in

il Théâtre des Franciscains inaugurato a Nizza

Questo posto deve aver visto delle cose. Dopo un hotel, negozi e persino una discoteca, la chiesa e il convento dei francescani sono ora i benvenuti uno dei tre palchi del Teatro Nazionale di Nizza (TNN)† Ora chiamato Théâtre des Franciscains, questo luogo si trova nel cuore della vecchia Nizza, in Place Saint-François. È stato inaugurato giovedì 7 aprile dal sindaco Christian Estrosi e dal direttore della TNN Muriel Mayette-Holtz davanti a circa 200 persone della comunità culturale.

Per visualizzare questo contenuto di Twitter, devi accettare i cookie Social networks

Questi cookie consentono di condividere o commentare direttamente sui social network a cui sei connesso o di integrare contenuti originariamente pubblicati su questi social network. Consentono inoltre ai social network di utilizzare le tue visite ai nostri siti e applicazioni per la personalizzazione e il targeting pubblicitario.

Gestisci le mie scelte

Il palcoscenico nel cuore della nave

Le pietre posate dai francescani sono state conservate e riportate alla luce. Il podio di 600 mq si sviluppa su tutta la superficie della chiesa, lungo 48 metri. I livelli sono regolabili e lasciare che il teatro abbia uno spazio che va da 240 a 300 posti, a seconda della configurazione scelta (configurazione frontale, bifrontale, trifrontale o quadrifrontale).

A seconda dell'allestimento desiderato, le tribune possono essere posizionate sul palco in luoghi diversi
A seconda dell’allestimento desiderato, le tribune possono essere posizionate sul palco in luoghi diversi © Radio Francia
Julie Muncho

Per installare un’illuminazione moderna, la struttura della chiesa è stata rialzata di alcuni centimetri. Il soffitto è alto 14 metri di altezza.

Per l'inaugurazione, la sala di controllo è stata installata sotto una volta storica
Per l’inaugurazione, la sala di controllo è stata installata sotto una volta storica © Radio Francia
Julie Muncho

L’edificio adiacente de “L’Aigle d’or” oggi ospita gli uffici amministrativi del TNN, una sala prove e alloggi per gli artisti.

Sette secoli di storia

Ma ciò che rende speciale questo luogo, scoperto dieci anni fa dal dipartimento di archeologia della metropoli Nice Côte d’Azur, è la storia. È l’edificio più antico ancora in piedi nella Vecchia Nizza. Tutto ebbe inizio nel XIII secolo quando i frati di San Francesco d’Assisi fondarono la chiesa e il monastero. Dopo la Rivoluzione, l’edificio fu poi venduto a privati ​​che lo trasformarono in a Hotel e dentro alloggi per rendere redditizi i propri investimenti. Gli archeologi hanno anche trovato tracce di antichi I negozi : una pescheria e una ghiacciaia.

Dipinti storici sono ancora visibili in varie parti del teatro
Dipinti storici sono ancora visibili in varie parti del teatro © Radio Francia
Julie Muncho

È stato anche ospitato qui negli anni ’70 servizi di raccolta dei rifiuti Dove uffici CGT Anche una discoteca† La palla da discoteca è stata demolita e ora viene riposta dai servizi del municipio per far posto agli attori. La prima rappresentazione ufficiale avrà luogo il 26 aprile al Théâtre des Franciscains con lo spettacolo “Il sorriso di Darwin” disegnato dall’attrice italo-americana Isabella Rossellini e diretto dal regista di TNN Muriel Mayette-Holtz.

Per visualizzare questo contenuto di Twitter, devi accettare i cookie Social networks

Questi cookie consentono di condividere o commentare direttamente sui social network a cui sei connesso o di integrare contenuti originariamente pubblicati su questi social network. Consentono inoltre ai social network di utilizzare le tue visite ai nostri siti e applicazioni per la personalizzazione e il targeting pubblicitario.

Gestisci le mie scelte

Un totale di tre o più scene

La storia quindi ora continua con questo teatro, che è uno dei tre palcoscenici che formeranno il TNN nei prossimi mesi e anni. A fine maggio, la seconda sala sarà “La Cuisine”, a ovest di Nizza, vicino al Palais Nikaïa. Questo è’una struttura apparentemente effimera con una capienza di 600 posti.

Poi arriva il progetto “iconico” di 500 posti tra il Quartiere della Liberazione e Place Masséna, molto vicino alla stazione, nell’edificio “Diamond” progettato dall’architetto Daniel Libeskind. Poi nel 2026 ospiterà il Centro per l’Arte e la Cultura 800 posti Teatro e 1.150 posti per l’auditorium, sullo sfondo dell’ambizione del sindaco di Nizza di fare della sua città la Capitale Europea della Cultura.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Samsung dimostra che i televisori 8K sono fattibili nel 2022

cosa ricordare dalla giornata di giovedì 7 aprile