in

I piccoli cuccioli di orso di Haribo festeggiano il loro centesimo compleanno

Il colosso dolciario tedesco festeggia i 100 anni dei suoi “Golden Bears”, nati nel 1922. Oggi è il primo marchio del gruppo.

Cuccioli ormai centenari. Haribo celebra il centenario delle sue famose caramelle “Orso d’Oro”, lingotti d’oro nella versione originale tedesca, nata nel 1922. Un prodotto che è indissolubilmente legato al marchio Haribo: dalle linee di produzione del colosso dolciario tedesco escono ogni giorno ben 160 milioni di orsi. Oggi è di gran lunga la prima referenza del gruppo a livello mondiale, per il quale rappresenta quasi un terzo del fatturato.

Questi orsetti gommosi sono vecchi quasi quanto l’azienda stessa. Hans Riegel, che ha fondato Haribo nel 1920, aveva bisogno di un prodotto di punta. Contrariamente alle consuetudini dell’epoca, decide di dare forma alle sue caramelle: sceglie l’orso e gli dà il nome Tanzbar, “orso danzante”, ispirato a questi spettacoli che furono popolari in Germania fino all’inizio del XX secolo. il Tanzbarfatto con gomma arabica e non con gelatina come oggi, ha i suoi colori e aromi lo stesso anno.

Una borsa di Goldbären venduta in Germania nel 1961.
Un sacchetto di Goldbären venduto in Germania nel 1961. © Haribo

Venduto singolarmente, ha riscosso un notevole successo in un paese devastato dall’inflazione. Dopo la guerra, quando i figli di Hans Riegel rilevarono l’azienda, ebbe una seconda giovinezza. Fu negli anni ’60 che le caramelle come le conosciamo oggi furono davvero prodotte. La bustina sostituisce la lattina per adattarsi alle nuove abitudini di consumo. il Tanzbar sarà rinominato lingotti d’oro† Ora prodotto in serie, lascia la sua terra natale per essere esportato in tutta Europa

rifacimento anni ’60

Soprattutto, è un completo restyling: l’orso diventa più piccolo, più tondo, più colorato. “È un genio del marketing”, assicura Jean-Philippe André, presidente di Haribo France, per il quale l’orso “ha guidato lo sviluppo del gruppo”. La ricetta da allora è cambiata poco, ma si adatta al cliente: le dimensioni non cambiano (10 millimetri di larghezza per 23 millimetri di altezza per esattamente 2,3 grammi) ma il gusto, il colore o la consistenza possono variare da paese a paese.

“La consistenza delle caramelle è più soda in Germania e più liscia in Francia, Italia o Spagna, nella stessa confezione”, spiega Jean-Philippe André, che sottolinea che in alcuni casi ci sono solo cinque gusti diversi, invece di sei. Nazioni.

Haribo conta sull’anniversario del suo prodotto di punta per riportarlo sotto i riflettori. Oltre a una nuova campagna pubblicitaria in televisione, un’edizione limitata di succhi di frutta dovrebbe presto raggiungere i supermercati francesi per vivere l’onda della naturalità, come fanno altri marchi di pasticceria. “È un test a grandezza naturale su questo prodotto per osservare la reazione dei clienti nei negozi”, osserva Jean-Philippe André.

Tagada, Puffi e Dragibus

Perché a differenza di altri paesi come gli Stati Uniti, dove gli orsacchiotti rappresentano l’80% delle vendite del gruppo, in Francia la concorrenza è agguerrita all’interno del portafoglio stesso di Haribo, che rappresenta il 43% in valore del mercato dolciario tricolore. I francesi preferiscono Tagada, Puffi, Dragibus e altri coccodrilli: per ogni chilogrammo orsi d’oro venduto, Haribo vende circa cinque chili di Dragibus. C’è ancora spazio per i cuccioli.

Jeremy Bruno Giornalista di BFMTV

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Boris Johnson e Volodymyr Zelensky camminano insieme a Kiev

Joel Embiid si scaglia contro ciò che nemmeno Shaq ha mai fatto!