in

La Russia minaccia di citare in giudizio Wikipedia per disinformazione

In Russia, i giornalisti rischiano 15 anni di carcere per aver pubblicato notizie false. L’uso della parola “guerra” è vietato per riferirsi alla situazione in Ucraina. L’accesso a Facebook e Twitter è bloccato. Lo strumento di tutta questa censura? Questo è Roskomnadzor, l’Ufficio federale per la supervisione delle comunicazioni, dell’informatica e dei mass media. Martedì 5 aprile ha nuovamente attaccato uno dei suoi obiettivi principali: Wikipedia, ovvero l’enciclopedia più completa e utilizzata al mondo.

Roskomnadzor ha chiesto di trasferirsi in quello che sarebbe stato “socialmente significativo e inaffidabile” sulla guerra in Ucraina. La minaccia associata a questo divieto è una multa di $ 50.000. Ars Technica è quindi tornata alla politica di combattere la disinformazione alla maniera russa.

“Non eviteremo molestie e censure”, la piattaforma aveva precedentemente avvertito in una dichiarazione datata 3 marzo, dopo che la Russia aveva minacciato di bloccare Wikipedia russa. Il paese ora assicura che l’enciclopedia pubblicherà solo “solo articoli con un’interpretazione antirussa degli eventi”.

Il massacro di Boutcha rafforza l’urgenza della censura

Dalla partenza delle truppe russe, nessuno ha perso le sinistre informazioni dalla città di Boutcha, a nord di Kiev. Prove di crimini di guerra, come omicidi di massa di civili e stupri, sono state scoperte e riportate dai media di tutto il mondo. Secondo il governo russo, che è in gran parte responsabile dei fatti, si tratterebbe di una messa in scena da parte dell’Ucraina. Dopo questi eventi, la guerra dell’immagine è diventata più che mai una priorità per Putin e il governo russo ha tutto l’interesse a continuare i suoi sforzi di controllo delle informazioni.

Un altro obiettivo di Roskomnadzor: YouTube, sarebbe “diventato la piattaforma principale per la guerra dell’informazione contro la Russia”† Quest’ultimo ha chiuso diversi canali aperti da Russia Today o dai media statali di cui il governo russo chiede la riapertura. Su Wikipedia, come altrove, i contributori continuano comunque a lottare contro la censura.

Il mese scorso, la Bielorussia (uno dei più stretti alleati della Russia nell’invasione) ha arrestato uno dei più prolifici editori di Wikipedia in lingua russa. Aveva contribuito con più di 200.000 in quasi un decennio ed è stato coinvolto in dibattiti su articoli sull’Ucraina.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Iniziano le vacanze di Pasqua, date per ogni zona e calendario

“In Ungheria, Serbia o Francia, il sostegno a Putin non è affatto dannoso dal punto di vista elettorale”