in

La Russia chiude gli uffici locali di Amnesty International e Human Rights Watch

Le autorità russe hanno annunciato venerdì di aver escluso diverse ONG dal loro registro ufficiale, portando alla chiusura in loco degli uffici di Amnesty International e Human Rights Watch.

La Russia ha annunciato venerdì la chiusura degli uffici locali di diverse rinomate ONG per i diritti umani, tra cui Amnesty International e Human Rights Watch. Questo annuncio è arrivato nel mezzo di uno scontro russo-occidentale sull’Ucraina, dove la Russia ha condotto un’offensiva militare dal 24 febbraio.

Le rappresentanze locali di Amnesty (Regno Unito) e HRW (Stati Uniti) sono state “escluse dal registro ufficiale delle organizzazioni non governative straniere” in Russia a causa di “violazioni della legge russa”, secondo un comunicato stampa pubblicato. in serata dal Ministero della Giustizia russo.

Tra le altre ONG escluse da questo registro, 15 in totale, sono la Carnegie Foundation for International Peace (Stati Uniti), la Friedrich Naumann Foundation for Freedom (Germania) e la Friedrich Ebert Foundation (Germania). Questa è di fatto la loro chiusura, ha affermato Amnesty in una nota.

“Le autorità hanno torto”

“Oggi le autorità russe hanno chiuso gli uffici di Amnesty International e di altre ONG internazionali”, ha affermato.

Le ONG sono state quindi “punite per aver difeso i diritti umani e aver detto la verità alle autorità russe”, ha affermato nel comunicato il segretario generale di Amnesty Agnès Callamard. “Le autorità si sbagliano profondamente se pensano che chiudendo il nostro ufficio a Mosca possano porre fine al nostro lavoro volto a documentare e denunciare le violazioni dei diritti umani”, ha affermato. Amnesty ora “raddoppierà i suoi sforzi per denunciare le gravi violazioni dei diritti umani da parte della Russia in patria e all’estero”, ha affermato Callamard.

Una svolta sulle informazioni

Human Rights Watch, che ha sede in Russia da 30 anni, ha anche assicurato che avrebbe continuato il suo lavoro nel paese. “HRW è presente in Russia fin dall’epoca sovietica, quando era uno stato totalitario chiuso. Abbiamo quindi trovato il modo di documentare le violazioni dei diritti umani e lo faremo in futuro”, ha affermato Rachel Denber, vicedirettore della Divisione Europa. Asia centrale a HRW.

Dall’inizio dell’operazione militare in Ucraina, i siti di molti media russi e stranieri in Russia sono stati bloccati. A marzo, le autorità hanno anche approvato diverse leggi per abolire dure pene detentive per quelle che considerano “false informazioni” sul conflitto.

Anthony Audureau con l’AFP

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Intervista a Josée di Stasio prima dell’uscita del suo nuovo libro “I miei quaderni stagionali”

Dani Alves consiglia al Barça di ingaggiare Mbappe invece di Haaland