in

Kiev riceverà presto armi pesanti dai paesi dell’Europa orientale, secondo la Germania

L’Ucraina riceverà armi pesanti, compresi carri armati, dai paesi dell’Europa orientale “nei prossimi giorni” per contrastare l’offensiva russa, ha detto giovedì il ministro della Difesa tedesco. “Questi sono carri armati, veicoli corazzati o altre possibilità (di equipaggiamento) che i paesi possono arrendersi” all’Ucraina, ha affermato Christine Lambrecht durante un’intervista al canale di notizie continuo n-tv.

Germania coinvolta nell’acquisto

Questo materiale sarà consegnato “nei prossimi giorni”, come affermano esperti militari, “le prossime due settimane saranno decisive” nella guerra in Ucraina, ha detto.

La Germania sarà coinvolta in queste consegne poiché si impegna a rimborsare i materiali che altri paesi forniranno a Kiev. Quindi è in corso uno scambio con la Slovenia, hanno riferito all’AFP fonti del governo tedesco, confermando le informazioni dei media tedeschi.

Secondo questi fondi, il paese dell’ex Jugoslavia invierà un gran numero dei suoi carri armati d’assalto sovietici T-72 a Kiev e in cambio riceverà carri armati tedeschi del tipo “Marder” e veicoli corazzati “Fuchs”. Diversi paesi della NATO hanno già dato il via libera alle consegne di armi pesanti, come Stati Uniti, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Paesi Bassi e Slovacchia.

Sotto accusa per la sua riluttanza a fare lo stesso, il cancelliere Olaf Scholz ha annunciato martedì un impegno ad aiutare gli alleati dell’Europa orientale a consegnare armi di fabbricazione sovietica a Kiev, che sono usate anche dall’esercito ucraino, sostituendo qualsiasi materiale che forniranno.

“Non possiamo fornire le armi da soli”

“Ogni Paese decide cosa può dare e noi garantiamo che lo sosterremo per ricostituire (le loro scorte) in modo che i Paesi dell’Europa orientale possano garantire la difesa del proprio territorio”, ha affermato il ministro. tempo necessario per sostituire il materiale.

La Germania, che ha già fornito armi difensive, assicura che non potrà attingere di più dalle riserve della Bundeswehr, altrimenti non sarebbe più in grado di adempiere ai propri obblighi nei confronti della Nato o di difesa del proprio territorio.

Il ministro ha anche chiesto la rapida attuazione del fondo eccezionale di 100 miliardi di euro, che è stato deciso dal governo di modernizzare l’esercito, ma è ancora soggetto al voto del Bundestag. La Lambrecht ha anche confermato che la Germania addestrerà i soldati ucraini all’uso degli obici corazzati Panzerhaubitze 2000.

“Non possiamo fornire le armi da soli, la Bundeswehr non ha le risorse”, ha sottolineato, “ma dove possiamo aiutare, o addestrare, lo faremo”. Secondo i media tedeschi, questi veicoli blindati saranno forniti dai Paesi Bassi. Il primo ministro Mark Rutte ha recentemente annunciato la spedizione di tali dispositivi su Twitter, senza specificarne la tipologia.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

La direttrice di Telefilm Canada lascia il suo incarico

Ma test della banca francese: una neobanca semplice, ma con dei costi