in

La terribile confessione di debolezza di Zinchenko di fronte al conflitto

Zapping World Elf ESCLUSO: Intervista a “Little Brother” di Edouard Mendy!

Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia lo scorso 24 febbraio, non è passato giorno senza che Oleksandr Zinchenko non pensasse alla sua patria.

Prima della sconfitta del Manchester City contro il Liverpool (2-3) nella semifinale di FA Cup, il centrocampista ucraino era sconvolto da questo conflitto persistente.

“La prima cosa che faccio ogni giorno è prendere il mio telefono e lo tengo sempre in mano. Sono passate più di sette settimane e puoi vedere che alcune persone stanno iniziando a dimenticarlo, ad adattarsi alla crudeltà del mio paese No no no no Le persone muoiono di fame, stanno morendo, i corpi vengono scoperti quindi come possiamo rilassarci? Hai bisogno di parlare ancora odio le persone che hanno invaso il nostro paese sempre di più ogni giorno non smetterò di parlarne perché il mondo intero ha bisogno di sapere la verità”, ha detto Zinchenko in un’intervista a The Guardian.

“Se stai zitto, significa che sostieni quello che sta accadendo in Ucraina”

Il 25enne ha anche espresso disappunto per i calciatori russi, che non prendono posizione: “Ho amici lì, una piccola cerchia, ma ora è stata ridotta a quasi nulla. Sono così deluso. I ragazzi che conosco hanno chiamato appena è avvenuta l’invasione, mi hanno scritto: “Mi dispiace Alex, ma non c’è niente che possiamo fare”. possiamo. Se stai zitto, significa che sostieni ciò che sta accadendo in Ucraina in questo momento, e non vedo perché dovrebbero. Forse hanno paura, perché vediamo immagini sui social media di russi che vanno in prigione se protesta. Ma guarda in particolare ai giocatori di calcio, o a chiunque abbia un seguito enorme. Ci credi, se tutti hanno pubblicato qualcosa su Instagram contemporaneamente che diceva: “Ragazzi, siamo contro la guerra, dobbiamo fermarla” Verrebbero arrestati tutti? Certo che no. Peccato che non dicano niente”.

“Se qualcuno pensa: ‘Non dirò nulla perché non posso cambiare nulla’, è un grosso, grosso errore da parte loro. L’alternativa è lasciare che le cose vadano avanti. Non devi solo parlare su quello che sta succedendo all’Ucraina: devi gridarlo”, ha concluso Zinchenko, sperando che il suo messaggio sia ampiamente diffuso.

riassumere

In vista della semifinale di FA Cup tra Manchester City e Liverpool, il giocatore ucraino dei Citizens Oleksandr Zinchenko ha espresso il suo sgomento per la partita. “La prima cosa che faccio ogni giorno è prendere il mio telefono e lo tengo sempre in mano. Sono passate più di sette settimane e puoi vedere che alcune persone stanno iniziando a dimenticarlo, ad adattarsi alla crudeltà del mio paese No no no no Le persone muoiono di fame, muoiono, i corpi vengono scoperti quindi come possiamo rilassarci? Hai bisogno di parlare ancora un po’ Odio le persone che hanno invaso il nostro paese sempre di più ogni giorno non smetterò di parlarne perché il mondo intero ha bisogno di conoscere la verità”, ha detto in un’intervista a The Guardian.

Etienne Leray


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Anche i cactus hanno paura del riscaldamento globale

Loana: questo commento molto inquietante di Matthieu Delormeau che l’ha lasciata profondamente addolorata