in

Laporta sui biglietti per l’Eintracht: ‘Non è colpa del club, ma siamo noi i più responsabili’.

I biglietti sono nominali durante le partite “speciali” e il “Seient Lliure” è limitato.

“La Pasqua è stata come la passione di Cristo”.

BARCELLONA, 19 aprile (Benin Actu TELEVISIONE) –

Il presidente dell’FC Barcelona Joan Laporta ha negato che l’FC Barcelona fosse “il colpevole”, anche se ha ammesso di essere “il più responsabile” del massiccio afflusso di tifosi tedeschi dell’Eintracht al Camp Nou durante la gara di ritorno dei quarti di finale di Europa League. Situazione “caotica” che è andata oltre il meccanismo di controllo del club, causata dalle “cattive pratiche” di alcuni soci e dall’interesse dei gruppi organizzati alla rivendita dei biglietti.

“Il club non è da biasimare, ma siamo noi i maggiori responsabili. Circa 29.000 biglietti sono stati soggetti a meccanismi di non vendita ai tifosi tedeschi, nonostante otto tentativi 27.000 volte. Il sistema è stato travolto dal buon funzionamento dei meccanismi di controllo, ma agenti non ufficiali esterni al club, gruppi organizzati e specialisti della rivendita hanno fatto irruzione”, ha ammesso Laporta martedì in una conferenza stampa sulla situazione emersa giovedì scorso.

Il club è a conoscenza dell'”abuso” da parte di almeno 7.800 abbonati, che hanno acquistato i biglietti con uno sconto del 50%, e il club stima che altri 7.000 tifosi tedeschi siano stati autorizzati ad entrare nel forte. Nonostante ciò, Laporta ha espresso la sua “grande delusione” e ha affermato che non avevano intenzione di “perseguire nessuno”.

“Difficile immaginare un membro che rinunci all’abbonamento alla squadra rivale durante una partita di tale importanza”, ammette Laporta, che ha annunciato nuove misure per le partite “speciali”. I biglietti nominativi sono digitali e il club sa chi sta entrando nello stadio.

Ai soci è riservato il ‘Seient Lliure’ e il club prevede di intervenire in futuro contro gli abbonati che non si recano mai al Camp Nou o che liberano il posto. “Lo statuto prevede che l’abbonamento sia un trasferimento dal club per una stagione. Non abbiamo intenzione di fare nulla ora, ma forse verrà imposto un numero minimo di visitatori per poter ottenere l’abbonamento”, ammette.

Un totale di 79.468 spettatori hanno assistito alla partita, portando 3,6 milioni di euro nel tesoro di Culés, di cui 37.746 sarebbero abbonati, mentre 34.435 biglietti sono stati venduti dal Barça, di cui 5.000 della squadra rivale erano dovuti alle regole UEFA.

Oltre a questi biglietti, c’erano 1.290 abbonamenti VIP, di cui il 45% (500 biglietti) è stato venduto ai tedeschi. Sono stati inoltre registrati 2.425 inviti e 3.572 accrediti allo svolgimento programmato del concorso.

“LA SETTIMANA SANTA È COME LA PASSIONE DI CRISTO”.

Alla domanda sui vantaggi degli operatori esterni, il club ha scoperto un tour operator (PU Corporate Hospitality) che aveva preso una cattiva abitudine e il contratto verrà annullato, ha affermato Juli Guiu, vicepresidente marketing.

Nonostante la presenza dei tedeschi su tutte le tribune del Camp Nou, il presidente ha accolto con favore le congratulazioni della UEFA perché “poteva andare peggio”. “Senza eludere le nostre responsabilità, abbiamo fatto ogni sforzo per garantire che non ci fossero grandi interruzioni”, ha aggiunto.

“La Settimana Santa è stata come la Passione di Cristo. Il giovedì santo è stata una delusione, così come il lunedì di Pasqua con la sconfitta contro il Cadice”, ha detto il presidente, ringraziando i membri e i giocatori del Barcellona che hanno assistito alla partita di giovedì e hanno applaudito la squadra lunedì per quella sconfitta. Questo lo porta ancora più lontano dalla vetta della Liga.

IMMAGINI DISPONIBILI SULLA TELEVISIONE DELLA STAMPA EUROPA

SCARICA URL:

https://www.europapress.tv/deportes/660077/1/joan-laporta-cl…

NUMERO DI TELEFONO CONTATTO 91 345 44 06

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Processo Wendel: Ernest-Antoine Seillière condannato per evasione fiscale – 04-2022 alle 17:57

Il Marocco, ospite d’onore della ventesima edizione di FICAM