in

In aumento le molestie da parte di Apple AirTag

Spiare il proprio coniuge è un fenomeno vecchio quanto il mondo, ma gli AirTags di Apple lo aggiornano. E anche di più. Il sito Vice ha perquisito dozzine di stazioni di polizia negli Stati Uniti alla ricerca di reclami riguardanti questo tag. Dei 150 rapporti di polizia recuperati, una cinquantina sono di donne che hanno scoperto una di queste famose unità Apple nella loro zona. Nella metà di questi casi, le vittime di questa azione di polizia sospettavano una persona specifica all’origine. Di solito è un ex marito geloso e vendicativo. A volte è anche un marito possessivo o un capo libidinoso… C’è anche un caso in cui la vittima è un uomo e lo stalker è una donna.

In quasi tutti i casi documentati, l’Apple AirTag è nascosto da qualche parte nell’auto della vittima. A volte ce ne sono anche diversi. Il faro non è sempre facile da trovare e talvolta richiede l’intervento di un meccanico. Gli attaccanti, invece, non sono particolarmente discreti. Spesso non esitano a mostrarsi mentre seguono le loro vittime.

Guarda anche il video:

Questa è probabilmente solo la punta dell’iceberg, perché non tutte le segnalazioni portano necessariamente a un reclamo. Quindi possiamo supporre che ce ne siano molti altri, che potrebbero offuscare gravemente l’immagine di Apple, che probabilmente non vuole essere il fornitore preferito di molestie sessuali. L’esistenza di queste segnalazioni dimostra certamente che il meccanismo di rilevamento creato dall’azienda funziona bene. C’è da dire che Apple ha rafforzato notevolmente le tutele nel tempo.

In origine, un AirTag abbandonato dal suo proprietario iniziava a suonare automaticamente solo dopo tre giorni. Ma Apple ha presto ridotto questo periodo a meno di 24 ore, proprio per prevenire molestie. L’azienda ha anche migliorato i suoi algoritmi per rilevare più rapidamente la presenza di una spia AirTag nelle vicinanze. Ha sviluppato un’app per Android per estendere la capacità di rilevamento agli utenti non Apple. E ha moltiplicato i testi di avvertimento durante l’installazione di una macchina del genere.

Un prodotto pericoloso?

Ma alla fine non è molto convincente, perché al momento dell’avvertimento il danno è già fatto. Gli utenti Android non sono necessariamente a conoscenza dell’esistenza di un’app di avviso. Alla domanda di Vice, Albert Fox Cahn, capo dell’associazione dei cittadini Surveillance Technology Oversight Project (STOP), ritiene che Apple abbia notevolmente democratizzato l’uso di tali cookie. “Grazie ad Apple, il bullismo non è mai stato così facile o conveniente. Con un AirTag è possibile seguire qualcuno in qualsiasi parte del mondo (…) L’unica soluzione è smettere di commercializzare AirTag. Questo prodotto è troppo pericoloso per rimanere sul mercato”, lui crede. Se il numero dei casi di molestie continua a moltiplicarsi, è possibile che Apple si rassegni.

Fonte: difetto

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il Chelsea si riprende, l’Arsenal batte ancora

“Ha commentato il discorso di Macron”: Anthony Delon dà le ultime notizie su suo padre Alain