in

Inaugurazione della nuova mega-fabbrica Tesla in Texas, stato d’adozione di Elon Musk – 04/08/2022 at 01:10

Preparativi in ​​vista dell'inaugurazione della fabbrica Tesla il 6 aprile 2022 ad Austin, in Texas (AFP/SUZANNE CORDEIRO)

Preparativi in ​​vista dell’inaugurazione della fabbrica Tesla il 6 aprile 2022 ad Austin, in Texas (AFP/SUZANNE CORDEIRO)

Migliaia di inviti, un boss adorato dai suoi fan e uno scenario straordinario: l’inaugurazione di giovedì del nuovo stabilimento Tesla di Austin si presenta come un concerto da star, nella tradizione ormai consolidata di Elon Musk, lo stravagante miliardario che ha assistito alla straordinaria crescita della sua company e la sua struttura in Texas, lontano dalla cultura californiana.

Il fondatore e capo della casa automobilistica ha twittato diverse foto dei preparativi, tra cui un tunnel pentagonale psichedelico e Tesla su un palco incorniciato da luci al neon. Terrà un discorso intorno alle 21:00 (02:00 GMT).

Per diversi giorni, i fan del marchio di veicoli elettrici di fascia alta lo hanno twittato per richiedere i biglietti per l’evento, che può ospitare fino a 15.000 persone.

“Ho trovato il biglietto d’oro!” Mercoledì, Luke Metzger, presidente di una ONG ambientale in Texas, ha twittato riferendosi a “Charlie e la fabbrica di cioccolato”.

“Grazie Elon Musk!” ha aggiunto, insieme a uno screenshot del suo invito a “Cyber​​Rodeo – Giga Texas – 1 Tesla Road, Austin, Texas”.

Il nuovo stabilimento Tesla di Austin, alla vigilia della sua inaugurazione, il 6 aprile 2022 in Texas (AFP/SUZANNE CORDEIRO)

Il nuovo stabilimento Tesla di Austin, alla vigilia della sua inaugurazione, il 6 aprile 2022 in Texas (AFP/SUZANNE CORDEIRO)

L’azienda, molto riservata, comunica poco, ma le informazioni circolano attraverso la porta sul retro.

“Grande celebrazione per l’apertura della nuova casa di Tesla da 1,1 miliardi di dollari, che si estende su 74 acri. Tour interattivi gratuiti. Barbecue gratuito. Open bar”, ha pubblicato martedì l’account Instagram di WhenWhereWhatAustin, elencando gli eventi nella capitale del Texas.

– “Crisi d’identità” –

“È un grande giorno per il Texas”, ha affermato Courtlan Ross, un investitore immobiliare nato ad Austin che non vede l’ora di aumentare i prezzi degli immobili grazie all’afflusso di società tecnologiche nel suo stato.

L’apertura della fabbrica è una “buona cosa”, dice Davis Galassini, un giovane analista. “Sono piuttosto un fan di Elon Musk. E penso che creerà molti posti di lavoro”.

L'auto elettrica Model Y sulla linea di produzione presso la gigafactory di Tesla, il 22 marzo 2022 a Berlino (POOL / Patrick Pleul)

L’auto elettrica Model Y sulla linea di produzione presso la gigafactory di Tesla, il 22 marzo 2022 a Berlino (POOL / Patrick Pleul)

Tuttavia, altri residenti sono preoccupati per l’afflusso di start-up californiane. “È molto recente. Austin era una piccola città della contea, ma ora è diversa, è diventata enorme”, ha detto David Delarosa, un padre casalingo di 28 anni.

Come Oracle e Hewlett Packard Enterprise, partiti per il Texas nel 2020, Elon Musk ha trasferito il quartier generale di Tesla ad Austin alla fine del 2021.

Questo stato è noto per le sue politiche conservatrici – ha recentemente fatto notizia per aver approvato una legge sull’aborto particolarmente restrittiva – e per i suoi incentivi fiscali: non ci sono tasse sulle imprese, né sul reddito.

Secondo l’Austin American-Statesman, Tesla ha approfittato di esenzioni fiscali per un valore di oltre 60 milioni di dollari per costruire la sua megafabbrica, che alla fine avrebbe impiegato 10.000 persone.

Il Texas è anche sinonimo di petrolio e grandi automobili inquinanti. “Penso che Elon Musk stia attraversando una sorta di crisi di identità. Ha dimenticato chi erano i suoi clienti”, ha affermato l’analista indipendente Rob Enderle.

– “Problema dei ricchi” –

Elon Musk assiste all'avvio della linea di produzione della

Elon Musk partecipa all’inizio della linea di produzione presso la “Gigafactory” di Tesla, il 22 marzo 2022 a Grünheide, a sud di Berlino (POOL / Patrick Pleul)

Ma l’imprenditore sudafricano, che è diventato l’uomo più ricco del mondo, lotta con la California e la Silicon Valley, dove ha fondato Tesla nel 2003.

A febbraio, il democratico di stato ha intentato una causa contro la fabbrica di Fremont per discriminazione razziale. Il sito è noto anche per gli sforzi di sindacalizzazione falliti.

E nel maggio 2020, all’inizio della pandemia, quando le autorità si sono rifiutate di riaprire immediatamente la stessa fabbrica a causa delle misure sanitarie, Elon Musk le ha sfidate a venire e ‘fermarla’.

La contea di Hidalgo, nel sud del Texas, ha colto l’occasione e si è offerta di avviare operazioni nel proprio territorio. Ma è Travis’s, nella periferia dell’attraente – e democratica – Austin, che ha conquistato i favori del gentilissimo uomo d’affari.

“Giga Texas”, la cui superficie è pari a cento campi da calcio, è in uso da fine 2021.

È la quinta “megafabbrica” ​​di Tesla, dopo quelle in Nevada, New York, Shanghai e Berlino, la prima struttura europea ad aprire con grande clamore a marzo.

“Tesla ha un problema per i ricchi: la domanda sta superando l’offerta al punto che la Model Y e alcune Model 3 vengono spedite con 5-6 mesi di ritardo in alcune parti del mondo”, ha affermato l’analista di Wedbush Securities Dan Ives. “La soluzione si trova principalmente ad Austin e Berlino”.

Solo nel primo trimestre, e nonostante la carenza di chip elettronici, Tesla ha consegnato il 67% in più di veicoli rispetto allo stesso periodo del 2021, quando Toyota e General Motors hanno visto le loro vendite diminuire di oltre il 20% in volume.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

l’UE offre ulteriori 500 milioni di EUR per la fornitura di armi all’Ucraina; la situazione a Borodianka, vicino a Kiev, è “molto più terribile” che a Boutcha, denuncia Zelensky

Russell Westbrook avrebbe mentito una grande bugia