in

le autorità filo-russe annunciano che “circa 5000” civili sono stati uccisi e che “dal 60% al 70%” delle case sono state distrutte

Il “nuovo sindaco” proclamato giovedì dalle forze filo-russe a Mariupol ha anche stimato che 250.000 persone avevano lasciato la città, ma che almeno altrettante, anche 300.000, erano sul posto.

il “nuovo sindaco” promulgato dalle forze filo-russe a Mariupol ha annunciato giovedì che“circa 5000 persone” era morto tra la popolazione civile di questa città ucraina, assediata per settimane dall’esercito russo e dai suoi alleati separatisti.

“Circa il 60-70% del patrimonio immobiliare è stato distrutto o parzialmente distrutto”, ha aggiunto, citato dall’agenzia russa TASS, Konstantin Ivashtchenko, nominato mercoledì capo della città da Denis Pushilin, leader dei separatisti di Donetsk. Ha anche stimato che 250.000 persone avevano lasciato la città, ma che almeno altrettante, forse 300.000, erano rimaste indietro. Queste citazioni sono estratti da un’intervista che TASS ha annunciato venerdì.

Konstantin Ivachtchenko assicura anche che in una scuola il “meglio conservato”alcune lezioni possono essere riprese non appena “questo mese” nonostante la mancanza di energia elettrica:Accendiamo il generatore. Non potremo nemmeno annaffiare, cioè non potremo dar da mangiare ai bambini, ma faremo forse 2-3 lezioni al giorno”. Le autorità ucraine avevano effettuato stime “accuratamente” di 5.000 morti, pur indicando che ci sono “decine di migliaia di vittime civili” e la città è distrutta “90%”. Giovedì anche i separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale hanno ammesso che stanno ancora combattendo contro migliaia di ucraini nella città assediata e prendendo il controllo della città. “ci vorrebbe tempo”.

feroci battaglie

Secondo Eduard Basurin, rappresentante delle forze separatiste di Donetsk, i combattimenti si concentrano sul sito di una vasta zona industriale siderurgica del gruppo Azovstal e nel porto. “Come immagini la zona industriale? È una città nella città, e ci sono diversi livelli sotterranei risalenti al periodo sovietico, non è possibile bombardare dall’alto, bisogna pulire il sottosuolo. Prenderà del tempo”, ha spiegato all’antenna del canale russo Pervyi Kanal. Truppe ucraine “si sono preparati, conoscono il terreno meglio di noi, non ha senso dare una data o un orario” per completare la cattura di Mariupol, ha aggiunto.

Secondo lui, le forze russe e separatiste devono trovare e bloccare tutti gli accessi alle arterie sotterranee e attendere la resa delle truppe ucraine. All’inizio della giornata, Edouard Bassourine aveva stimato i combattimenti in quest’area “3000 o 3500” Truppe ucraine, ma anche un numero imprecisato di residenti di Mariupol che impugnano le armi. “Quindi il numero (totale) potrebbe essere molto più grande”, Egli ha detto. Inoltre, Edouard Bassourine ha indicato che c’erano ancora sacche di resistenza nel centro della città.

L’esercito russo e i suoi alleati separatisti hanno assediato Mariupol per settimane, affrontando una feroce resistenza ucraina. Secondo entrambe le parti, la situazione umanitaria è catastrofica e la città è in gran parte in rovina. La cattura di questo porto è strategica per la Russia in quanto potrebbe fare il collegamento tra la Crimea, annessa nel 2014 e la regione sotto il controllo separatista e il territorio russo. In particolare, Mosca ha schierato lì le formidabili unità del leader ceceno Ramzan Kadyrov, senza prendere finora questa città portuale.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Ha un cuore enorme”: le tenere parole di Christophe Dechavanne sulla sua compagna sullo schermo, Corinne Masiero

il SUV del revival elettrico del marchio gioca con design e premium