in

Il Livebox 6 è in vantaggio rispetto ai Freebox, le reti fisse erano migliori in passato? Le tue migliori reazioni alle notizie gratuite e di telecomunicazioni

Il Livebox 6 è in vantaggio rispetto ai Freebox, le reti fisse erano migliori in passato?  Le tue migliori reazioni alle notizie gratuite e di telecomunicazioni

Univers Freebox copre le notizie gratuite e le telecomunicazioni ed è sempre stato uno spazio in cui la comunità può esprimersi. A volte le risposte sono molto divertenti o molto pertinenti, ma dobbiamo immergerci nei commenti per scoprire le buone parole dei nostri lettori. In questo “Best-Of” vi proponiamo la nostra piccola selezione.


Livebox 6 batte Freebox

Il nuovo Livebox 6 di Orange è stato presentato il 6 aprile durante un keynote all’insegna del metaverse. Non un nuovo TV box ma un server dal design piuttosto innovativo, con a bordo WiFi 6E per sfruttare al meglio la potenza della fibra ottica. E questo numero di WiFi 6E fa molto rumore, dal momento che il primo operatore a menzionare questa tecnologia è stato Free, nella persona di Xavier Niel che ha annunciato nel 2020 che avrebbe preferito questo standard al WiFi 6. Alla fine, è stato davvero Orange, che è stata la prima a lanciare un’offerta compatibile, con Bouygues Telecom, che seguirà il 25 aprile. Free ha perso la barca?

Tuttavia, alcuni sottolineano, con un tono beffardo che non è necessariamente necessario, che l’accesso a WiFi 6E non richiede solo una scatola, ma dispositivi compatibili che sono ben lontani dall’essere democratizzati.


La manutenzione della rete in rame è davvero andata meglio di quella della fibra ottica?

Le associazioni di funzionari eletti vogliono aderire al piano di smantellamento della rete in rame di Orange per garantire il successo del progetto e l’accesso alla fibra per tutti gli utenti. Spiccano alcuni argomenti, in particolare i difetti perenni. Tuttavia, alcuni fanno notare che i problemi di manutenzione della rete non sono nuovi e i famosi “era meglio‘ generalizzato.

Da notare inoltre che bastano i problemi di connessione in fibra e di manutenzione per spaventare gli aventi diritto e anche alcuni eletti dal passare a una rete instabile abbandonando l’ADSL, che è sicuramente meno efficiente ma se considerata più affidabile.


Un pacchetto italiano che potrebbe piacere ai francesi

Dopo aver proposto offerte 5G a tariffa ridotta, Iliad Italia svela una nuovissima offerta comprensiva di 300 GB a 13,99€, ma solo in 4G e senza chiamate né sms. Un’offerta che sembra attrarre diversi utenti Free che vorrebbero vedere un pacchetto dati al 100% atterrare con Free Mobile, soprattutto per alcune applicazioni specifiche.


Quando il boss di Orange France è sospettato di “fare Xavier Niel”

In occasione del lancio della sua nuova Livebox 6, Orange riconsidera la sua scelta di non offrire il 5G agli abbonati Sosh e lo conferma: accadrà”.Domani abbiamo il 5G sulle offerte Sosh“dice Fabienne Dulac, CEO di Orange France. Sosh, ultimo operatore a basso prezzo di marca che non offre la nuova generazione di telefonia mobile, cambierà questa situazione. Tuttavia, nessuna data è stata annunciata e questo tipo di annuncio ricorda ai Freenauts più stuzzicanti alcuni commenti del fondatore di Free…


Lotta di responsabilità per la lotta contro l’esposizione dei minori alla pornografia, ne vale la pena?

Giovedì scorso sono state ascoltate associazioni e operatori per la protezione dell’infanzia nell’ambito della protezione dei minori dai contenuti online. La procedura si basa su una richiesta di due associazioni che vogliono bloccare nove siti pornografici di ISP. Se il pubblico ministero chiede perizie per trovare una soluzione che possa essere applicata da Orange e altri, questi ultimi ritengono che il ruolo spetti ai siti stessi. Un dibattito che per alcuni avrebbe poco senso perché la battaglia sarebbe già persa.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Karpelès, caduto “barone” di bitcoin, vuole creare un’agenzia di rating per le criptovalute – 04/11/2022 at 12:25 PM

Omicidio dell’allenatore di Vauvert nel 2019: l’imputato in tribunale a Nîmes