in

Omicidio dell’allenatore di Vauvert nel 2019: l’imputato in tribunale a Nîmes

Salim Boudral è stato processato per omicidio a Vauvert nel maggio 2019 sullo sfondo di conflitti nel mondo delle squadre di calcio e tensioni con il suo allenatore. La vittima era l’allenatore della squadra locale. La difesa contesta la premeditazione.

Lunedì 11 aprile, il processo a Salim Boudral è ripreso davanti alla Corte d’assise del Gard per indagare sull’omicidio dell’allenatore della squadra di calcio Vauvert nel maggio 2019. Aveva 21 anni al momento degli eventi ed è accusato di avere Redouane Abbooui quando lui e l’allenatore avrebbero dovuto incontrarsi intorno alle 22:00.

Il giovane lo ha pugnalato sette volte con un coltello e gli ha preso a calci in testa, prima di salire su un’auto per sfuggire ai residenti che si sono appena resi conto che la carrozza era stata accoltellata. La folla gli ha lanciato pietre e sedie nel tentativo di fermarlo.

Io, Luc Abratkiewcz, parlo per chi è vicino all'allenatore.

Io, Luc Abratkiewcz, parlo per chi è vicino all’allenatore.
HOCINE ROUAGDIA

Il giovane è riuscito a fuggire senza far cadere i pantaloni per mostrare le natiche alle persone che hanno cercato di fermarlo. Si arrese quindi ai gendarmi per arrendersi e rispondere delle sue azioni circa un’ora dopo gli eventi.

Régis Cayrol porta l'accusa.

Régis Cayrol porta l’accusa.
HOCINE ROUAGDIA

Questo lunedì è in tribuna d’assise. A 24 anni, camicia bianca slanciata, occhiali cerchiati di nero, l’imputato è difeso da Me Isabelle Mimran, che affronta quattro avvocati di parte civile, My Pierry Fumanal, Cyril Malgras, Luc Abratkiewicz e Khadija Aoudia.

All’inizio dell’interrogatorio, un primo testimone descrive la personalità coinvolgente della vittima e il suo impegno sportivo nei confronti del club. Indica che il sospetto ha avuto problemi con la sua disciplina sportiva.

La difesa, supportata da Me Isabelle Mimran, combatte la premeditazione.

La difesa, supportata da Me Isabelle Mimran, combatte la premeditazione.

La posta in gioco del processo sta nella premeditazione dell’omicidio, contestata in toto dalla difesa sostenuta da me Isabelle Mimran. Perché la pena della condanna per omicidio è l’ergastolo e 30 anni per omicidio senza premeditazione.

“Il mio cervello è disconnesso”

“Il mio cervello è andato offline. Le emozioni hanno preso il sopravvento sul mio corpo, in quel momento inizio a schiantarmi (…) esco dalla macchina, prendo a calci il signor Abbooui, sono rimasto scioccato, non ricordo cosa stavo facendo. Ho capovolto. Mi sono nascosto in un cespuglio, è lì che sono tornato in sé”, ha rivelato questo pomeriggio l’imputato, che contesta un atto premeditato. Evoca una forma di intimidazione da parte dell’allenatore.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il Livebox 6 è in vantaggio rispetto ai Freebox, le reti fisse erano migliori in passato? Le tue migliori reazioni alle notizie gratuite e di telecomunicazioni

Nintendo Switch: questo gioco classificato 18/20 ha un prezzo d’occasione!