbraio, promettendo di coordinarsi per una ripresa globale “più forte”. Al contrario, l’offensiva russa ha oscurato le prospettive, esacerbato l’inflazione e innescato una crisi alimentare.

Lo stesso ministro russo ha accusato le sanzioni. “È chiaro che le sanzioni stanno limitando artificialmente l’offerta del mercato, causando uno squilibrio e un forte aumento dei prezzi”, ha affermato.

Il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha esortato i paesi a continuare la loro cooperazione nonostante le tensioni.

“I membri hanno sottolineato il ruolo cruciale del G20 come principale forum per la cooperazione economica”, ha affermato il ministro indonesiano.

I paesi hanno molto da fare poiché la crescita globale è minacciata: il FMI prevede solo il 3,6% quest’anno e prevede un rallentamento più forte con l’aggravarsi della guerra e delle sanzioni.

Prima del G20, il FMI e la Banca Mondiale avevano chiesto di ricordare l’essenza di questi incontri: garantire la sicurezza alimentare e attuare il “quadro comune” del G20 per ristrutturare il debito dei paesi poveri.

“Ci sono state molte discussioni sulla trasparenza” del debito, ha detto Sri Mulyani Indrawati. “Alcuni Stati membri hanno chiesto un meccanismo più credibile, prevedibile e tempestivo”.

Ma l’attuazione di questo quadro ha vacillato a causa della scarsa partecipazione della Cina, il principale paese creditore dei paesi poveri.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

la serie vietata ai minori di 18 anni viene finalmente rivelata in immagini

La sorprendente sconfitta di Phoenix – L’Orient Today