in

Il grande ritorno dello spettacolo “Les Chefs!”

L’attesa è finalmente finita! La competizione culinaria più impegnativa del piccolo schermo torna in azione all’ICI Télé, a partire dal 18 aprile.

Lo spettacolo ha dovuto prendersi una pausa per conformarsi alle restrizioni sanitarie, ed è anche uno dei pochi programmi in rete che è stato messo da parte a causa della pandemia.

Poiché questa undicesima stagione inizia con uno speciale alle Magdalen Islands, la Brigata dovrà preparare il tradizionale patè di pesce con pentola in pentola in meno di due ore, sotto la direzione del nuovo coach-mentore dello spettacolo, Colombe St-Pierre chef e titolare del ristorante Chez St-Pierre.


Il grande ritorno dello spettacolo

PROVE FOTOGRAFICHE Radio Canada

Il suo dinamismo, il suo umorismo, la sua risata contagiosa e i suoi proverbi rivolti agli esclusi aggiungono un tocco molto piacevole al completamento e fanno quasi dimenticare che Daniel Vézina è in questa posizione da un decennio.

Durante la stagione, la brigata di chef emergenti lavorerà sui tagli di verdure per ridurre gli sprechi alimentari, cuocere di più e creare piatti gourmet come il pollo fritto. Va detto che il team dei contenuti si è superato fornendo “colpi di scena” per gli aspiranti, soprattutto in termini di “come farlo”, ha avvertito la conduttrice Élyse Marquis.

I partecipanti dovranno cucinare in squadre più volte durante la stagione, in particolare a turno, ma anche essendo nascosti al compagno di squadra da tende quando devono riprodurre piatti identici.

Una quarantena trasformata in campo di addestramento


Il grande ritorno dello spettacolo

PROVE FOTOGRAFICHE Radio Canada

La brigata di aspiranti chef è stata messa in quarantena due settimane prima dell’inizio della competizione, consentendo ai partecipanti di preparare, leggere di cucina e sperimentare nuovi piatti dalle loro camere d’albergo. “Erano davvero in una bolla di cucina e lettura”, ha detto Dominique Savoie, produttore di contenuti per lo spettacolo, durante il lancio della nuova stagione a cui è stata invitata l’agenzia QMI.

Questa bolla ha anche creato coesione all’interno del gruppo e rafforzato lo spirito di squadra, che quest’anno è molto forte. Detto questo, l’aiuto reciproco non diminuisce la concorrenza, ha sottolineato Jill Niquet-Joyal. “Siamo ancora alla fine dei nostri posti e non è perché c’è un aiuto reciproco che è un fiore blu”, ha aggiunto il regista.

E ci sarà molto stress per questa undicesima stagione, sia per gli spettatori che per i partecipanti e i giudici, che quest’anno accolgono Isabelle Deschamps Plante, capo esecutivo dei caffè e sportelli Ricardo.

Quello che è stato finalista nelle edizioni 2013 e 2014 della rassegna I capi! ha ammesso di aver rivissuto molte emozioni quando è tornata in cucina, anche se ora si trova in una posizione molto diversa. “Avevo caldo per loro, ero stressato. Sembra che stessi cucinando per loro. Per tutta la stagione sono rimasta molto commossa quando i candidati se ne sono andati, mi sono seduta ai loro posti, a volte con le lacrime agli occhi”, ha confidato, aggiungendo di essere stata emotivamente scossa per quasi tutta la stagione.

C’è da dire che “la brigata è stata molto tosta quest’anno. Di solito abbiamo [les juges], sappiamo per esperienza chi va per primo e chi dovrebbe rimanere per ultimo. Ma onestamente non abbiamo visto i candidati che se ne sono andati per primi quest’anno”, ha affermato il giudice Normand Laprise.

“Non si tratta di quale candidato sia più forte o più debole. È davvero una questione di una buona o di una brutta giornata”, ha detto.

Per conoscere meglio i concorrenti e gli esclusi dall’undicesima stagione, Radio-Canada.ca presenta la web series I capi! negli straordinariche sarà pubblicato nella sezione MORDU.

Prodotto da Attraction Images, I capi! inizia lunedì prossimo alle 20 su ICI Télé.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Pulsante “Two Thumbs Up” di Netflix: cosa significa e

Il ritorno di Robert Lepage al TNM