in

il SUV del revival elettrico del marchio gioca con design e premium

L’abbiamo scoperto sotto forma di concept car al Salone di Monaco l’anno scorso. Lo troviamo oggi nella sua forma definitiva senza stravolgere o stravolgere il design originale. Tutto è lì, fuori e dentro, e la prima impressione di questa Smart #1 (che dovrebbe chiamarsi Hashtag One) è abbastanza positiva. Il piccolo marchio che si diceva stesse morendo sta cercando di rinascere e crescere con un primo SUV tutto elettrico, e stilisticamente ha superato il suo primo esame.

Un profilo liscio, impreziosito da un tetto galleggiante in colore differenziato.
Un profilo liscio, impreziosito da un tetto galleggiante in colore differenziato.

È chiaro che alcuni elementi che compaiono sul concept sono caduti nella trama della redditività, come le porte antagoniste o i singoli sedili nella parte posteriore. Tutto il resto c’è, in particolare il famoso tetto galleggiante (e vetro) di colore carrozzeria differenziato che ricade sul montante posteriore e che non evoca le linee di una Opel Adam a fuoco. Altro prestito: il frontale ha un’aria già vista sulle ultime produzioni coreane, su Kia e Hyundai.

A parte queste battute, le linee generali sono ultra-semplici, in totale rottura con l’attuale design angolare infestato. Il numero 1 è un ciottolo molto rotondo. Un desiderio che traspare dalle maniglie delle porte a scomparsa.

Una console centrale galleggiante che corre tra la plancia e gli schienali dei sedili dei passeggeri.
Una console centrale galleggiante che corre tra la plancia e gli schienali dei sedili dei passeggeri.
Una rispettabile valigia da 411 l.
Una rispettabile valigia da 411 l.

Le linee principali del concept sono rispettate anche all’interno. La console galleggiante, che corre tra i sedili anteriori, è ancora in programma, così come il grande schermo centrale da 12,8 pollici che si trova sulla console. I due sedili posteriori della concept sono diventati una panca scorrevole e sdoppiata 60/40 ei 5 passeggeri (che si accontenteranno di 4 per i lunghi viaggi) potranno godere di un sistema audio del marchio americano Beats con i suoi 13 altoparlanti.

Uno schermo da 12,8 pollici...
Uno schermo da 12,8 pollici…
... e maniglie delle porte a scomparsa.
… e maniglie delle porte a scomparsa.

Ma se questo Smart Hashtag One è un sasso arrotondato, non è un piccolo sassolino. Con questo SUV da città lungo 4,27 m, il marchio vuole dimenticare il suo passato pieno di mini city car. È certamente leggermente più corto di una Renault Captur o di una Peugeot 2008, ma se è nella stessa classe di dimensioni nonostante tutto, non è dello stesso calibro dal lato del prezzo. Di certo non li conosciamo ancora, ma lo Smart SUV è apertamente premium. E non solo per la qualità costruttiva, che è abbastanza buona da quello che abbiamo visto.

Un cruscotto senza pulsanti.
Un cruscotto senza pulsanti.

Con Smart, il premio si nasconde negli accessori (impianto audio di fascia alta e illuminazione a LED Matrix anteriore e posteriore) ma anche sotto il cofano e sotto il pavimento, con batterie da 66 kWh che alimentano un motore da 200 kW (272 CV). Abbastanza per fornire un’autonomia di quasi 440 km.

La macchina, un po’ più leggera di molte sue controparti motorizzate, pesa ancora 1.870 kg, che dovrebbero comunque darle una bella accelerazione per raggiungere la velocità massima di 180 km/h. Sul lato della ricarica, si collega a una presa a muro e impiega 3 ore per tornare all’80% di carica o all’alimentazione CC (offerta di serie) per raggiungere la stessa carica in 30 minuti. Infine, i funzionari Smart hanno promesso: hanno in programma di entrare presto a far parte del consorzio Ionity.

Versioni meno potenti e più sportive in arrivo?  Mistero.
Versioni meno potenti e più sportive in arrivo? Mistero.

Questo meccanismo, solitamente riservato alle auto più grandi, non è proprio di competenza di Smart. La divisione Mercedes si è occupata del design, ma tutta la parte nascosta è opera del cinese Geely. Questo Hashtag One è stato progettato in Germania e Cina, ma assemblato lì, in una fabbrica di proprietà 50/50 dei due marchi. la piattaforma, denominata ACE, dovrebbe presto essere utilizzata da Geely anche su altre future vetture.

Un prezzo annunciato a settembre

Un SUV elettrico, che è anche premium, è costoso. E il prezzo di questa Smart è il grande mistero del momento. Dovrebbe essere revocato a settembre, quando apriranno i preordini. Le consegne, nel frattempo, dovrebbero iniziare a gennaio 2023. Tuttavia, finora abbiamo scoperto solo un modello e un motore n. 1. Ce ne sono altri meno potenti nel programma? “Non neghiamo” indica la direzione del segno. E una versione Brabus, più apertamente sportiva, è progettata secondo una tradizione Smart? “Ci stiamo pensando” dice la stessa fonte. Continua.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

le autorità filo-russe annunciano che “circa 5000” civili sono stati uccisi e che “dal 60% al 70%” delle case sono state distrutte

“Non vogliono Russell Westbrook”