in

La Cina rinuncia ufficialmente al lavoro forzato sotto la pressione occidentale

La buona notizia sui diritti umani dalla Cina non è legione. Va inoltre notato che mercoledì 20 aprile Pechino ha annunciato di aver approvato la ratifica delle due convenzioni fondamentali dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) che vietano il ricorso al lavoro forzato. Ci sono un totale di otto convenzioni fondamentali dell’ILO. Il Paese di Xi Jinping aveva già ratificato i due testi sul lavoro minorile e i due sulla discriminazione. Rimane la ratifica di due Trattati sulla libertà di associazione, che purtroppo non sono all’ordine del giorno.

“Adottando queste ratifiche, la Cina rafforza il suo impegno a eliminare tutte le forme di lavoro forzato all’interno della sua giurisdizione, ad attuare la libertà di lavoro per i suoi 1,4 miliardi di persone e a sostenere i principi fondamentali e i diritti sul lavoro dell'”ILO” di rispettare, spiega l’organizzazione Il primo convegno (nOh 29) vieta il ricorso al lavoro forzato in tutte le sue forme e richiede che tali pratiche siano criminalizzate. Il secondo (nOh 105) chiede specificamente l’abolizione immediata del lavoro forzato o obbligatorio in cinque circostanze specifiche.

Queste convenzioni entrano in vigore un anno dopo il deposito dei loro strumenti di ratifica presso l’ILO. “Questa mossa dimostra il forte sostegno della Cina ai valori dell’ILO e riflette il suo impegno a proteggere ogni lavoratore, maschio o femmina, dalla trappola del lavoro forzato, che non ha posto o giustificazione nel mondo del lavoro”. † L’ex leader sindacale britannico Guy Ryder, l’attuale direttore generale dell’ILO, ha affermato in una nota.

Condizione esplicita

Sorprendentemente, questa ratifica è stata fatta quasi di nascosto. I media cinesi ne parlano a malapena. “Per più di un decennio, la Cina ha lavorato duramente per migliorare le proprie leggi a tutela dei diritti dei lavoratori. Ad esempio, ora ha diritto del lavoro, diritto del contratto di lavoro e una legge sulla mediazione delle controversie di lavoro e sull’arbitrato”. spiega Cao Yan, un avvocato, nel Tempi globali dal 21 aprile. Per questo giornale cinese, questa ratifica “un po” devono fare i conti con la possibile pressione occidentale.

Tuttavia, il calendario sembra indicare il contrario. La ratifica delle convenzioni dell’OIL è una condizione esplicita affinché l’Unione europea (UE) attui l’accordo globale sugli investimenti concluso tra la Cina e l’UE alla fine di dicembre 2020, ma mai entrato in vigore. “Non possiamo che accogliere favorevolmente questa ratifica. Era necessaria. Ma non è abbastanza. Nel frattempo, l’imposizione di sanzioni cinesi agli eurodeputati rende impossibile per il Parlamento ratificare l’accordo”. nota un diplomatico europeo a Pechino.

Hai ancora il 53,82% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’iniziativa VET su Hot Docs “The Changing Face of Europe” include dieci film

Mercato: il piano di Conte per portare il Tottenham al titolo di Premier League