in

Il rublo in buone condizioni, ma l’impostazione predefinita è in agguato

Il rublo va meglio, ma è probabile che lo Stato russo paghi presto le sanzioni economiche impostegli dopo l’invasione dell’Ucraina. Dopo un crollo storico, il rublo ha ripreso i suoi colori, un successo alimentato dalla manna di energia di fronte alle sanzioni occidentali, ma che non riflette la reale salute dell’economia.

Alla fine di febbraio e all’inizio di marzo, il rublo ha raggiunto un livello senza precedenti rispetto al dollaro: 100 rubli, poi 120… a oltre 140 rubli per dollaro il 7 marzo. Ma da quel giorno la valuta russa ha continuato ad apprezzarsi, arrivando venerdì a 71 rubli per dollaro, record dall’autunno del 2021, e 77 rubli/euro, il livello più alto da giugno 2020. Per le autorità si tratta di un’ottima notizia , con il tasso del rublo è un indicatore seguito da vicino dalla popolazione, indicando che le sanzioni non stanno interessando la fortezza russa.

Il rublo spinto dai prezzi del petrolio e del gas

Secondo Sofya Donets, capo economista per la Russia presso Renaissance Capital, la risposta sta in un surplus commerciale senza precedenti. “Le importazioni in Russia sono diminuite, mentre le esportazioni sono solide e con prezzi elevati degli idrocarburi che danno un surplus commerciale stimato di $ 20-25 miliardi a marzo”, ha affermato un economista record. Petrolio e gas, le principali esportazioni russe, continuano a fluire e riempire il tesoro russo.

Le robuste esportazioni sono integrate da draconiani controlli sui capitali messi in atto dalla Banca centrale. Tutte le società esportatrici sono state costrette a vendere l’80% dei proventi delle esportazioni per acquistare rubli. Gli individui sono limitati a $ 10.000 acquistati al mese e non si può lasciare l’area con più di questo importo. Con la maggior parte dei trasferimenti internazionali bloccati e gli stranieri vietati di vendere i loro beni russi, il mercato finanziario si trova in un vuoto.

“Dà loro spazio per concentrarsi sui problemi interni”, secondo una nota della capitale rinascimentale, vale a dire il bilanciamento dell’inflazione galoppante e dell’incombente recessione. La banca d’affari prevede un picco di inflazione del 24% in estate, prima di un calo. A marzo, l’inflazione è salita al 16,7% su base annua, dati diffusi venerdì dall’ufficio statistico di Rosstat, un livello che non si vedeva dall’inizio del 2015.

Rating finanziario declassato a “default selettivo”

“Il tasso del rublo è diventato uno strumento locale, non ci sono flussi finanziari. Il mercato è attualmente distrutto e il prezzo di una valuta è un fattore nel commercio internazionale”, osserva Sofya Donets.

Sabato l’agenzia di rating finanziario S&P Global Ratings ha abbassato il rating della Russia per i suoi pagamenti in valuta estera a livelli di “default selettivo” dopo che Mosca ha saldato un debito denominato in dollari all’inizio della settimana. C’è solo una tacca più in basso: la nota “D”, predefinita.

“Non ci aspettiamo che gli investitori siano in grado di convertire questi pagamenti in rubli in dollari uguali agli importi originariamente dovuti, o che il governo converta questi pagamenti entro il periodo di grazia di 30 giorni”, ha affermato l’S&P.

L’agenzia ritiene che le sanzioni contro la Russia potrebbero essere rafforzate nelle prossime settimane “impedendo la volontà e le capacità tecniche della Russia di adempiere ai termini e alle condizioni dei suoi obblighi nei confronti dei debitori esteri”.

La Russia paga i suoi debiti in rubli

Per diverse settimane, la Russia ha scongiurato il pericolo di bancarotta poiché il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha consentito l’uso di valuta estera detenuta all’estero da Mosca per ripagare il debito estero. Così, a marzo, la Russia ha pagato diverse tranche di interessi, dimostrando la sua volontà e capacità di rimborsare.

Ma da lunedì, gli Stati Uniti non consentono più alla Russia di ripagare il proprio debito con dollari detenuti nelle banche americane. Di conseguenza, JPMorgan, in qualità di banca corrispondente, ha bloccato un pagamento.

Di conseguenza, mercoledì il ministero delle finanze russo ha annunciato di aver pagato quasi 650 milioni di dollari in rubli, con scadenza il 4 aprile.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

in lacrime, un ucraino riconosce il corpo di suo fratello tra le vittime

Ousmane Dembélé, una scelta cruciale per la sua carriera – Foot11.com